Dipendenza da oppioidi, idromorfone trattamento alternativo nei pazienti gravi o refrattari

Dolore

La terapia a base di iniezioni di idromorfone risulta non inferiore al trattamento con diacetilmorfina cloridrato (il principio attivo dell' eroina) nella cura della dipendenza grave da oppiacei. Questo è quanto mostrato dai risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Psychiatry che suggerisce un trattamento alternativo potenzialmente efficace per i pazienti gravi e refrattari al trattamento classico.

La terapia a base di iniezioni di idromorfone risulta non inferiore al trattamento con diacetilmorfina cloridrato (il principio attivo dell’ eroina) nella cura della dipendenza grave da oppiacei. Questo è quanto mostrato dai risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Psychiatry che suggerisce un trattamento alternativo potenzialmente efficace per i pazienti gravi e refrattari al trattamento classico.

"Il nostro studio dimostra che l’idromorfone, farmaco approvato per questa indicazione, è efficace quanto la diacetilmorfina nel ridurre l'iniezione di droghe da strada, tra cui l'eroina da strada", ha dichiarato Eugenia Oviedo-Joekes, del Centre for Health Evaluation and Outcome Sciences, Providence Health Care, St Paul's Hospital, a Vancouver, in Canada, autore principale dello studio.

"Per molti contesti in cui la diacetilmorfina non è autorizzata, l’idromorfone offre un'alternativa", ha aggiunto.

L'esperienza europea

Gli autori hanno sottolineato che questa tipologia di trattamento viene utilizzato in diversi paesi europei, tra cui Germania, Olanda, Svizzera e Danimarca, dove è riservato alle persone con dipendenze gravi, refrattari alla terapia standard di manutenzione orale con metadone o buprenorfina .

Nello studio gli autori evidenziano che sei studi randomizzati hanno dimostrato che il trattamento con diacetilmorfina è clinicamente più efficace e più conveniente rispetto al metadone per via orale per il sottogruppo di pazienti gravemente tossicodipendenti.

In un sottogruppo di pazienti trattati con idromorfone (sempre supervisionato), che è autorizzato come analgesico, gli autori hanno riferito di essere sorpresi del fatto che "i partecipanti erano in grado di rilevare che stavano ricevendo idromorfone (invece di diacetilmorfina)." Inoltre, idromorfone sembrava essere efficace come la diacetilmorfina, anche se i ricercatori hanno fatto notare che lo studio non è stato dimensionato per fare il confronto.

In questo nuovo studio di fase III, in doppio cieco che ha avuto l’obiettivo di valutare l’efficacia dei farmaci oppioidi nel lungo periodo (SALOME), i ricercatori hanno arruolato 202 utilizzatori di iniezioni di oppioidi (a lungo termine) da dicembre 2011 a dicembre 2013.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento sia con diacetilmorfina iniettabile (n=102) o idromorfone (n=100) fino a tre volte al giorno, sotto supervisione, per 6 mesi.
Tra i pazienti, il 30,7% erano donne; l'età media era di 44 anni.

Un’analisi per protocol (PP) ha dimostrato la non inferiorità dell’ idromorfone rispetto alla diacetilmorfina (-1,44; 90% intervallo di confidenza [CI], -3,22 a 0,27) in termini di numero di giorni di utilizzo dell’ eroina da strada, anche se il margine di 4 giorni non è stato osservato in un'analisi separata intent-to-treat (ITT) (-2,34; 90% CI, -4,14 a -0,52).

In termini di risultato di giorni totali di utilizzo di oppioidi come droga da strada, entrambe le analisi hanno confermato la non-inferiorità tra i due trattamenti (analisi ITT: -0.85; 90% CI, -2,97 a 1,25; analisi PP : -0.15; 90% CI, -2.09 a 1.76).

Sono stati segnalati cinque eventi avversi gravi legati al farmaco per l’iniezione di idromorfone, rispetto ai 24 nel gruppo diacetilmorfina (rate ratio, 0,21; 95% CI, 0,06 a 0,69). Crisi epilettiche e overdose hanno rappresentato 25 del 29 eventi avversi. Nessuna crisi epilettica si è verificata nei pazienti trattati con l'idromorfone.
Ci sono stati significativamente meno segnalazioni di sonnolenza e overdose nel braccio idromorfone.
“I risultati sottolineano il valore potenziale dell’ idromorfone come un trattamento alternativo. Il trattamento con iniettabili in cliniche specializzate ha un piccolo, ma molto importante, ruolo nel sistema di trattamento della dipendenza. La diacetilmorfina iniettabile, e ora l’idromorfone, hanno dimostrato di attrarre e mantenere i pazienti più vulnerabili al trattamento e ci darà la possibilità di prendersi cura di loro Non esiste un'unica risposta al problema della droga, e abbiamo bisogno di costruire una vasta gamma di opzioni. " ha aggiunto il dottor Oviedo-Joekes.

Pazienti difficili da trattare
In un editoriale di accompagnamento, Richard Schottenfeld e Stephanie S. O'Malley, entrambi del Dipartimento di Psichiatria, Università di Yale School of Medicine, New Haven, Connecticut, hanno sottolineato come questo studio sia particolarmente importante alla luce dell’epidemia di dipendenza dagli oppioidi - e i bassi tassi di trattamento.

"Una delle più importanti indicazioni di questo studio è la sua attenzione sullo sviluppo e la valutazione di trattamenti per alcune delle persone più difficili da raggiungere e difficili da trattare che si iniettano eroina," hanno scritto gli autori.
"Solo il 21% sono trattati per la dipendenza da oppiacei negli Stati Uniti, e circa il 50% sono trattati in Europa, con tassi di penetrazione del trattamento sostanzialmente inferiori in alcuni paesi europei e nella maggior parte del resto del mondo."

I due esperti dell’editoriale hanno anche avvertito che il modello di trattamento diacetilmorfina (o idromorfone) è consigliato solo per i pazienti più severi, dipendenti dalle iniezione di eroina, che può comportare rischi per le persone con dipendenze meno gravi.

Hanno aggiunto: "Non ci sono prove che il trattamento con diacetilmorfina sia efficace allo stesso modo o più di quello a base di metadone o buprenorfina per la stragrande maggioranza delle persone con disturbo da uso di oppioidi. Ci sono prove che la diacetilmorfina è associata a rischi maggiori rispetto a metadone o buprenorfina."
In conclusione, questo studio è un possibile passo lungo la strada per lo sviluppo di trattamenti alternativi per le persone che non beneficiano dei trattamenti attuali."

EV
Oviedo-Joekes E. et al. Hydromorphone Compared With Diacetylmorphine for Long-term Opioid Dependence: A Randomized Clinical Trial. JAMA Psychiatry. 2016 Apr 6. doi: 10.1001/jamapsychiatry.2016.0109.

leggi
Schottenfeld RS, O'Malley SS. Meeting the Growing Need for Heroin Addiction Treatment. JAMA Psychiatry. 2016 Apr 6. doi: 10.1001/jamapsychiatry.2016.0139.

leggi


SEZIONE DOWNLOAD