Dolore

Cannabis, nella gestione del dolore nessun effetto collaterale grave dopo un anno di trattamento

La cannabis terapeutica utilizzata per un anno con assunzioni giornaliere in pazienti attentamente monitorati, non comporta aumento degli effetti avversi gravi rispetto a pazienti non trattati. Questo è quanto mostrato da un gruppo di ricerca canadese guidato dal Dr. Mark Ware dell'Istituto di Ricerca dell'Università McGill Health Centre (MUHC RI-) di Montréal in uno studio nazionale multicentrico. Il trial si è focalizzato sulla sicurezza della cannabis medica.

I risultati sono stati pubblicati online su The Journal of Pain. Gli autori sottolineano che tali dati serviranno come studio di riferimento sugli effetti collaterali della cannabis quando utilizzata nella gestione del dolore.

"Questo è il primo e più grande studio mai condotto sulla sicurezza a lungo termine del consumo di cannabis medica da parte di pazienti affetti da dolore cronico ", spiega l'autore principale, il dr. Ware, specialista del dolore presso l'Ospedale Generale di Montreal del MUHC e professore associato in Medicina della famiglia e Anestesia presso la McGill University.
"Abbiamo scoperto che la cannabis medica-ha proseguito il dr. Ware- in caso di utilizzo da parte di pazienti che l’hanno già utilizzata, e come parte di un programma di trattamento controllato per il dolore cronico per più di un anno, sembra avere un profilo di sicurezza ragionevole."
Nell'ambito dello studio COMPASS (Cannabis for the Management of Pain: Assessment of Safety Study), iniziato nel 2004, i ricercatori hanno seguito 215 pazienti adulti con dolore non oncologico cronico, che utilizzavano cannabis medica, rispetto a un gruppo di controllo di 216 soggetti con dolore cronico che non erano in trattamento con cannabis. 
Lo studio ha coinvolto sette centri con competenze di gestione del dolore in tutto il Canada, precisamente a Fredericton, Halifax, Londra, Montreal (due siti), Toronto e Vancouver.
I soggetti che assumevano cannabis hanno avuto accesso alla cannabis contenente il 12,5% di THC attraverso un produttore di cannabis autorizzato. La cannabis è stata erogata attraverso la farmacia ospedaliera in ogni sito, che ogni mese riforniva i pazienti, dopo aver completato le visite e gli esami richiesti. Ai pazienti sono state date informazioni relative agli effetti nocivi e sono stati sottoposti alla valutazione della funzione polmonare e a test cognitivi.
I pazienti hanno anche risposto a domande relative al loro dolore, umore e qualità della vita nel corso di un anno di follow-up. Un certo numero di soggetti sono stati sottoposti a pannelli completi di esami del sangue per la biochimica di routine, funzionalità epatica e renale e livelli di ormoni selezionati. La quantità media di cannabis utilizzata complessiva è stata di 2,5 grammi al giorno se fumata, vaporizzata o assunta per via orale.
"I nostri dati mostrano che i consumatori di cannabis non avevano un rischio maggiore rispetto ai non utilizzatori (gruppo di controllo) di sperimentare gravi eventi avversi, (IRR aggiustato=1.73, 95% CI=1.41-2.13) '' ha evidenziato il dr. Ware che è anche ricercatore sul “Brain Repair and Integrative Neuroscience” presso l’RI-MUHC.
“Non abbiamo trovato alcuna evidenza di effetti nocivi sulla funzione cognitiva, o esami del sangue tra i consumatori di cannabis e abbiamo osservato un miglioramento significativo nei loro livelli di dolore, angoscia, umore e qualità della vita rispetto ai controlli” ha aggiunto il dr. Ware.
Tuttavia, i ricercatori hanno segnalato un aumento del rischio di eventi avversi non gravi nei consumatori di cannabis medica come mal di testa, nausea, vertigini, sonnolenza, e problemi respiratori associati con il fumo.
"E 'importante notare i limiti dello studio", aggiunge il dottor Ware. "I pazienti sono stati auto-selezionati, non randomizzati, e gli utenti per la maggior parte l’avevano già utilizzata. Quindi, quello che stiamo vedendo è che la cannabis terapeutica sembra essere un farmaco relativamente sicuro quando utilizzato da persone che hanno già sperimentato il trattamento con successo. Ovviamente gli autori sottolineano che non possono trarre conclusioni sulla sicurezza nei nuovi consumatori di cannabis ".
Emilia Vaccaro
Ware M. A. et al. Cannabis for the Management of Pain: Assessment of Safety Study (COMPASS).The Journal of Pain, 2015; DOI: 10.1016 / j.jpain.2015.07.014
leggi

SEZIONE DOWNLOAD