Dolore

Dolore da osteoartrosi, gli esperti dell'Fda si esprimono contro tanezumab e chiedono ulteriori dati

Un comitato consultivo della Fda ieri ha votato con un margine di 19 a 1 contro il farmaco sperimentale per l'artrosi (OA) tanezumab, affermando di non credere che la strategia di valutazione e mitigazione del rischio (REMS) proposta dalle aziende produttrici garantirą che i benefici dell'anticorpo anti-NGF superi i rischi di un potenziale peggioramento del danno articolare pił rapidamente. Pfizer e il partner Eli Lilly avevano chiesto l'approvazione della Fda per tanezumab 2,5 mg, iniettato per via sottocutanea ogni otto settimane, per trattare il dolore nell'OA da moderata a grave negli adulti per i quali l'uso di altri analgesici sono inefficaci o non appropriati.

Un comitato consultivo della Fda ieri ha votato con un margine di 19 a 1 contro il farmaco sperimentale per l'artrosi (OA) tanezumab, affermando di non credere che la strategia di valutazione e mitigazione del rischio (REMS) proposta dalle aziende produttrici garantirà che i benefici dell'anticorpo anti-NGF superi i rischi di un potenziale peggioramento del danno articolare più rapidamente. Pfizer e il partner Eli Lilly avevano chiesto l'approvazione della Fda per tanezumab 2,5 mg, iniettato per via sottocutanea ogni otto settimane, per trattare il dolore nell'OA da moderata a grave negli adulti per i quali l'uso di altri analgesici sono inefficaci o non appropriati.

Tanezumab è un anticorpo monoclonale sperimentale appartenente a una nuova classe di medicinali chiamati inibitori del fattore di crescita nervoso (NGF), che agiscono in modo diverso rispetto ai trattamenti attualmente disponibili come oppioidi, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e altri analgesici. Negli studi condotti fino ad oggi, tanezumab non ha dimostrato un rischio di dipendenza o uso improprio.

Il voto del panel è in linea con una revisione del personale della Fda ampiamente negativa pubblicata all'inizio di questa settimana secondo cui tanezumab ha mostrato solo un beneficio "modesto" nei test clinici rispetto ai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), ma è collegato a un rischio più elevato di distruzione articolare e neuropatia.

Altri esperti hanno espresso preoccupazione per la REMS proposta da Pfizer, facendo eco a ciò che la Fda ha detto nei suoi documenti informativi su come una REMS potrebbe non prevenire o arrestare il progresso dei rischi legati alle articolazioni. Alcuni membri del board hanno anche sollevato preoccupazioni sui rischi sconosciuti a lungo termine e su come sia impossibile capire se un dato paziente sarà a rischio prima di prendere il trattamento.

Le discussioni del comitato consultivo si sono basate sulla domanda di licenza biologica (BLA) attualmente in fase di revisione da parte della Fda. Il BLA include i dati di 20 studi clinici di fase 1-3 che valutano la sicurezza e l'efficacia di tanezumab somministrato per via endovenosa o SC in pazienti con OA, inclusi tre studi cardine di fase 3 SC che hanno coinvolto più di 4.500 pazienti con OA da moderata a grave.

"Il dialogo durante il forum pubblico aperto della riunione del Comitato consultivo di questa settimana ha rafforzato l'urgente necessità di innovazione per le persone che vivono con dolore da artrosi da moderato a grave, molte delle quali eseguono tre o quattro terapie ogni anno senza un adeguato sollievo. Il dolore irrisolto può avere un impatto su tutti gli aspetti della loro vita, creando difficoltà fisiche, emotive, sociali e finanziarie ", ha affermato Ilya Yuffa, presidente di Lilly Bio-Medicines.

"L'osteoartrite è il tipo più comune di artrite e pone sfide uniche per i pazienti", ha affermato Steven Taylor, vicepresidente esecutivo, missione e iniziative strategiche per la Fondazione artrite. “Nonostante il suo impatto di vasta portata, molti pazienti convivono ancora con un dolore debilitante e sono esausti o non sono in grado di prendere o tollerare le terapie attualmente disponibili. Questo è il motivo per cui la Arthritis Foundation sostiene soluzioni di trattamento innovative e un approccio incentrato sul paziente per la gestione del dolore cronico per le persone con osteoartrite ".

Gli effetti collaterali non valgono il rischio
Nello spiegare il suo voto "no", il membro del panel Edward Cheng ha detto che "sicuramente questi pazienti hanno bisogno di altre terapie, ma non è questo il farmaco giusto". Altri membri del comitato consultivo hanno sollevato preoccupazioni sull'uso a lungo termine di tanezumab, osservando che mentre solo il 3% dei pazienti negli studi clinici ha sviluppato un'artrite più grave dopo l'assunzione del farmaco, i partecipanti allo studio sono stati seguiti solo per circa un anno nello studio più lungo, le percentuali potrebbero crescere nel tempo con l'uso nel mondo reale.

Gli effetti a lungo termine del farmaco "non dovrebbero essere ignorati, anche se lo si interrompe", ha aggiunto il relatore Steven Meisel, direttore del sistema per la sicurezza dei farmaci presso Fairview Health Services.
E sebbene Pfizer sviluppi tanezumab da più di 15 anni, in 41 studi clinici, più panelisti hanno richiesto ulteriori informazioni sul follow-up a lungo termine.

Jasvinder Singh, membro del comitato e professore di medicina presso l'Università dell'Alabama a Birmingham, ha chiesto uno studio a lungo termine con campioni molto più grandi, e dovrebbero esserci ulteriori approfondimenti per quanto riguarda la comprensione della fisiopatologia e della biologia di ciò che conduce a questa artrosi in rapida progressione, che il REMS ha lo scopo di aiutare a mitigare.

Il membro del comitato Karim Anton Calis, direttore della ricerca clinica e dell'ufficio di conformità presso l'NIH, ha aggiunto: "Ci mancano informazioni sul follow-up a lungo termine e non credo sia irragionevole chiedere uno studio di follow-up ... Vorrei che fosse stato fatto. "

Ken Verburg, team leader per tanezumab presso l'unità di sviluppo prodotto globale di Pfizer, ha affermato che "mentre siamo delusi dai risultati odierni, continuiamo a credere che tanezumab abbia un profilo rischio-beneficio positivo in questa popolazione di pazienti affetti da OA, molti dei quali sono desiderosi di nuove opzioni non oppioidi ". Pfizer ha osservato che tanezumab finora non ha dimostrato un rischio di dipendenza, uso improprio o dipendenza negli studi clinici. "Continueremo a lavorare con la Fda mentre l'agenzia continua la revisione della nostra domanda", ha aggiunto Verburg.


SEZIONE DOWNLOAD