La combinazione di glucosamina e condroitin solfato produce una diminuzione del 50,1% nell’indice di dolore WOMAC (Western Ontario and McMaster OA index), che è paragonabile al decremento del 50,2% osservato nei pazienti che nello stesso studio avevano ricevere celecoxib. Questo importante dato è stato pubblicato sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases.

Questo nuovo studio clinico controllato randomizzato ha fornito supporto a un’ipotesi sollevata nel 2008 dallo studio Glucosamine/Chondroitin Arthritis Intervention Trial (GAIT) in cui era stato osservato che la glucosamina più il condroitin solfato potrebbero fornire sollievo dal dolore clinicamente significativo in pazienti con dolore moderato da osteoartrite del ginocchio (OA), nonostante questo trattamento sia inefficace contro il dolore OA più mite.

Il dr. Marc C. Hochberg, dell’University of Maryland School of Medicine, Baltimora, insieme a ricercatori di Francia, Germania, Polonia e Spagna hanno effettuato uno studio multicentrico denominato studio MOVES  “Multicentre Osteoarthritis Intervention trial with SYSADOA (symptomatic slow-acting drug for OA)” è stato uno studio in doppio cieco, ha arruolato 606 pazienti con OA del ginocchio di grado 2 e 3 di Kellgren e Lawrence. I criteri di inclusione includevano dolore da moderato a grave, definito come un punteggio WOMAC di 301 o superiore su una scala da 0 a 500.

I pazienti hanno ricevuto condroitin solfato  (CS) 400 mg e glucosamina cloridrato (GH) 500 mg tre volte al giorno o celecoxib 200 mg al giorno per 6 mesi.
L'esito primario era la riduzione media del punteggio WOMAC del dolore a 6 mesi. Gli esiti secondari includevano la funzione WOMAC e la rigidità, il dolore misurato sulla scala analogica visiva, la presenza di gonfiore/versamento, l'uso di farmaci di salvataggio, e misure di outcome riportati nei criteri per gli studi clinici reumatologia e dalla società internazionale sull'osteoartrite oltre lo stato di salute EuroQoL-5D a 6 mesi.

Il cambiamento nel punteggio del dolore WOMAC era -185,7 (-50,1%) dopo trattamento con CS + GH rispetto a -186,8 (-50,2%) con celecoxib (p=0.92). Questo risultato incontra il criterio di non inferiorità di una diminuzione di -40 unità nel punteggio WOMAC.
A 6 mesi, almeno il 79% dei pazienti in ciascun gruppo soddisfaceva i criteri OMERACT-OARSI.
Sono state anche osservate differenze significative nella riduzione del dolore sulla scala analogica visiva (48,0% con CS + GH vs 48,8% con celecoxib) e nelle valutazioni globali di attività della malattia sia da parte di pazienti che dei medici sia nel tasso di risposta (79% in entrambi i gruppi), che nella riduzione del gonfiore.

Misure relative qualità della vita sono risultate simili in entrambi i gruppi.
Il pazienti appartenenti al gruppo CS + GH hanno utilizzato più farmaco di salvataggio durante il primo mese di studio, ma l'uso di farmaci di salvataggio è stata bassa e simile per entrambi i gruppi nei mesi successivi.
I tassi di eventi avversi correlati al trattamento sono stati del 51,0% con CS + GH e del 50,5% con celecoxib. I tassi di eventi avversi gravi sono stati del 2,3%, con CS + GH e del 3,3% con celecoxib.
Ventidue pazienti in ciascun gruppo di trattamento hanno interrotto il farmaco.

Gli autori hanno concluso che: "Lo studio MOVES ha trovato che la combinazione a dose fissa di condroitin solfato più glucosamina ha un'efficacia comparabile a celecoxib nel ridurre il dolore in pazienti con OA del ginocchio con dolore moderato-grave, dopo 6 mesi di trattamento. La riduzione del dolore è stata clinicamente importante e statisticamente significativa (riduzione del 50% in entrambi i gruppi), c’è stato miglioramento della rigidità (riduzione del 46,9% con l'associazione vs 49,2% con celecoxib), e della funzione (45,5% vs 46,4%, rispettivamente). Questi risultati confermano ed estendono quelli dello studio GAIT in pazienti con grave dolore al ginocchio. "

I ricercatori hanno fatto notare che lo studio ha escluso  pazienti con alto rischio cardiovascolare o gastrointestinale. Essi inoltre avvertono che anche se i risultati di questo studio sono in linea con quelli del sottogruppo di pazienti dello studio GAIT con grave OA del ginocchio, non sarebbero da confrontare direttamente con altri studi con CS + GH o celecoxib, causa di differenze nel disegno dello studio.

Gli autori hanno quindi sottolineato che anche l’evidenza clinica è in conflitto. Per quanto riguarda l'efficacia di condroitin solfato e i due sali disponibili in commercio di glucosamina cloridrato e solfato disponibili per la prescrizione nell'Unione europea, e che le linee guida basate sulle evidenze correnti sconsigliano il loro utilizzo a causa della mancanza di efficacia , ma non a causa di problemi di sicurezza. Tuttavia, gli autori suggeriscono anche che lo studio sostiene l'uso della combinazione di una alternativa ai farmaci anti-infiammatori non steroidei per i pazienti con malattie cardiovascolari o gastrointestinali.

I limiti dello studio, fonte di preoccupazione per i medici nel Regno Unito e gli Stati Uniti, sono che la combinazione CS + GH utilizzata in questo studio è stata approvata come farmaco di prescrizione in Europa, ma non altrove, e che i risultati di questo studio non possono essere generalizzati ad altre miscele, come integratori alimentari over-the-counter, o al trattamento con i singoli componenti.

Il dr. Thomas Osborn, reumatologo presso la Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, che non era coinvolto nel processo MOVES, ha dichiarato: "I dati sono molto solidi. Sono convinto. Non sembra essere stato trascurato nulla. La maggior parte dei medici hanno già deciso se incoraggiare il paziente a mantenere la loro terapia o provare glucosamina/condroitina. Dubito che questo studio cambierà il modo di pensare di molti clinici. Se i miei pazienti chiederanno informazioni, il mio suggerimento sarà di provare. Se non otterranno nessun sollievo del dolore, consiglierò di interrompere il trattamento dopo 1-2 mesi. La mia esperienza è stata di circa 1 su 20 che ha ottenuto sollievo significativo del dolore per un po' "

Resta dello scetticismo tra i medici sul perché la combinazione di queste due molecole dia benefici alquanto rilevanti mentre singolarmente non funzionano.
In conclusione, serviranno probabilmente altri studi per confermare questi dati ma al momento la combinazione di condroitin solfato e glucosamina sembra efficace e sicuro contro ilo dolore da moderato a grave in pazienti con osteoartrite del ginocchio.

Emilia Vaccaro
Hochberg MC. et al. Combined chondroitin sulfate and glucosamine for painful knee osteoarthritis: a multicentre, randomised, double-blind, non-inferiority trial versus celecoxib. Ann Rheum Dis doi:10.1136/annrheumdis-2014-206792
leggi