Dolore

Cure palliative in pazienti oncologici, l'importanza di un accesso precoce

I pazienti con cancro avanzato hanno una qualitą della vita significativamente migliore nelle settimane precedenti al decesso se ricevono un accesso precoce alle cure palliative. E' quanto evidenziato da una ricerca dell'Unitą di cure palliative dell'Universitą di Leeds e del Yorkshire Cancer Research e pubblicata su BMJ Open.

I pazienti con cancro avanzato hanno una qualità della vita significativamente migliore nelle settimane precedenti al decesso se ricevono un accesso precoce alle cure palliative. E’ quanto evidenziato da una ricerca dell'Unità di cure palliative dell'Università di Leeds e del Yorkshire Cancer Research e pubblicata su BMJ Open.

I ricercatori, hanno rilevato che una durata più lunga delle cure palliative è associata a un minor numero di ricoveri ospedalieri di emergenza ea un minor numero di decessi ospedalieri. Sebbene l'ospedale sia il luogo di fine vita più appropriato per alcuni pazienti, l'assistenza è generalmente valutata come significativamente inferiore rispetto a casa o a una casa di cura.

La ricerca ha anche scoperto che i pazienti che ricevono precocemente cure palliative hanno maggiori probabilità di accedere a farmaci antidolorifici chiamati oppioidi e hanno meno probabilità di ricevere trattamenti anti-cancro aggressivi nel periodo prima del decesso.
Le cure palliative mirano a far vivere i pazienti nel miglior modo possibile gestendo il dolore e altri sintomi dolorosi e fornendo supporto psicologico e sociale per i pazienti e i loro familiari o caregiver.

Questo è il primo studio britannico del genere, condotto su una grande popolazione; i ricercatori hanno utilizzato dati da 2.479 adulti deceduti per cancro tra gennaio 2010 e febbraio 2012 a Leeds.

Sono stati registrati dati relativi al momento preciso in cui i pazienti hanno avuto accesso alle cure palliative e in che modo questa tempistica ha influito sulla qualità della vita.
I risultati forniscono nuove prove che aiuteranno nello sviluppo ulteriore dei servizi di cure palliative.

L'autrice principale, Lucy Ziegler, ricercatrice universitaria dello Yorkshire Cancer Research, ha dichiarato: "Precedenti studi hanno dimostrato che l'intervento di cure palliative è associato a un'aumentata percentuale di decessi a casa e ad una riduzione dei ricoveri di emergenza. Tuttavia, nessuno studio ha indagato su quando e per come i pazienti lungo-degenti hanno bisogno di accedere a questa assistenza per ricevere benefici sulla qualità della vita.

"La nostra ricerca mostra che per chi ha un cancro avanzato, l'accesso alle cure palliative e una maggiore durata dell'assistenza sono significativamente associati a migliori indicatori di qualità della vita. Il nostro studio fornisce nuove prove a sostegno dell'integrazione precoce delle cure palliative per i pazienti oncologici. " ha aggiunto Ziegler.

Dei 2.479 pazienti inclusi nello studio, il 64,5% ha avuto accesso al supporto per cure palliative ed aveva una maggiore probabilità di venire ricevuto da persone che erano più giovani o di sesso femminile.

I soggetti con tumori del tratto gastrointestinale superiore avevano maggiori probabilità di ricevere cure palliative, mentre quelli con cancro ai polmoni o tumori del sistema nervoso centrale ne avevano meno.

Le persone che hanno ricevuto cure palliative per un tempo superiore alle due settimane prima della morte avevano molte più probabilità di terminare la loro esistenza in un ospizio piuttosto che in un ospedale. Quando le cure palliative sono state somministrate più di quattro settimane prima del decesso, i pazienti avevano meno probabilità di essere ricoverati in ospedale come emergenza.

Si stima che tra il 62% e l'86% dei pazienti con tumore avanzato provi dolore da moderato a grave prima del decesso. I ricercatori hanno scoperto che l'accesso alle cure palliative era associato ad avere il doppio delle probabilità di accedere a oppioidi forti per alleviare il dolore.
Cure palliative di durata superiore alle 32 settimane (prima del decesso) sono state associate a una riduzione della chemioterapia nelle ultime quattro settimane di vita.

In conclusione, come ha precisato Kathryn Scott, amministratore delegato dello Yorkshire Cancer Research,: "Questa ricerca dimostra chiaramente l'importanza dell'accesso anticipato alle cure palliative e l'enorme effetto che questo può avere nell'assicurare ai malati oncologici di sentirsi a proprio agio e di avere la migliore esperienza possibile alla fine della loro vita.

Lucy E Ziegler et al., Is palliative care support associated with better quality end-of-life care indicators for patients with advanced cancer? A retrospective cohort study

leggi