Dolore

Dolore cronico, quali antidepressivi sono efficaci?

Una nuova ricerca pubblicata sul British Medical Journal ha evidenziato che alcuni antidepressivi possono essere efficaci nel trattamento di determinate condizioni di dolore cronico, mentre per altri mancano dati convincenti sulla loro efficacia.

Una nuova ricerca pubblicata sul British Medical Journal ha evidenziato che alcuni antidepressivi possono essere efficaci nel trattamento di determinate condizioni di dolore cronico, mentre per altri mancano dati convincenti sulla loro efficacia.

Il dolore cronico colpisce tra un terzo e la metà della popolazione del Regno Unito. Il trattamento del dolore cronico è spesso subottimale, con farmaci comunemente usati che hanno benefici limitati o sconosciuti e talvolta effetti collaterali dannosi. Gli antidepressivi sono prescritti per aiutare a gestire il dolore cronico, anche quando la persona colpita non ha un disturbo dell'umore come la depressione. Il loro uso è andato aumentando nel tempo.

Un gruppo internazionale di ricercatori, inclusi accademici dell'Università di Warwick, ha scoperto che alcune classi di antidepressivi sarebbero efficaci nel trattamento di determinate condizioni di dolore negli adulti, mentre altre classi no oppure l'efficacia era sconosciuta.
Lo studio ha esaminato la sicurezza e l'efficacia degli antidepressivi nel trattamento del dolore cronico e, per la prima volta, riunisce tutte le prove esistenti in un unico documento.

I ricercatori affermano che i risultati mostrano che i medici devono considerare diversi dati disponibili prima di decidere di prescrivere antidepressivi per la gestione del dolore cronico.
Il professor Martin Underwood dell'Università di Warwick, coautore dell'articolo, ha dichiarato: "C'è un ruolo per gli antidepressivi nell'aiutare le persone che vivono con dolore cronico, tuttavia, questo è più limitato di quanto si pensasse in precedenza. Gli antidepressivi possono avere spiacevoli effetti collaterali che i pazienti potrebbero voler evitare. Dobbiamo lavorare di più per aiutare le persone a gestire il proprio dolore e vivere meglio".

L’analisi della letteratura ha esaminato 26 revisioni sistematiche dal 2012 al 2022 coinvolgendo oltre 25.000 partecipanti. Ciò includeva i dati di otto classi di antidepressivi e 22 condizioni di dolore, tra cui mal di schiena, fibromialgia, mal di testa, dolore postoperatorio e sindrome dell'intestino irritabile.
Gli antidepressivi inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRI) come la duloxetina sono risultati efficaci per il maggior numero di condizioni di dolore, come mal di schiena, artrosi del ginocchio, dolore postoperatorio, fibromialgia e dolore neuropatico.

Al contrario, gli antidepressivi triciclici, come l'amitriptilina, sono gli antidepressivi più comunemente usati per trattare il dolore nella pratica clinica, ma la revisione ha mostrato che non è chiaro quanto bene funzionino o se funzionino per la maggior parte delle condizioni di dolore.

L'uso di antidepressivi come trattamento per il dolore ha recentemente attirato l'attenzione a livello globale. Una linea guida del 2021 per la gestione del dolore primario cronico pubblicata dal National Institute for Health and Care Excellence (NICE) raccomanda di non utilizzare farmaci antidolorifici ad eccezione degli antidepressivi. La linea guida raccomanda diversi tipi di antidepressivi, come amitriptilina, citalopram, duloxetina, fluoxetina, paroxetina o sertralina per gli adulti che vivono con dolore cronico primario.

L'autore principale, il dott. Giovanni Ferreira dell'Institute for Musculoskeletal Health e Sydney Musculoskeletal Health dell'Università di Sydney, ha affermato che è necessario un approccio più sfumato alla prescrizione di antidepressivi per il dolore.
"Raccomandare un elenco di antidepressivi senza un'attenta considerazione dei dati per ciascuno di essi per diverse condizioni di dolore può indurre in errore medici e pazienti a pensare che tutti gli antidepressivi abbiano la stessa efficacia per le condizioni di dolore. Abbiamo dimostrato che non è così".

La co-autrice, la dott.ssa Christina Abdel Shaheed della School of Public Health e Sydney Musculoskeletal Health dell'Università di Sydney, ha dichiarato:
"I risultati di questa revisione aiuteranno sia i medici che i pazienti a soppesare i benefici e i danni degli antidepressivi per varie condizioni di dolore in modo che possano prendere decisioni informate su se e quando usarli".

Il dottor Ferreira ha affermato che esistono molteplici opzioni di trattamento per il dolore e che le persone non dovrebbero fare affidamento esclusivamente sugli antidolorifici per alleviare il dolore.
"Alcuni farmaci antidolorifici possono avere un ruolo nella gestione del dolore, ma devono essere considerati solo come una parte della soluzione. Per alcune condizioni di dolore, anche l'esercizio fisico, la fisioterapia e i cambiamenti dello stile di vita possono aiutare. Bisogna parlare con il proprio medico per saperne di più su quali alternative potrebbero essere appropriate."

Questa revisione ha esaminato i dati di oltre 150 studi clinici in un riepilogo accessibile che i medici possono utilizzare per aiutarli a prendere decisioni migliori per i loro pazienti con dolore cronico.

Lo stato attuale degli antidepressivi a livello globale
La maggior parte delle prescrizioni di antidepressivi per il dolore sono "off-label", il che significa che questi antidepressivi non sono stati approvati per essere prescritti per il dolore. Si pensa che molti antidepressivi aiutino con il dolore agendo su sostanze chimiche nel cervello che possono aiutare ad alleviare il dolore, come la serotonina. Tuttavia, non si sa esattamente il perché alcuni antidepressivi migliorano il dolore.

L'uso di antidepressivi è raddoppiato nei paesi OCSE dal 2000 al 2015 e l'uso di prescrizioni "off-label" di antidepressivi per il dolore è considerato un fattore che contribuisce a questo aumento. I dati provenienti da Canada, Stati Uniti, Regno Unito e Taiwan suggeriscono che tra gli anziani il dolore cronico è la condizione più comune che porta alla prescrizione di antidepressivi, ancor più della depressione.

Giovanni E Ferreira et al., Efficacy, safety, and tolerability of antidepressants for pain in adults: overview of systematic reviews. BMJ, 2023; e072415

leggi