Dolore al ginocchio, estratto di peperoncino intra-articolare efficace fino a 24 settimane

Dolore

Nei pazienti con dolore al ginocchio associato all'osteoartrosi, una singola iniezione da 1 mg di trans-capsaicina, un trattamento sintetico basato sull'estratto che conferisce ai peperoncini la loro caratteristica piccantezza, ha ridotto il dolore in misura significativa per 24 settimane, con un profilo di sicurezza simile al placebo, secondo i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Arthritis & Rheumatology.

Nei pazienti con dolore al ginocchio associato all'osteoartrosi, una singola iniezione da 1 mg di trans-capsaicina, un trattamento sintetico basato sull'estratto che conferisce ai peperoncini la loro caratteristica piccantezza, ha ridotto il dolore in misura significativa per 24 settimane, con un profilo di sicurezza simile al placebo, secondo i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Arthritis & Rheumatology.

L'osteoartrosi del ginocchio (OA) colpisce oltre il 10% delle persone con almeno 60 anni e le attuali opzioni di trattamento per il controllo del dolore sono considerate inadeguate, hanno scritto gli autori. La gestione include opzioni non farmacologiche e farmacologiche, molte delle quali comportano benefici a breve termine. Le terapie intra-articolari possono avere efficacia limitata. I trattamenti farmacologici comportano il rischio di effetti avversi che coinvolgono il sistema nervoso centrale, gastrointestinale, cardiovascolare e renale. Una sostituzione totale dell'articolazione del ginocchio fornisce spesso benefici a lungo termine, ma si tratta di un intervento chirurgico che comporta seri rischi e molti pazienti continuano ad avere dolore e disabilità dopo l’operazione.

Vi è pertanto una necessità non soddisfatta di terapie efficaci che riducano i rischi e forniscano un’efficace gestione del dolore. La capsaicina, la molecole che rende piccante il peperoncino, è un potente agonista del recettore TRPV1, un canale cationico non specifico che si apre con l'esposizione al calore, agli acidi e a determinati acidi grassi. All'interno del sistema nervoso periferico viene espresso selettivamente sui terminali dei nocicettori (fibre sensoriali del dolore). Dopo un breve periodo di attivazione, la capsaicina induce una desensibilizzazione a lungo termine dei nocicettori legati all'afflusso di calcio nei terminali nervosi, probabilmente dovuta a una retrazione reversibile dell'innervazione.

«CNTX-4975, o trans-capsaicina, funziona in modo diverso dalle terapie esistenti. Non deve essere costantemente presente nell'articolazione per produrre un effetto analgesico significativo e di lunga durata» ha dichiarato Randall Stevens di Centrexion Therapeutics. «Le dosi intra-articolari di CNTX-4975 utilizzate in questo studio sono state in grado di fornire una quantità sufficiente di trans-capsaicina a livello locale prima di lasciare l'articolazione. Sappiamo che dopo l'iniezione intra-articolare, CNTX-4975 viene rapidamente eliminato dall’organismo e i suoi livelli sistemici restano rilevabili per meno di 24 ore».

Per analizzare la sicurezza e l'efficacia di una singola dose di CNTX-4975 in pazienti con dolore cronico al ginocchio da moderato a grave associato all’osteoartrosi, Stevens e colleghi hanno condotto lo studio multicentrico in doppio cieco di fase IIb denominato TRIUMPH. Hanno reclutato partecipanti da 22 siti statunitensi, compresi gli adulti di età compresa tra 45 e 80 anni con dolore stabile per almeno 2 mesi. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, in un rapporto 2:1:2, per ricevere una singola iniezione intra-articolare di 0,5 mg di CNTX-4975, 1 mg di CNTX-4975 o placebo.

L'endpoint primario era l'area sotto la curva (AUC) per la variazione del dolore quotidiano dal basale nel Western Ontario and McMaster Universities Osteoarthritis Index pain (WOMAC) Question A1 (QA1) con un walking score da 0 a 10, per 12 settimane. Gli endpoint secondari di efficacia includevano un'analisi AUC simile degli esiti nei pazienti trattati con CNTX‐ 4975 0,5 mg e valutazioni estese fino a 24 settimane.

Trans-capsaicina 1 mg efficace sul dolore fino a 24 settimane
L'analisi di efficacia ha incluso 172 partecipanti, di cui 69 hanno ricevuto placebo, 33 hanno ricevuto 0,5 mg di CNTX-4975 e 70 la dose da 1 mg. Come riportato dagli autori, entro la settimana 12 ci sono state maggiori riduzioni del dolore AUC nei pazienti trattati con una delle due dosi di CNTX4975 rispetto a quelli sottoposti a placebo.

I minimi quadrati delle differenze sono stati di -0,79 per i partecipanti che hanno ricevuto 0,5 mg del farmaco (p=0,074) e -1,6 per quelli trattati con 1 mg (p<0,0001). Questi ultimi hanno mostrato miglioramenti significativi che si sono mantenuti alla settimana 24, con una minima differenza media (-1,4, p= 0,0002).

Nell'analisi di sicurezza sono stati inclusi un totale di 175 soggetti: 70 che hanno ricevuto placebo, 34 trattati con 0,5 mg di CNTX-4975 e 71 con 1 mg di farmaco. Gli eventi avversi associati al trattamento erano simili nei pazienti nei gruppi placebo e 1mg.

«I pazienti con dolore da moderato a grave da osteoartrosi del ginocchio, incluso un danno radiografico da moderato a grave, un indice di massa corporea BMI fino a 45 kg/m2 e che hanno fallito il trattamento precedente, con una singola iniezione intra-articolare di CNTX-4975 da 1 mg possono beneficiare di una riduzione del dolore e di un miglioramento dal 49% al 60% della rigidità e della funzionalità del ginocchio», ha affermato Stevens. «Questo effetto inizia entro il secondo giorno dal trattamento e il beneficio dura fino a 6 mesi, con un profilo di sicurezza sovrapponibile al placebo».

Bibliografia

Stevens RM et al. Randomized, Double‐Blind, Placebo‐Controlled Trial of Intraarticular Trans‐Capsaicin for Pain Associated With Osteoarthritis of the Knee. Arthritis Rheumatol. 2019 Sep;71(9):1524-1533.

Leggi