Dolore

Dipendenza da oppioidi, se tra le cause ci fosse la carenza di zinco?

Carenza di zinco e consumo di oppioidi sarebbero collegati. E' quanto scoperto da due ricercatori americani dopo un intervento di sostituzione totale dell'articolazione, una scoperta pilota che dicono potrebbe avere ampie implicazioni per frenare l'uso di oppioidi nel contesto postoperatorio. I risultati sono stati presentati al congresso annuale virtuale dell'International Anesthesiology Research Society.

Carenza di zinco e consumo di oppioidi sarebbero collegati. E’ quanto scoperto da due ricercatori americani dopo un intervento di sostituzione totale dell'articolazione, una scoperta pilota che dicono potrebbe avere ampie implicazioni per frenare l'uso di oppioidi nel contesto postoperatorio. I risultati sono stati presentati al congresso annuale virtuale dell’International Anesthesiology Research Society.

L'assenza di zinco nel recettore mu-oppioide perpetua la probabilità di sviluppare dipendenza fisica e dipendenza da oppioidi, hanno precisato i ricercatori.

"Durante la scuola di medicina, mi sono imbattuto in un documento che parlava dell'effetto dello zinco sul recettore degli oppioidi", ha detto Tyler Tantillo, ricercatore in chirurgia ortopedica presso la Zucker School of Medicine della Hofstra University/Northwell Health, a Hempstead, NY "Dopo ulteriori indagini , Mi sono reso conto che pochissimi studi hanno esplorato la relazione tra concentrazione di zinco e dipendenza da oppioidi negli esseri umani ".

Come hanno spiegato Tantillo e il suo co-investigatore Manoj Jagtiani, ricercatore in anestesiologia presso il Tufts Medical Center di Boston, precedenti ricerche su modelli murini hanno concluso che lo zinco può essere un potenziale coadiuvante terapeutico al trattamento degli oppioidi antagonizzando l'attivazione del recettore mu-oppioide.
Considerando questi risultati, l'attuale studio ha cercato di identificare i livelli di carenza di zinco tra i pazienti in terapia con oppioidi e determinare se tale carenza gioca un ruolo nella dipendenza da oppioidi anche a lungo termine.

I ricercatori hanno condotto una revisione prospettica multicentrica di 50 pazienti che avevano subito un'artroplastica totale elettiva dell'anca (THA; n=19) o un'artroplastica totale del ginocchio (PTG; n=31) per l'osteoartrite primaria. Ogni partecipante è stato sottoposto a esami del sangue di routine il giorno 1 postoperatorio, inclusi tre test specifici per la presenza dello zinco in: plasma, globuli rossi e protoporfirina. Si riteneva che i pazienti presentassero una carenza di zinco se la quantità di zinco nel plasma fosse inferiore a 56 mcg/dL.

Al momento della dimissione dall'ospedale, il consumo giornaliero totale di oppioidi è stato determinato in equivalenti milligrammi di morfina totale (MME). I pazienti sono stati quindi suddivisi in quelli che erano e non erano carenti di zinco.

Dei 31 pazienti con PTG, 12 (38%) hanno mostrato una carenza di zinco. Al contrario, 10 (52%) dei 19 pazienti con PTA erano carenti di zinco.

Indipendentemente dallo stato dello zinco, il consumo medio giornaliero totale di oppioidi è stato di 31,4 MME tra tutti i 50 pazienti. Per precisione, il consumo era di 35,3 MME tra i pazienti con PTG e 25,0 MME tra i pazienti con PTA.

Tuttavia, l'MME totale era significativamente diverso tra i pazienti che hanno dimostrato carenza di zinco. Quando i sottogruppi THA e PTG sono stati combinati, i pazienti con carenza di zinco sottoposti ad artroplastica articolare totale hanno consumato oppioidi a una media giornaliera di 38,2 MME, rispetto a 26,0 MME nelle loro controparti che avevano livelli normali di zinco (p=0,05).
Tra i pazienti con PTG, quelli che erano carenti di zinco hanno utilizzato un totale di 45,6 MME al giorno, rispetto a 28,7 nei pazienti non carenti (p=0,05).

Per i pazienti con PTA, il consumo totale giornaliero di MME era 29,3 tra i pazienti con carenza di zinco e 20,2 tra quelli con livelli normali di zinco (p=0,21).

"Attribuire l'aumento del consumo di farmaci oppioidi esclusivamente a una carenza di zinco è molto difficile. Quindi abbiamo fatto un'analisi univariata per vedere se altri predittori stavano influenzando il consumo di oppioidi dei pazienti. Anche dopo aver controllato una serie di fattori, lo zinco era ancora significativamente implicato nell'aumento del consumo di oppioidi " ha precisato Tantillo.

I risultati sono stati accolti con entusiasmo dai ricercatori, i quali ritengono che alla fine potrebbero avere il potenziale per influenzare l'assistenza clinica nei pazienti con carenza di zinco.

"Questo studio non è privo di limiti e fattori di confusione, ma la correlazione tra carenza di zinco e uso postoperatorio di oppioidi è importante", ha detto Jagtiani.
Secondi i due ricercatori, la ricerca futura si concentrerà sugli effetti della supplementazione di zinco sul consumo postoperatorio di oppioidi nei pazienti con artroplastica articolare totale.

"Abbiamo bisogno di una sperimentazione clinica per determinare i tempi del dosaggio e degli effetti collaterali" ha osservato Tantillo

Nel frattempo, Tantillo e Jagtiani ritengono che un semplice intervento possa avere un effetto duraturo.

"Il trattamento dei pazienti con un integratore di zinco è relativamente benigno", ha detto Jagtiani. "Naturalmente, nessun farmaco è privo di rischi, ma se un integratore economico e ampiamente disponibile potesse ridurre significativamente il consumo di oppioidi da parte dei pazienti, sarebbe un bel risultato. La bellezza di questo intervento è che può avere un impatto clinico in modo globale", ha aggiunto.

È stato segnalato che lo zinco ha effetti analgesici. Studi in vitro hanno dimostrato che lo zinco extracellulare modula una pletora di proteine di segnalazione di membrana, inclusi i recettori NMDA [acido N-metil-D-aspartico] contenenti la subunità NR2A, che mostrano un’alta sensibilità allo zinco.

Questi risultati aprono la porta a studi più ampi e controllati, secondo gli autori la supplementazione di zinco preoperatoria potrebbe essere una misura facile ed economica per migliorare il dolore, risparmiare l'uso di oppioidi e raccogliere tutti i benefici associati.

Manoj Jagtiani1, Tyler Tantillo2 ZN2+ Deficiency: A Cause of Opioid-Induced Physical Dependence and Addiction in Post- Operative Total Joint Arthroplasty Patients. Anesthesia and Analgesia


SEZIONE DOWNLOAD