Dolore e differenza tra etnie, possibile implicazione dei recettori degli oppioidi

Dolore

Un lavoro pubblicato su Pain evidenzia che differenze fisiologiche a livello cerebrale, soprattutto per la diversa concentrazione dei recettori per gli oppioidi, potrebbero essere alla base delle disparitÓ di dolore legate all'etnia. Se replicati, questi risultati sottolineerebbero ulteriormente la necessitÓ di trattamenti su misura in alcune popolazioni.

Un lavoro pubblicato su Pain evidenzia che differenze fisiologiche a livello cerebrale, soprattutto per la diversa concentrazione dei recettori per gli oppioidi, potrebbero essere alla base delle disparità di dolore legate all'etnia. Se replicati, questi risultati sottolineerebbero ulteriormente la necessità di trattamenti su misura in alcune popolazioni.

Numerose prove dimostrano disparità sistematiche di dolore tra individui neri/afroamericani e bianchi non ispanici (NHW ). In particolare, gli adulti neri/afroamericani tendono a riferire una maggiore intensità del dolore clinico, disabilità maggiore legata al dolore e tassi più elevati di dolore acuto rispetto ai coetanei NHW demograficamente simili.

I risultati sperimentali supportano questi dati, vale a dire i partecipanti neri/afroamericani segnalano una maggiore sensibilità al dolore attraverso una varietà di misure di test quantitativi statici (cioè soglia del dolore e tolleranza inferiori) e mostrano risposte QST dinamiche meno adattative (ad esempio, maggiore sommazione temporale) .

Sebbene le differenze etniche nella percezione del dolore siano ben documentate, il meccanismo alla base di questi risultati non è stato stabilito.
La funzione del recettore µ degli oppioidi (MOR) potrebbe contribuire a questa disparità, dato che i MOR svolgono un ruolo chiave nella sensibilità e nella modulazione del dolore. Tuttavia, nessuno studio ha caratterizzato le differenze etniche nella fisiologia del MOR.

I recettori µ-oppioidi si trovano in tutto il cervello con concentrazioni più elevate nello striato ventrale (VS), nell'amigdala, nel talamo, nel grigio periaqueduttale (PAG), nell'insula, nella corteccia cingolata anteriore (ACC) e nella corteccia prefrontale.
Un lavoro precedente ha mostrato un'associazione tra la funzione del sistema µ-oppioide e la sensibilità/modulazione del dolore nei soggetti con e senza dolore cronico. Tuttavia, non è chiaro se la funzione del sistema µ-oppioide contribuisca alle disparità del dolore “etnico”.

Questo studio ha cercato di colmare questa lacuna di conoscenza esaminando le differenze nel potenziale di legame (BPND) dell’agonista selettivo µ [11C] -Carfentanil tra 27 neri non ispanici (NHB) e 27 partecipanti bianchi non ispanici demograficamente simili.
Questo studio ha confrontato i neri non ispanici (NHB) e adulti sani NHW demograficamente simili sui risultati di imaging con recettori µ-oppioidi evidenziati dalla tomografia ad emissione di positroni ad alta risoluzione (PET).

In primo luogo, i ricercatori hanno mirato a replicare i risultati precedenti che mostravano una maggiore sensibilità al dolore tra gli NHB rispetto ai partecipanti NHW mediante risposte al dolore a uno stimolo tonico e nocivo (cioè crema alla capsaicina).
Gli autori hanno ipotizzato che gli individui NHB avrebbero evidenziato una maggiore sensibilità al dolore rispetto ai coetanei del gruppo NHW al di là dell'influenza di fattori psicosociali rilevanti.

In secondo luogo, i ricercatori valutato le differenze etniche nel potenziale di legame [11C] -Carfentanil, una misura di PET che approssima la disponibilità di MOR, durante sia la stimolazione non nociva e tonica che nociva.
Il BPND di Carfentanil [11C] superiore può essere interpretato come un numero più elevato di recettori non occupati.
E’ stato ipotizzato che gli individui NHB avrebbero avuto un impatto diverso del potenziale di legame MOR rispetto alle controparti del NHW durante l'esperienza del dolore. In terzo luogo, è stata condotta un'analisi esplorativa per esaminare l'associazione tra il BPND [11C] -Carfentanil e la sensibilità al dolore.

I partecipanti hanno completato questionari e due sessioni di imaging PET (tomografia ad emissione di positroni ad alta risoluzione) di 90 minuti. Durante l'imaging PET, è stata applicata alle braccia degli individui una crema di capsaicina o di controllo e sono state raccolte le valutazioni del dolore.
Trenta minuti dopo l'applicazione della crema di controllo o alla capsaicina sulla pelle dei partecipanti, è iniziata la scansione PET. Ai partecipanti è stato chiesto di fornire da 0 a 100 livelli di dolore numerico ogni 5 minuti durante la procedura PET di 90 minuti. In totale, i partecipanti hanno fornito 19 livelli individuali di intensità del dolore durante ciascuna condizione.

E’ stata eseguita la valutazione del dolore per ciascun partecipante in ciascuna condizione come misura generale della sensibilità al dolore.
I risultati dell’analisi PET corretta attraverso il metodo di Bonferroni hanno rivelato un legame BPND significativamente maggiore dell’[11C] -Carfentanil BPND tra i partecipanti NHB nello striato ventrale bilaterale ([sinistra]: F1,52=16.38, p <0.001; [destra]: F1,52=21.76, p<0,001), corteccia prefrontale bilaterale dorsolaterale ([sinistra] F1,52=17,3, p<0,001; [destra]: F1,52=14,17, p<0,001), corteccia cingolata bilaterale anteriore ([sinistra]: F1,52=10,4, p=0,002; [destra]: F1,52=12,91, p=0,001) e insula destra (F1,52 =11,0, p=0,002).

I valori di BPND erano significativamente correlati con le valutazioni del dolore raccolte durante il trattamento con capsaicina (intervallo r=0,34-0,46, intervallo p= 0,01-0,001).
I risultati suggeriscono che gli individui NHB potrebbero avere una densità MOR generalmente non occupata rispetto ai coetanei bianchi non ispanici.

Poiché i partecipanti al NHB hanno riportato una maggiore sensibilità al dolore e dimostrato valori MOR BPND significativamente più elevati rispetto agli individui NHW, è possibile che una densità MOR generalmente non occupata contribuisca ad aumentare la sensibilità al dolore. Tuttavia, una limitazione dell'imaging PET è che i dati non possono differenziare se questa differenza si verifica perché gli individui NHB mostrano una maggiore densità di MOR non occupati a causa delle differenze nella concentrazione del recettore regionale o nel legame di µ-oppioidi rilasciati per via endogena.

Questi risultati secondo gli autori evidenziano il legame , quindi, implicano il legame del Carfentanil  in alcune aree cerebrali come un potenziale fattore che contribuisce alle differenze etniche nella sensibilità al dolore. Queste associazioni sono rimaste dopo il controllo di altri fattori psicosociali, suggerendo con cautela che le differenze etniche osservate in queste zone potrebbero derivare da fattori biologici, piuttosto che o in aggiunta all'impatto combinato delle esperienze psicosociali. Dato che le percezioni di avere uno status sociale basso e di essere socialmente respinti sono associate a cambiamenti di attività all'interno di queste regioni, sono necessarie ricerche future per determinare completamente se i fattori psicosociali mostrati per influenzare la sensibilità al dolore negli adulti NHB portano a cambiamenti nel tempo nelle suddette aree cerebrali.

Questi risultati suggeriscono una maggiore densità di MOR non occupati all'interno della Corteccia prefrontale dorsolaterale VS sgACC e insula tra gli adulti NHB rispetto ai coetanei NHW al di là di fattori biopsicosociali. Poiché i dati hanno dimostrato una significativa associazione tra il legame MOR all'interno di queste regioni e la sensibilità al dolore quando si controllano i predittori psicosociali del dolore, i risultati hanno implicazioni per il legame endogeno con oppioidi come meccanismo biologico delle disparità del dolore etnico in un quadro biopsicosociale.

I risultati hanno implicazioni per le differenze fisiologiche alla base delle disparità di dolore legate all'etnia. Se replicati, questi risultati sottolineerebbero ulteriormente la necessità di trattamenti su misura in alcune popolazioni ad oggi sottotrattate.

Letzen JE., et al.,Ethnic disparities in pain processing among healthy adults: μ-opioid receptor binding potential as a putative mechanism.Pain. 2020 Apr;161(4):810-820. doi: 10.1097/j.pain.0000000000001759.

leggi

SEZIONE DOWNLOAD