Dolore

Dall'Ospedale senza dolore al territorio senza dolore

Quest’anno l’appuntamento congressuale dell’Associazione Italiana per lo Studio del Dolore (AISD) cade in giorni molto significativi per l’impegno nella cura e nello studio del dolore. Il 35° Congresso AISD prenderà infatti il via a Napoli, domenica  27 maggio 2012, in occasione della XI edizione della “Giornata Nazionale del Sollievo”, mentre la chiusura del Congresso, il 29 maggio, coinciderà con l’avvio del Terzo Simposio sull’Impatto sociale del dolore cronico (Copenaghen, 29-31 maggio).

I lavori congressuali si apriranno con una tavola rotonda “Dall'Ospedale senza dolore al territorio senza dolore”, centrata sulle tematiche inerenti la legge 38, la legge sulle disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. La tavola rotonda sarà aperta alla cittadinanza e alle istituzioni. Il Congresso proseguirà nei giorni seguenti con sessioni specialistiche articolate in letture magistrali, tavole rotonde e presentazioni da parte di clinici di fama internazionale e nazionale, sulle ultime ricerche e sui  più  recenti approcci  terapeutici  per la gestione della sintomatologie algiche.

Riconoscere che il dolore incide fortemente sulla qualità della vita dei pazienti e che deve essere tra le priorità di ogni sistema sanitario nazionale è questione molto importante. Mentre il dolore acuto, in seguito a lesione o intervento chirurgico, è direttamente correlato all’evento traumatico e quindi agisce come segnale utile che allerta di un pericolo imminente, il dolore cronico di solito persiste per un periodo di tempo più lungo, quando ha perso l’utilità di sintomo ‘segnale d’allarme’. Inoltre, il dolore cronico produce nel paziente un complicato insieme di cambiamenti fisici, psicologici e sociali tali da avere nella maggior parte dei casi  rilevanti ricadute socio-economiche. Il dolore cronico grava pesantemente sull’individuo, ma anche sulla società, che si fa carico di enormi costi economici per il sistema sanitario.

Impatto sociale del dolore cronico
L’Associazione Italiana per lo Studio del Dolore fa parte della Federazione Europea delle Associazioni per lo Studio del Dolore (European Federation of IASP® Chapters - EFIC®) e collabora nell’impegno dell’EFIC® per portare all’attenzione dei governi Europei il problema dell’impatto sociale del dolore cronico. Una delegazione AISD sarà presente al Terzo Simposio Europeo sull’impatto sociale del dolore cronico, che si svolgerà a Copenaghen dal 29 al 31 maggio p.v.  Medici, manager della sanità pubblica e privata, esponenti politici e di associazioni di pazienti, provenienti da tutta Europa, si confronteranno sulle “best practices” per la cura del dolore presenti nelle rispettive nazioni, con l’obiettivo di promuovere l’attuazione della “Road Map for Action”, un piano d’azione risultato di un precedente incontro a Bruxelles nel maggio 2011, presso il Parlamento Europeo, per affrontare in modo efficace il problema del dolore cronico.



SEZIONE DOWNLOAD