Dolore

Dolore cronico dopo parto cesareo, la morfina nell'anestesia spinale non basta a evitarne l'insorgenza

Uno studio pubblicato sul British Journal of Anesthesia evidenzia che la somministrazione di morfina come componente dell'anestesia spinale per il parto cesareo elettivo non Ŕ efficace nel ridurre l'incidenza di dolore cronico a 3 e 6 mesi dopo l'intervento chirurgico.

Uno studio pubblicato sul British Journal of Anesthesia evidenzia che la somministrazione di morfina come componente dell'anestesia spinale per il parto cesareo elettivo non è efficace nel ridurre l'incidenza di dolore cronico a 3 e 6 mesi dopo l'intervento chirurgico.

L’utilizzo del parto cesareo è aumentato negli anni e in Italia si parla di crescita nettamente superiore ad altri paesi europei, siamo infatti al sesto posto in Europa.

Perché la cicatrice del parto cesareo guarisca completamente, sono necessarie da quattro a sei settimane e ciò crea disagio, affaticamento e dolore che può persistere anche per un tempo maggiore.
Questa cicatrice, se non trattata, può portare a fastidiose conseguenze posturali, che possono sfociare in un mal di schiena, fastidioso e faticoso da risolvere senza l’intervento di un osteopata esperto.

C’è da considerare che la zona dove è presente la cicatrice è una zona di tessuto connettivo che non risponde più alle leggi meccaniche del tessuto precedente, in questo caso muscolare (dei muscoli addominali, e della parete dell’utero) quindi risulta più rigida.

Possono anche crearsi aderenze cicatriziali che favoriscono la rigidità della regione lombare e del bacino.
Per tale dolore vengono spesso prescritti farmaci antidolorifici

La morfina viene spesso aggiunta all'anestesia spinale per il parto cesareo considerando il meccanismo di azione selettivo sui recettori oppioidi nel midollo spinale.  Avevamo già parlato della scarsa azione della morfina durante il parto cesareo in quanto questo la sua azione comincia dopo 30 minuti dalla somministrazione mentre il dolore insorge prima leggi

Gli autori di questo nuovo studiano hanno invece mirato all’azione nel periodo post operatorio e quindi se la morfina intratecale usata per l'anestesia spinale potesse ridurre il rischio di dolore post-chirurgico cronico (CPSP).

E’ stato dunque condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, su 290 partorienti sane sottoposte a parto cesareo elettivo che sono state assegnate in modo casuale in un rapporto 1:1 a ricevere morfina intratecale 100 μg (n=145) o soluzione fisiologica normale (controllo; n =145) come parte dell'anestesia spinale.

La cura anestetica e la gestione del dolore postoperatorio sono state standardizzate in tutti i pazienti. L'outcome primario era l'incidenza di CPSP a 3 mesi. Gli esiti secondari includevano CPSP a 6 mesi, gravità del dolore e interferenza del dolore, misurati dal questionario Brief Pain Inventory utilizzando una scala di valutazione numerica a 11 punti, a 3 e 6 mesi dopo l'intervento chirurgico.

I risultati hanno mostrato che 276 pazienti hanno completato il follow-up di 3 mesi, 139 nel gruppo morfina e 137 nel gruppo placebo. L'incidenza della CPSP a 3 mesi era del 19% (27 su 139) nel gruppo morfina e del 18% (25 su 137) nel gruppo placebo (odds ratio, 1,08; intervallo di confidenza al 95%, 0,59-1,97; p=0,803) .

A 6 mesi, il dolore post chirurgico cronico era presente in 23 su 139 (16%) pazienti del gruppo morfina rispetto a 19 su 137 (14%) nel gruppo placebo (odds ratio, 1,23; intervallo di confidenza al 95%, 0,63-2,38; p=0,536) . I punteggi del questionario Brief Pain Inventory per la gravità del dolore e l'interferenza del dolore a 3 e 6 mesi erano simili tra i gruppi.

In conclusione, gli autori sottolineano che la somministrazione di morfina 100 μg come componente dell'anestesia spinale per il parto cesareo elettivo non è riuscita a ridurre l'incidenza del dolore cronico a 3 e 6 mesi dopo l'intervento chirurgico


Asish Subedi et al., Intrathecal morphine does not prevent chronic postsurgical pain after elective Caesarean delivery: a randomised controlled trial Br J Anaesth. 2022 Apr;128(4):700-707. doi: 10.1016/j.bja.2021.11.036. Epub 2022 Jan 26.

leggi