Dolore da frattura di femore: blocco del nervo migliore del fentanyl, prima e dopo la chirurgia

Dolore

Come gestire il dolore nel paziente dopo frattura di femore? E' la domanda che si sono posti un gruppo di ricercatori indiani in un lavoro pubblicato su Anesthesia, essaays and research. Secondo i risultati di questo studio, il blocco del nervo femorale è migliore del trattamento iv con fentanyl quando utilizzato come analgesico pre e post operatorio in pazienti che devono essere sottoposti a chirurgia per fratture di femore.

Come gestire il dolore nel paziente dopo frattura di femore? E’ la domanda che si sono posti un gruppo di ricercatori indiani in un lavoro pubblicato su Anesthesia, essaays and research. Secondo i risultati di questo studio, il blocco del nervo femorale è migliore del trattamento iv con fentanyl quando utilizzato come analgesico pre e post operatorio in pazienti che devono essere sottoposti a chirurgia per fratture di femore.
Le fratture di femore sono molto dolorose in quanto il tessuto del periostio è riccamente innervato da diramazioni nervose del nervo femorale.
Il dolore peggiora con il movimento, quindi, qualunque spostamento o immobilizzazione del paziente può essere cruciale prima dell’intervento chirurgico.
Spesso, per lenire questo dolore, vengono utilizzati analgesici narcotici anche se il loro utilizzo può essere accompagnato da effetti collaterali quali depressione respiratoria, disturbi cognitivi, vomito, ritenzione urinaria.
Per limitare questi problemi, studi precedenti hanno mostrato che l’anestesia attraverso blocco del nervo femorale è efficace e sicura. 
Gli autori del lavoro sottolineano che la ropivacaina sta emergendo come anestetico sicuro per l’anestesia locale e regionale e sta rimpiazzando anestetici usati fino a poco tempo fa.
Il blocco del nervo femorale (FNB) viene effettuata sul paziente utilizzando uno stimolatore del nervo con un ago. Ci sono pochi dati per stabilire i benefici di una forma di analgesia rispetto alle altre.
Questo studio ha confrontato l’effetto analgesico dell’FNB, utilizzando uno stimolatore del nervo con lo 0.2% di ropivocaina (15 mL) rispetto alla somministrazione di fentanyl endovena prima che il paziente fosse posizionato per la chirurgia della frattura di femore sotto anestesia spinale.
Lo studio prospettico, randomizzato, in doppio ceco, di tipo comparativo ha arruolato 60 pazienti classificati come di classe I e II dall’American Society of Anesthesiologists e che dovevano essere sottoposti a chirurgia per frattura di femore con anestesia spinale epidurale combinata.
Sui 30 pazienti del gruppo I è stato effettuato l’FNB utilizzando la stimolazione del nervo con lo 0.2% di ropivocaina (15 mL) e al gruppo II (30 pazienti) è stato somministrato fentanyl iv 0.5 microg/Kg come analgesia preemptiva 
I parametri osservati hanno incluso: il tempo fino all’anestesia spinale, il dolore intraoperatorio e post operatorio valutato attraverso la visual analog scale (VAS) per ogni tipo di dolore e per le ricariche delle dosi epidurali post operatorie.
I risultati hanno mostrato che il profilo demografico era simile in entrambi i gruppi. Il punteggio VAS dopo 2 minuti era pari a 5.63 per il gruppo I e a 8.00 per il gruppo II.
Il punteggio relativo alla soddisfazione era migliore per i pazienti del gruppo I rispetto a quelli del gruppo II.
Il tempo per ottenere il blocco subaracnoidale è risultato di 17.80 minuti per il gruppo I e di 25.03 min per i pazienti del gruppo II.
Nel periodo post operatorio, il punteggio VAS è risultato più basso nel gruppo I rispetto al gruppo II e la frequenza delle ricariche epidurali era maggiore nel gruppo II rispetto al gruppo I.
In conclusione, il blocco del nervo femorale è migliore del fentanyl iv quando utilizzato come analgesico pre e post operatorio in pazienti che devono essere sottoposti a chirurgia per fratture di femore.
Emilia Vaccaro


Singh AP et al. Intravenous analgesia with opioids versus femoral nerve block with 0.2% ropivacaine as preemptive analgesic for fracture femur: A randomized comparative study. Anesth Essays Res. 2016 May-Aug;10(2):338-42. doi: 10.4103/0259-1162.176403.
leggi


SEZIONE DOWNLOAD