I ricercatori del Meir Medical Centre dell’Università di Tel Aviv hanno scoperto che gli adolescenti e i bambini che usualmente consumano gomma da masticare soffrono in maniera eccessiva di cefalea. I risultati, pubblicati sulla rivista Pediatric Neurology, potrebbero contribuire a trattare innumerevoli casi di emicrania e mal di testa da tensione muscolare negli adolescenti senza la necessità di test o farmaci aggiuntivi.

Il mal di testa è comune nell'infanzia e diventa sempre più comune e frequente durante l'adolescenza, in particolare tra le ragazze. La cefalea cronica o ricorrente è comune nei bambini;  la sua prevalenza prima dell'età di 12 anni è di circa il 2,5% per entrambi sessi, poi aumenta progressivamente fino al 10%, con preponderanza femminile. Tuttavia, fino al 40% dei bambini in età scolare lamentano di mal di testa sporadici e circa il 75% avrà sperimentato un mal di testa intenso prima dei 15 anni di età.

Recentemente, un sondaggio tra 60 studenti delle scuole superiori ha rivelato che l’ 84% ha avuto mal di testa ricorrenti e che le femmine sono state le più colpite. A scatenare questi mal di testa tipicamente sono lo stress, la stanchezza, la mancanza di sonno,  il calore eccessivo, i videogiochi, il rumore, la luce del sole, il fumo, i pasti persi e le mestruazioni. Ma fino ad ora non vi è stata ricerca medica sul rapporto tra gomme da masticare ed emicranie.

Il dottor Natan Watemberg, autore dello studio, ha notato che molti pazienti che riferivano mal di testa erano masticatori quotidiani di gomma. Le ragazze adolescenti sono particolarmente avide masticatrici,  constatazione supportata da precedenti studi odontoiatrici . Il Dr. Watemberg ha scoperto che in molti casi, quando i pazienti si fermarono dal masticare la gomma da masticare ottengono un sostanzialmente miglioramento del mal di testa.

I ricercatori hanno chiesto, a 30 pazienti tra i 6 e i 19 anni che sperimentavano episodi di emicrania o tensione, mal di testa cronico e masticavano giornalmente gomme, di smettere di masticare per un mese.

A tutti i pazienti è stato chiesto di compilare un questionario relativo alle caratteristiche del proprio mal di testa, a potenziali fattori scatenanti, storia familiare di mal di testa e di descrivere le loro abitudini i masticare la gomma. Sono stati poi classificati in quattro gruppi a seconda del numero di ore giornaliere in cui masticavano la gomma.

Dai questionari, i ricercatori hanno appreso che i pazienti avevano masticato gomme per almeno un'ora fino a più di sei ore al giorno, fino all’arruolamento nello studio.

A questo punto gli è stato chiesto di non masticare gomme per un mese. Dopo tale periodo, 19 dei 30 pazienti hanno riferito che le loro emicranie erano completamente scomparse e sette avevano riportato una riduzione della frequenza e dell'intensità delle cefalee. Per avvalorare ulteriormente questo collegamento, 26 piccoli pazienti hanno accettato di riprendere a masticare le gomme per due settimane. Il risultato è stato che tutti hanno riportato un ritorno dei sintomi in pochi giorni .

Due studi precedenti sul collegamento tra chewing gum e il mal di testa avevano già ipotizzato delle possibili spiegazioni. Uno studio ha suggerito che la gomma da masticare è causa di stress per l'articolazione temporo-mandibolare (ATM), il luogo dove la mandibola incontra il cranio. L'altro studio ha puntato il dito sull’ aspartame, il dolcificante artificiale utilizzato nelle gomme da masticare più popolari. E’ stato dimostrato che disfunzioni a livello dell'ATM causano mal di testa, mentre le prove sull’ aspartame sono più confuse .

Anche secondo i ricercatori di Tel Aviv,  in tale collegamento c’è il coinvolgimento dell'ATM . Le gomme da masticare, sottolinea Watemberg, bisogna masticarle solo per un breve periodo di tempo. Per quanto riguarda la teoria sul coinvolgimento dell’aspartame, il Dr Watemberg fa notare che le gomme da masticare non contengono un’alta percentuale di aspartame; se fosse l’aspartame la causa del mal di testa, ci sarebbero molti più mal di testa da bevande dietetiche e prodotti artificialmente zuccherati . D'altra parte , la gente continua a masticare la gomma anche dopo che è terminato il gusto iniziale, sovraccaricando di lavoro proprio l'ATM, che è già l'articolazione più utilizzata nel corpo.

In conclusione, i ricercatori evidenziano che i risultati di questo studio possono essere utilizzati immediatamente; i medici dovrebbero consigliare agli adolescenti con cefalea cronica di non masticare più gomma e già questo accorgimento potrebbe mettere fine al loro disturbo senza la necessità di prove diagnostiche costose .

Emilia Vaccaro
Pediatr Neurol. 2014 Jan;50(1):69-72. doi: 10.1016/j.pediatrneurol.2013.08.015. Epub 2013 Nov 1. The influence of excessive chewing gum use on headache frequency and severity among adolescents. Watemberg N1, Matar M2, Har-Gil M3, Mahajnah M4

leggi