Dolore, il passaggio da acuto a cronico non Ŕ solo questione di durata

Come avviene il passaggio da dolore acuto a dolore cronico? Il dott Jon Levine, dell'UniversitÓ della California, a San Francisco, ha condotto un'analisi clinica e cellulare su come il dolore pu˛ passare dalla fase acuta alla fase cronica e ne ha discusso i risultati durante il World Congress on Osteoarthritis di Toronto.

Come avviene il passaggio da dolore acuto a dolore cronico? Il dott Jon Levine, dell'Università della California, a San Francisco, ha condotto un’analisi clinica e cellulare su come il dolore può passare dalla fase acuta alla fase cronica e ne ha discusso i risultati durante il World Congress on Osteoarthritis di Toronto.

La linea di demarcazione, generalmente accettata, tra acuto e cronico nel dolore è la soglia dei tre mesi "Quando qualcuno ha avuto dolore per 3 mesi meno 1 giorno, diciamo che non hanno avuto dolore cronico, ma se questo dolore supera i tre mesi anche solo di 1 giorno allora parliamo di dolore cronico" ha precisato Levine, evidenziando che le cose ovviamente sono più complicate di così.

Il dolore cronico può essere suddiviso in tre tipi generali, secondo Levine: dolore acuto persistente, un tipo di neuroplasticità e dolore indotto da analgesici. Inoltre, ha suggerito che l'induzione, l'espressione e il mantenimento comprendono le tre componenti del dolore cronico.

Dolore acuto persistente
"L'aspetto principale che voglio sottolineare nel primo tipo di dolore cronico è che i meccanismi coinvolti sono continuamente in corso. Possono cambiare nel tempo, ma c'è un processo che sta guidando quel dolore."

Secondo Levine, ci può essere un modo semplice per eliminare il dolore cronico. "La cosa più importante da fare è eliminare la causa". Un esempio diretto è l'artrite degenerativa nell'anca. Il trattamento consiste nell'eliminare la causa, cioè, sostituire l'anca.

Mentre gli approcci terapeutici possono mediare il dolore e coinvolgere diversi bersagli a livello cellulare, secondo Levine la comunità clinica rimane ampiamente in perdita su come rimuovere veramente il dolore dai pazienti. "Questo illustra la frustrazione che tutti proviamo", ha detto. "Diamo farmaci che si avvicinano a questi obiettivi, ma abbiamo un effetto limitato".

Neuroplasticità e dolore cronico indotto da analgesia
Levine ha suggerito che il tipo di neuroplasticità del dolore cronico, che si concentra nel sistema del dolore sensoriale, è definito meno chiaramente. "Esiste un insieme di proprietà che suggerisce cosa potrebbe accadere", ha affermato.

Gli esperti stanno cercando di capire la natura della neuroplasticità in quanto riguarda il dolore cronico. Levine ha discusso una possibile disconnessione dai meccanismi coinvolti nella generazione di quel dolore, vale a dire l'induzione, l'espressione e il mantenimento del dolore.

Ha scavato in profondità nella cellula, discutendo l'uso di inibitori del TNF-alfa o IL-6 nel terminale nocicettore per attivare i processi di traduzione nei dendriti o negli assoni. "Stiamo cercando di capire come funziona il dolore a livello cellulare", ha detto. Ha spiegato che quando il paziente continua a provare dolore, la regolazione delle proteine può cambiare a livello cellulare, così come i processi metabolici. In breve, Levine ha suggerito che il dolore prolungato può modificare la regolazione cellulare del dolore.

Levine ha disegnato un'associazione tra questi processi e il modo in cui i pazienti possono sviluppare resistenza ai FANS. "Vediamo un'efficacia precoce, ma nel tempo si perde efficacia", ha affermato.

Ciò ha portato la discussione al terzo tipo di dolore. Ha citato l'ipoalgesia indotta da oppioidi come un esempio, insieme ad alcuni farmaci per l'emicrania che hanno causato la transizione dei pazienti dall'avere cefalea da emicrania intermittente a cronica.

Mentre i meccanismi d'azione del dolore indotto dai farmaci sono poco conosciuti, Levine ha evidenziato una particolare preoccupazione. "Con l'ipoalgesia indotta da oppioidi, l'insorgenza non richiede molti giorni, può verificarsi in poche ore", ha detto.

L'esplorazione cellulare di questo tipo di dolore cronico ha portato alla ricerca di inibitori di SRC e MEK, insieme a inibitori della chinasi MAP, secondo Levine. "I farmaci che usiamo per trattare il dolore possono alla fine diventare parte di questo più ampio problema di dolore cronico".

Levine J, et al. Plenary Session 4. Presented at: OARSI 2019 World Congress on Osteoarthritis; May 2-5; Toronto.