Dolore

Deidroepiandrosterone solfato, possibile biomarcatore di dolore cronico

Uno studio americano ha evidenziato che le concentrazioni di deidroepiandrosterone solfato (DHEA-S) nel siero sarebbero ridotte nelle donne con dolore cronico. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Pain Medicine e potrebbero aiutare nella ricerca di un marcatore clinico del dolore cronico.

Uno studio americano ha evidenziato che le concentrazioni di deidroepiandrosterone solfato (DHEA-S) nel siero sarebbero ridotte nelle donne con dolore cronico. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Pain Medicine e potrebbero aiutare nella ricerca di un marcatore clinico del dolore cronico.

Il dolore cronico colpisce una persona su cinque a livello globale; una delle principali sfide è identificare biomarcatori per ottimizzare il trattamento.
Test sensoriali e imaging cerebrale sono stati identificati come biomarcatori promettenti per studi randomizzati controllati su analgesici. Tuttavia, mirano principalmente al dolore neuropatico o sono costosi e difficili da analizzare e interpretare. Attualmente, in ambito di ricerca e di pratica clinica non vi è consenso riguardo ai biomarcatori accettabili per il dolore cronico.

Gli studi sui biomarcatori del sangue per il dolore cronico sono stati incentrati principalmente sulla sensibilizzazione centrale, con poca considerazione per le risposte anormali allo stress.
.
Deidroepiandrosterone (DHEA) e la sua forma solfatata, DHEA-S, sono steroidi corticosurrenalici presenti nel sangue con proprietà neuroprotettive che producono anche ormoni sessuali.
In questo studio gli autori hanno ipotizzato che il DHEA e il DHEA-S possano catturare i meccanismi sottostanti sia la componente sensoriale che quella emotiva del dolore cronico e quindi i principali meccanismi neuroendocrini del dolore cronico specifici legati al sesso.

Il DHEA ematico e il DHEA-S (indicato come DHEA/-S) possono essere correlati al dolore cronico per le loro proprietà neuroprotettive, come la loro capacità di aumentare la neurogenesi e di proteggere i neuroni da effetti neurotossici; il loro potenziale per riflettere la funzione surrenalica e segnalare l'anomalia dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e la loro capacità di modulare le risposte infiammatorie. Livelli più bassi di DHEA/-S nel sangue possono quindi riflettere anomalie nel sistema nervoso centrale, nel sistema endocrino e nelle funzioni immunitarie che caratterizzano il dolore cronico nel corpo umano.

Inoltre, poiché il DHEA/-S funge da pro-ormone che fornisce steroidi, inclusi androgeni ed estrogeni, e date le relazioni intime ma complesse tra gli estrogeni, androgeni e dolore cronico, così come i distinti profili neuroendocrini tra uomini e donne, gli autori hanno ipotizzato un'associazione tra DHEA / -S e dolore cronico specifico per sesso.

Sebbene le attuali prove umane suggeriscano un’ associazione inversa tra dolore cronico e DHEA/-S ematico, prima di questo studio non è stato effettuato un esame specifico per sesso.
Precisamente, gli autori hanno ipotizzato che il dolore cronico fosse associato a bassi livelli ematici di DHEA/-S indipendentemente dall'effetto di malattie croniche e farmaci, inclusi gli oppioidi, e che il sesso modificherebbe l'associazione.

Hanno anche ulteriormente ipotizzato una relazione dose-risposta monotona tra la gravità del dolore cronico e i livelli di DHEA/-S nel sangue tali che la gravità del dolore cronico sarebbe negativamente associato ai livelli di DHEA/-S.
L'obiettivo generale era quello di esaminare le prove per la valutazione di DHEA e DHEA-S come biomarcatori del sangue per il dolore cronico in soggetti adulti statunitensi che vivono in comunità.

I partecipanti (n=1216) hanno fornito campioni di sangue tra le 6:00 e le 8:00 del mattino dopo un digiuno notturno e sono stati intervistati sui sintomi del dolore cronico.
Dei partecipanti, il 57% erano donne; il 43,6% degli uomini e il 44,0% delle donne avevano un'età compresa tra 50 e 64 anni, il 79,0% degli uomini e il 71,4% delle donne erano bianchi e il 47,4% degli uomini e il 38,2% delle donne aveva una laurea o un diploma di laurea.

Una percentuale maggiore di donne, il 37%, ha riferito dolore cronico rispetto agli uomini, il 34%.
Negli uomini, le concentrazioni sieriche di DHEA non differivano sulla base dello stato del dolore cronico (4,83 vs 4,79 ng/mL; p=0.87), e nemmeno i livelli di DHEA-S (107,7 vs 110,0 mg/dL; p=0,74).

Le donne con dolore cronico avevano livelli di DHEA di 4,23 ng/mL e livelli di DHEA-S di 54,6 mg/dL che erano significativamente inferiori rispetto alle donne senza dolore cronico (5,04 ng/mL; p=0,002; 68,6 mg/dL; p< 0. 001).

Il DHEA-S era significativamente associato allo stato del dolore tra le donne (95% CI, da -0,127 a -0,017; p=0,010) e rimaneva significativo dopo aggiustamento per l'uso di farmaci e sintomi di depressione (IC 95%, da -0,132 a -0,021; p=0,007).
Il DHEA non era significativamente associato allo stato del dolore tra le donne (IC 95%, da -0,086 a 0,011; p=0,13).

Con un'analisi lineare continua, il numero di posizioni del dolore (DHEA: 95% CI, da -0,078 a -0,014; p=0,0005; DHEA-S: 95% CI, da -0,095 a - 0,022; p=0,002) e il grado di interferenza (DHEA: 95% CI, da -0,027 a -0,001; p=0,034; DHEA-S: 95% CI, da -0,041 a -0,012; p<0,001) erano significativamente associati tra le donne.

Il dolore cronico ha spiegato il 29,3% della varianza osservata per DHEA tra le donne e il 28,9% della varianza per DHEA-S. Ulteriori predittori di associazione tra i valori di DHEA e il dolore cronico tra le donne erano età (p<.001), uso di farmaci oppioidi (p<.001), razza nera (p=0.002), uso di farmaci ipolipemizzanti (p=0.013) e costipazione (p=0.050).

Ulteriori predittori di associazione tra DHEA-S e dolore cronico erano età (p<0,001), razza nera (p=0.001), uso di farmaci oppioidi (p=0.002) , uso corrente di ormone femminile (p=0.013), livelli di ormone tiroideo (p=0.014), uso di farmaci antipertensivi (p=0.022), disturbo autoimmune (p=0.026), consumo moderato di alcol (p=0.030) e uso di farmaci antidiabetici (p=0.039).

Confrontando i sessi, i coefficienti specifici del sesso differivano in modo significativo (DHEA: p=0.046; DHEA-S: p=0.041).
Gli autori precisano che questo studio è stato limitato dal suo disegno trasversale, in cui non è stato possibile testare le relazioni causali.

Questi dati hanno indicato che DHEA o DHEA-S possono essere biomarcatori per il dolore cronico nelle donne. Sono necessari studi futuri per determinare se l'integrazione di DHEA possa dare un supporto per un'efficace terapia del dolore.

Rui Li  et al., Blood Dehydroepiandrosterone and Dehydroepiandrosterone Sulfate as Pathophysiological Correlates of Chronic Pain: Analyses Using a National Sample of Midlife Adults in the United States Pain Med. 2020 Nov 29;pnaa345. doi: 10.1093/pm/pnaa345. Online ahead of print.

leggi


SEZIONE DOWNLOAD