Dolore e uso di sostanze, il circolo vizioso si crea non solo con gli oppioidi

Il dolore e l'uso di sostanze interagiscono in un circolo vizioso che può infine peggiorare e mantenere sia il dolore cronico che la dipendenza. E' quanto riportato in uno studio pubblicato sulla rivista Annual Review of Clinical Psycology e eseguito da un gruppo di ricerca che comprende docenti della Binghamton University, State University di New York in cui gli autori suggeriscono che tale circolo vizioso non si instaura solo con gli oppioidi ma anche con altre sostanze come nicotina, alcol o cannabis.

Il dolore e l'uso di sostanze interagiscono in un circolo vizioso che può infine peggiorare e mantenere sia il dolore cronico che la dipendenza. E’ quanto riportato in uno studio pubblicato sulla rivista Annual Review of Clinical Psycology e eseguito da un gruppo di ricerca che comprende docenti della Binghamton University, State University di New York in cui gli autori suggeriscono che tale circolo vizioso non si instaura solo con gli oppioidi ma anche con altre sostanze come nicotina, alcol o cannabis.

Emily Zale, professore associato presso la Binghamton University insieme a Joseph Ditre e Lisa LaRowe della Syracuse University, ha esaminato i risultati di oltre 100 studi sul dolore e sull'uso di sostanze.
Il team ha quindi integrato queste due linee di indagine empirica in un modello reciproco in cui il dolore e l'abuso di sostanze interagiscono come un anello a feedback positivo, con conseguente dolore crescente e mantenimento della dipendenza.

"Gli studi di ricerca solitamente esaminano come l'uso di sostanze influisce sul dolore o su come il dolore influisce sull'uso di sostanze. Il nostro modello reciproco mette insieme questi due diversi tipi di ricerca per capire come il dolore e l'uso di sostanze si influenzino a vicenda", ha sottolineato Zale.
"Da un lato, l'uso di sostanze può essere un fattore di rischio per il dolore cronico e può peggiorare il dolore nel tempo, mentre l'esperienza del dolore può motivare le persone a usare sostanze e potrebbe rendere più difficile smettere. come un circuito di feedback positivo, il che significa che possono aumentare a vicenda nel tempo Un altro modo di pensare a questa relazione è un circolo vizioso: l'uso di sostanze può peggiorare il dolore, il dolore può motivare l'escalation nell'uso di sostanze o renderlo più difficile da interrompere , e questi cicli ripetuti possono provocare dolore più grave e peggioramento della dipendenza ".

Zale ha affermato che i medici che trattano i disturbi da uso di sostanze dovrebbero valutare i loro pazienti per il dolore cronico e prendere in considerazione la possibilità di affrontare il dolore durante il trattamento.

"Abbiamo prove che il dolore può peggiorare quando le persone vanno in astinenza, i medici che trattano la dipendenza dovrebbero essere pronti ad aiutare i loro pazienti a gestire il dolore durante l’interruzione", ha sottolineato Zale. "Sappiamo anche che le persone usano sostanze oltre agli oppioidi come automedicazione o affrontare il dolore: i medici che cercano di aiutare i loro pazienti a smettere di fumare sigarette, bere alcol o usare cannabis dovrebbero aiutare i loro pazienti a sostituire l'uso di sostanze con strategie salutari per far fronte al dolore".

Zale e i suoi collaboratori stanno perseguendo molteplici percorsi di ricerca, compresi studi per comprendere meglio le ragioni per cui il dolore e l'uso di sostanze si impigliano in un circolo vizioso e studi per sviluppare trattamenti che possano aiutare a rompere il ciclo.
Zale ha fondato il laboratorio di ricerca sull'uso di sostanze, dolore e salute e sta collaborando con altri ricercatori di Binghamton per comprendere meglio lo sviluppo del dolore e dell'uso di sostanze negli adolescenti e nei giovani adulti.

"Quando le persone pensano al dolore e all'uso di sostanze, è comune che vengano in mente gli oppioidi ", ha concluso Zale. "La nostra ricerca suggerisce che anche le sostanze non oppioidi, come la nicotina, il tabacco, l'alcol e la cannabis, sono molto importanti da considerare in relazione al dolore”.
Ditre JW et al., A Reciprocal Model of Pain and Substance Use: Transdiagnostic Considerations, ClinicalImplications, and Future Directions. Annu Rev Clin Psychol. 2018 Dec 19. doi: 10.1146/annurev-clinpsy-050718-095440.

leggi