Dolore Congresso ACR 2020

Dolore da osteoartrosi, l'anticorpo monoclonale tanezumab più efficace dei FANS dopo 16 settimane. #ACR2020

L'anticorpo monoclonale tanezumab è stato efficace nel migliorare il dolore in maniera clinicamente significativa dopo 16 settimane in pazienti con osteoartrosi (OA) rispetto a pazienti che avevano ricevuto farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). È quanto evidenziano i risultati di uno studio presentato all'American College of Rheumatology (ACR) Convergence 2020, tenutasi virtualmente dal 5 al 9 novembre 2020.

L’anticorpo monoclonale tanezumab è stato efficace nel migliorare il dolore in maniera clinicamente significativa dopo 16 settimane in pazienti con osteoartrosi (OA) rispetto a pazienti che avevano ricevuto farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). È quanto evidenziano i risultati di uno studio presentato all'American College of Rheumatology (ACR) Convergence 2020, tenutasi virtualmente dal 5 al 9 novembre 2020.

Tanezumab è un anticorpo monoclonale che ha dimostrato di inibire il fattore di crescita nervoso. I ricercatori hanno valutato la sicurezza e l'efficacia a lungo termine di tanezumab nell'OA (ClinicalTrials.gov Identifier: NCT02528188) e questa analisi aveva lo scopo di valutare l'effetto di tanezumab rispetto ai FANS.

I partecipanti idonei hanno soddisfatto determinati criteri ACR, tra cui OA dell'anca o del ginocchio con conferma ai raggi X; punteggi WOMAC (sottoscala di base del dolore e della funzione fisica delle università dell'Ontario occidentale e McMaster) di 5 o più; valutazione globale dell'OA di base del paziente di "giusto", "scarso" o "molto scarso"; una storia di sollievo inadeguato dal dolore con paracetamolo e una storia di inadeguato sollievo dal dolore con oppioidi, intolleranza agli oppioidi o riluttanza ad assumere oppioidi.

Tutti i pazienti prima dell'ingresso nello studio hanno ricevuto una dose stabile di FANS. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere tanezumab per via sottocutanea (2,5 o 5,0 mg ogni 8 settimane) o FANS orali due volte al giorno per un periodo di trattamento di 56 settimane.
La percentuale di pazienti che ha raggiunto un miglioramento del dolore clinicamente importante (≥30%) dal punteggio basale della sottoscala del dolore WOMAC è stata valutata alle settimane 16 e 56.

Un totale di 2996 pazienti hanno ricevuto almeno 1 dose del farmaco in studio in cieco e sono stati inclusi nelle analisi. Complessivamente, 1312 pazienti (63,6% -66,5% donne) hanno completato il periodo di trattamento di 56 settimane (42% -45% tra i gruppi). Le caratteristiche di base erano simili tra i gruppi di trattamento; l'età media variava da 60,3 a 61,2 anni e la durata dell'OA nell'articolazione dell'indice variava da 7,9 a 8,1 anni.

Una percentuale maggiore di pazienti nei gruppi tanezumab 2,5 mg e 5,0 mg rispetto al gruppo FANS ha ottenuto il 30% o più, il 50% o più e il 90% o più di riduzione del dolore entro la settimana 16.
In particolare, il 56,3% e il 57,6% dei gruppi tanezumab 2,5 mg e 5 mg, rispettivamente, rispetto al 51,5% del gruppo FANS (p≤0,05 per tutti) hanno ottenuto una riduzione del dolore al basale del 30% o più entro 16 settimane.
Inoltre, l'8,2% del gruppo tanezumab 5 mg rispetto al 4,9% del gruppo FANS ha ottenuto una riduzione del 90% o più del dolore al basale alla settimana 16 (p≤0,05 per tutti).

Alla settimana 56, la percentuale di pazienti con riduzione del dolore clinicamente importante era comparabile tra i gruppi tanezumab e FANS. Inoltre, non c'erano differenze significative tra i gruppi nel numero di pazienti che hanno ottenuto un miglioramento clinicamente importante minimo e/o uno stato sintomatico accettabile per il paziente alle settimane 16 e 56.

Nel complesso, la maggior parte dei pazienti che hanno ricevuto tanezumab rispetto ai FANS ha avuto miglioramenti del dolore clinicamente più importanti alla settimana 16. Tuttavia, "il dolore composito e il miglioramento della funzione e il livello di gravità accettabile dopo il trattamento erano simili per tanezumab e FANS", hanno scritto gli autori dello studio.

Hunter D, Neogi T, Churchill M, et al. Clinically important improvements in patients with osteoarthritis treated with subcutaneous tanezumab: results from a 56-week randomized NSAID-controlled study. Presented at: ACR Convergence 2020; November 5-9, 2020. Abstract 1641.


SEZIONE DOWNLOAD