Dolore

Dolore in gravidanza, campanello di allarme di depressione post partum

Uno studio da poco pubblicato su Pain Reports evidenzia che non solo il dolore in gravidanza Ŕ un'esperienza comune, spesso non segnalata e poco studiata, che colpisce la maggior parte delle donne, ma le sue conseguenze possono estendersi anche a cambiamenti a lungo termine nella salute fisica e mentale.

Uno studio da poco pubblicato su Pain Reports evidenzia che non solo il dolore in gravidanza è un'esperienza comune, spesso non segnalata e poco studiata, che colpisce la maggior parte delle donne, ma le sue conseguenze possono estendersi anche a cambiamenti a lungo termine nella salute fisica e mentale.

La depressione postpartum comporta un onere significativo e duraturo sulla salute materna e infantile. Il successo della prevenzione o della diagnosi precoce della depressione postpartum si basa sull'identificazione dei primi fattori di rischio.

Il dolore durante la gravidanza (prima del parto) è un potenziale predittore chiave del rischio di depressione postpartum. Tuttavia, mancano studi longitudinali che caratterizzino il dolore in gravidanza, la sua normale traiettoria nel tempo e le sue relazioni prospettiche con i sintomi della depressione postpartum.

In questo studio gli autori americani hanno utilizzato i dati di uno studio longitudinale sull'emozione materna che includeva valutazioni del dolore e dei sintomi depressivi in ​​3 momenti, durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza e 4 mesi dopo il parto.

La modellazione dell'equazione strutturale è stata utilizzata per stimare i modelli longitudinali di cambiamento nel dolore materno nel tempo. I parametri della curva di crescita latente sono stati testati come predittori dei sintomi della depressione postpartum.

In totale sono state arruolate novantatre donne incinte sane. Sebbene il campione comprendesse donne con gravidanze a rischio relativamente basso, oltre il 90% dei partecipanti ha manifestato dolore durante la gravidanza.
Maggiori aumenti lineari e cambiamenti quadratici meno negativi nel dolore materno nel tempo sono stati associati a maggiori livelli di depressione postpartum, anche quando sono stati controllati i sintomi depressivi prenatali.

Interpretando entrambi i parametri insieme, il dolore che aumentava nella tarda gravidanza, quando i modelli normativi si erano stabilizzati o avevano iniziato a diminuire, era associato a livelli maggiori di depressione postpartum.

Data l'utilità di valutare le esperienze materne di dolore, è giustificata la considerazione dell'adozione di una strategia multilivello per valutare la salute fisica e mentale delle donne dopo il parto che includa traiettorie di sviluppo del dolore.
In effetti, una tale strategia ha il potenziale per aggiungere un valore predittivo sostanziale alle valutazioni del rischio di depressione postpartum, superiore a quello dei soli screening della depressione prenatale.

I risultati di questo lavoro suggeriscono che l'aggiunta di traiettorie del dolore può aiutare a identificare le donne a maggior rischio di depressione postpartum che altrimenti verrebbero perse con le attuali raccomandazioni di screening. Data l'efficacia dimostrata degli interventi psicologici precoci (p. es., terapia cognitivo comportamentale e terapia dell'accettazione e dell'impegno) su dolore e depressione, il dolore durante il periodo perinatale può essere un obiettivo primario per interventi precoci e supporto personalizzato e cura per le donne in gravidanza.

In conclusione, una traiettoria evolutiva dell'esperienza del dolore che non si è attenuata dopo il parto è stata associata a maggiori sintomi depressivi postpartum, suggerendo che le traiettorie atipiche del dolore possono essere un fattore di rischio per la depressione postpartum.

Vani A Mathur et al., Trajectories of pain during pregnancy predict symptoms of postpartum depression Pain Rep. 2021 Jun 3;6(2):e933.
 doi: 10.1097/PR9.0000000000000933. eCollection Jul-Aug 2021.

leggi