Dolore

Dolore lombare, meglio gli antinfiammatori da soli o con aggiunta di miorilassanti?

I pazienti con dolore lombare che assumono miorilassanti scheletrici in aggiunta agli antinfiammatori non steroidei (FANS) riportano gli stessi risultati di chi assume placebo pił FANS, secondo una nuova ricerca presentata al congresso dell'American College of Emergency Physicians (ACEP) 2020.

I pazienti con dolore lombare che assumono miorilassanti scheletrici in aggiunta agli antinfiammatori non steroidei (FANS) riportano gli stessi risultati di chi assume placebo più FANS, secondo una nuova ricerca presentata al congresso dell’American College of Emergency Physicians (ACEP) 2020.

"La combinazione di un rilassante muscolo scheletrico con un FANS non conferisce alcun vantaggio aggiuntivo", ha precisato Lorena Abril del Montefiore Medical Center di New York City, in un'intervista dopo la sua presentazione virtuale al congresso.

Ci sono 2,6 milioni di visite ai dipartimenti di emergenza negli Stati Uniti ogni anno per la lombalgia, ha detto Abril nella sua presentazione. Un terzo dei pazienti riferisce dolore alla schiena persistente e 1 su 5 riferisce limitazioni nell'attività.

La lombalgia acuta "è generalmente considerata una condizione con una prognosi favorevole, indipendentemente dal trattamento", ha detto Abril. L'attuale linea guida dell'American College of Physicians per il trattamento non invasivo della lombalgia acuta, subacuta e cronica (LBP), pubblicata nel 2017, raccomanda che se si desidera un trattamento farmacologico, devono essere utilizzati FANS o miorilassanti scheletrici (SMR). Ma "nessun trattamento farmacologico ha dimostrato di fornire un effetto moderato o forte sul dolore o sulla funzione nei pazienti con lombalgia acuta", ha evidenziato Abril.

Per vedere se gli SMR hanno migliorato la prognosi a 1 settimana dopo la dimissione dall'ospedale, i ricercatori hanno arruolato 889 pazienti con dolore lombare dal pronto soccorso in uno studio randomizzato e controllato con placebo. L'età media del paziente era di 39 anni; Il 56% era di sesso femminile, il 44% di sesso maschile.

Tutti i pazienti hanno completato il Roland-Morris Disability Questionnaire (RMDQ) prima di lasciare l'ospedale e di nuovo dopo 1 settimana di follow-up. Abril ha spiegato che RMDQ ha dimostrato di essere correlato bene con altri test che misurano la disabilità fisica, tra cui la Quebec Back Pain Disability Scale, l'Oswestry Low Back Disability Questionnaire (ODI) e le sottoscale fisiche del Sickness Impact Profile, tra gli altri.

Nell'RMDQ iniziale eseguito con i pazienti, il punteggio mediano complessivo era di 18 (compreso tra 16 e 22) su una scala di 24 punti.

Al momento della dimissione, ai pazienti è stato prescritto 1 dei 7 miorilassanti scheletrici (SKM - baclofen, metaxalone, tizanidina, diazepam, orfenadrina, metocarbamolo o ciclobenzaprina) o placebo in aggiunta a un FANS come naprossene o ibuprofene.

Al follow-up di 1 settimana, 858 (96,5%) pazienti hanno completato un secondo RMDQ. Sebbene tutti i punteggi siano stati migliorati, i ricercatori non hanno trovato differenze significative nei punteggi RMDQ tra i pazienti che ricevevano placebo o uno qualsiasi degli SKM. "Le differenze tra i gruppi non sono riuscite a raggiungere differenze cliniche. In effetti, il placebo era superiore al metocarbamolo con una differenza media di 2,4", ha detto Abril.

"Mentre gli investigatori continuano a ricercare l'uso appropriato dei miorilassanti come parte di un approccio multimodale alla lombalgia, le prove continuano a mostrare che questi farmaci hanno un ruolo limitato", ha sottolineato Alexis LaPietra della St. Joseph's University Medical Center, Paterson, New Jersey, che non è stata coinvolta nello studio.

"Anche quando hanno analizzato le sottili differenze di sesso, età e gravità di base, hanno avuto risultati coerenti che nessuno dei miorilassanti tradizionalmente usati aggiunge molto beneficio al regime analgesico raccomandato", ha aggiunto LaPietra. "Sono necessarie ulteriori ricerche sul dolore per fornire ai medici concetti aggiornati e basati sull'evidenza per aiutare a gestire il disturbo complesso, disabilitante, ma molto comune della lombalgia nell'ED".

Abril ha detto che il suo team sta prendendo in considerazione studi su altri farmaci per i pazienti che si presentano all'ED. Poiché lo scarso dolore e gli esiti funzionali persistono oltre la visita ospedaliera per i pazienti con LBP muscoloscheletrico acuto e poiché la ricerca mostra che i FANS topici potrebbero essere più efficaci dei FANS orali, "stiamo attualmente progettando uno studio clinico per testare l'efficacia del diclofenac topico nei pazienti che si presentano al dipartimento di emergenza principalmente per la gestione del LBP muscoloscheletrico non traumatico e non radicolare ", ha detto.

Il trattamento non farmacologico, compreso il calore superficiale, il massaggio, l'agopuntura o la manipolazione spinale, è inizialmente raccomandato per la maggior parte dei pazienti con lombalgia acuta o subacuta, ha detto Abril. "Questo è un argomento interessante e importante per la ricerca futura, a partire dalla necessità di metodi convalidati, adeguatamente descritti e standardizzati per misurare e riportare i risultati clinici, che è uno dei principali limiti della letteratura".

"Trovare una soluzione", ha aggiunto, "è una sfida che speriamo possa essere risolta presto".
American College of Emergency Physicians (ACEP) 2020: Abstract 15. Presented October 24, 2020.


SEZIONE DOWNLOAD