Dolore

Cannabis medica, diminuisce il dolore cronico e l'uso di altri antidolorifici

Quasi un terzo dei pazienti con dolore cronico riferisce di usare cannabis terapeutica per gestirlo, e in più della metà di questi ultimi la cannabis diminuisce l'uso di altri farmaci antidolorifici, inclusi gli oppioidi. È quanto mostra un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open.

Quasi un terzo dei pazienti con dolore cronico riferisce di usare cannabis terapeutica per gestirlo, e in più della metà di questi ultimi la cannabis diminuisce l'uso di altri farmaci antidolorifici, inclusi gli oppioidi. È quanto mostra un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open.

"Il fatto che i pazienti riferiscano di sostituire così tanto la cannabis con gli antidolorifici sottolinea davvero la necessità di ricerca sui benefici e sui rischi dell'uso della cannabis per il dolore cronico", evidenzia l'autore principale Mark C. Bicket, assistente professore, Dipartimento di Anestesiologia e direttore presso l’Opioid Prescribing Engagement Network, University of Michigan, Ann Arbor.

Tuttavia, ha aggiunto l’autore, la domanda è se si stanno rivolgendo alla cannabis e allontanando da altri trattamenti antidolorifici. "Ciò che non è chiaro e una delle lacune che volevamo affrontare nello studio era se l'uso di cannabis medica sta cambiando l'uso di altri trattamenti per il dolore cronico", ha affermato Bicket.

Diminuzione dell'uso di oppioidi
Il sondaggio ha incluso un campione rappresentativo di 1724 adulti americani di età pari o superiore a 18 anni con dolore cronico non oncologico che vivono in aree in cui è attivo un programma di uso di cannabis medica.

Agli intervistati è stato chiesto del loro uso di tre categorie di trattamenti del dolore. Ciò includeva la cannabis medica; trattamenti farmacologici inclusi oppioidi da prescrizione, analgesici non oppioidi e analgesici da banco; e trattamenti non farmacologici comuni come terapia fisica, meditazione e terapia cognitivo comportamentale (CBT).

Poco più del 96% degli intervistati ha completato l'intero sondaggio. Circa il 57% del campione era di sesso femminile e l'età media del campione dello studio era di 52,3 anni.
Tra i partecipanti allo studio, il 31% (IC 95%, 28,2% - 34,1%) ha riferito di non aver mai usato cannabis per gestire il dolore; Il 25,9% (95% CI, 23,2% - 28,8%) ha riportato l'uso negli ultimi 12 mesi e il 23,2% (95% CI, 20,6% - 26%) ha riferito l'uso negli ultimi 30 giorni.

"Questo si traduce in un gran numero di individui che usano la cannabis in modo medico previsto" per trattare condizioni croniche come lombalgia, emicrania e fibromialgia, ha affermato Bicket.
Più della metà degli intervistati ha riferito che il consumo di cannabis terapeutica ha portato a una diminuzione dell'uso di oppioidi su prescrizione, dell'uso di non oppioidi su prescrizione e dell'uso di farmaci da banco.

Bicket ha notato che "quasi nessuno" ha affermato che l'uso di cannabis medica ha portato a un maggiore uso di questi farmaci.
Per quanto riguarda i trattamenti non farmacologici, il 38,7% ha riferito che l’uso di cannabis ha portato a un uso ridotto della terapia fisica, il 19,1% a un uso inferiore della meditazione e il 26% a un uso inferiore della CBT. Allo stesso tempo, rispettivamente il 5,9%, il 23,7% e il 17,1%, ha riferito che ha portato a un maggiore uso di terapia fisica, meditazione e CBT.

In America, la cannabis terapeutica è regolamentata a livello statale. A livello federale non si ritiene abbia un uso terapeutico, sebbene alcuni gruppi stiano cercando di cambiare tale categorizzazione, ha affermato Bicket.
Di conseguenza, i prodotti a base di cannabis "sono piuttosto variabili" in termini di modalità di utilizzo (fumati, mangiati ecc.) e nella loro composizione, compresa la percentuale di cannabidiolo (CBD) e tetraidrocannabinolo (THC).

"Non abbiamo davvero un buon senso dei relativi rischi e benefici che potrebbero derivare dalla cannabis come trattamento per il dolore cronico", ha affermato Bicket. "Come medico, è difficile discutere con i pazienti perché non sono in grado di comprendere i prodotti che stanno utilizzando in base a questo ambiente normativo che abbiamo".
Ha aggiunto che i medici "stanno operando in un'area di incertezza in questo momento".
Dunque, è necessario proseguire con la ricerca per determinare quanto la cannabis terapeutica sia sicura ed efficace per il dolore cronico.

Dolore un'indicazione principale
Commentando i risultati, Jason W. Busse, professore presso il Dipartimento di Anestesia e direttore associato, Center for Medicinal Cannabis Research, McMaster University di Hamilton, Canada, ha affermato che lo studio rafforza i risultati di alcune ricerche precedenti.

"Ci fornisce informazioni aggiornate che certamente evidenziano l'alto tasso di utilizzo della cannabis terapeutica tra le persone con dolore cronico una volta che sarà legalmente disponibile".
Inoltre, questo alto tasso di utilizzo "significa che abbiamo un disperato bisogno di informazioni sui benefici e sui danni" della marijuana medica, ha affermato.
Busse ha notato che il sondaggio non ha fornito informazioni sui tipi di cannabis utilizzati o sulla modalità di somministrazione. Gocce d'olio e spray causano meno danni polmonari rispetto alle versioni affumicate, ha evidenziato.

Inoltre, non è chiaro dal sondaggio se i partecipanti stiano assumendo formulazioni con alti livelli di THC che sono associati a un maggior rischio di danno.
Ha notato che la cannabis può interagire con i farmaci da prescrizione per renderli meno efficaci o, in alcuni casi, per aumentare i loro effetti avversi.
Busse ha sottolineato che alcuni pazienti potrebbero usare meno oppioidi perché i medici sono sottoposti a "un'enorme pressione" per ridurre le prescrizioni di questi farmaci sulla scia dei picchi di overdose e decessi da oppioidi.

Il dolore cronico è "assolutamente l'indicazione principale" per la cannabis medica, ha affermato Busse, evidenziando che questo nuovo studio si spera aumenti l'interesse per il finanziamento di nuovi studi "in modo da poter avere prove migliori per guidare la pratica per aiutare i pazienti a prendere decisioni".
Lo studio ha ricevuto il sostegno del National Institute on Drug Abuse (NIDA).

Mark C. Bicket et al., Use of Cannabis and Other Pain Treatments Among Adults With Chronic Pain in US States With Medical Cannabis Programs
JAMA Netw Open. 2023;6(1):e2249797. doi:10.1001/jamanetworkopen.2022.49797
leggi