Dolore

Dolore mestruale, la dieta gioca un ruolo nella sua intensità ma servono più studi dedicati

Le diete ricche di cibi che causano infiammazione, come carne, zucchero e caffè, peggiorano la gravità del dolore mestruale nelle donne adolescenti e nelle giovani adulte, secondo i risultati di uno studio presentato al congresso della North American Menopause Society (NAMS) 2022.

Le diete ricche di cibi che causano infiammazione, come carne, zucchero e caffè, peggiorano la gravità del dolore mestruale nelle donne adolescenti e nelle giovani adulte, secondo i risultati di uno studio presentato al congresso della North American Menopause Society (NAMS) 2022.

Per molte donne il ciclo mestruale ha effetti collaterali indesiderati. Prima del ciclo molte persone sperimentano sintomi premestruali che possono influire sullo svolgimento delle attività quotidiane, come cambiamenti d'umore, mal di testa, gonfiore e crampi. Quindi il ciclo inizia, per gran parte delle donne i crampi mestruali peggiorano. Iniziano nell'utero, ma sono spesso accompagnati da sintomi in altre parti del corpo, come dolore alla parte bassa della schiena e alle cosce, nausea e vomito, sudorazione, svenimento, vertigini e cefalea.

È riportato che il 90% delle adolescenti soffre di dolore mestruale e molte usano farmaci da banco per gestirlo, con un’efficacia limitata. Gli antidolorifici, i FANS e gli anticoncezionali in alcuni casi possono fornire sollievo ma potrebbero non essere adatti o efficaci per tutti. Anche l'esercizio fisico regolare, evitare lo stress e smettere di fumare possono aiutare a combattere i crampi mestruali.

Una metanalisi sulla relazione tra dieta e dolore mestruale
«Ho iniziato a ricercare gli effetti della dieta sul dolore mestruale che io stessa provavo» ha fatto presente il primo autore dello studio Serah Sannoh, laureata in salute pubblica alla Rutgers University-New Brunswick nel New Jersey. «Ero curiosa di vedere se qualche fattore dello stile di vita, come la dieta, potesse contribuire al dolore mestruale. Questa ricerca è iniziata come qualcosa di personale, ma volevo saperne di più sulla scienza e sulla letteratura esistente a sostegno dell’influenza della dieta su questi sintomi».

I ricercatori hanno esaminato più database di studi clinici per identificare le ricerche che hanno valutato il legame tra dieta e dolore mestruale tra ragazze e giovani donne. Le analisi hanno rivelato che i regimi alimentari ricchi di carne, olio, zucchero, sale e caffè erano associati a un rischio maggiore di dismenorrea. È inoltre emerso che gli acidi grassi omega-6 hanno aumentato l'infiammazione, mentre gli omega-3 l'hanno ridotta.

«Questo è importante perché i crampi mestruali sono innescati dalle prostaglandine, che sono messaggeri chimici attivi nelle risposte infiammatorie» ha detto Sannoh. «Le diete ricche di acidi grassi omega-6 e gli alimenti infiammatori menzionati aumentano la quantità di prostaglandine pro-infiammatorie nell’organismo e favoriscono le contrazioni uterine».

«Lo zucchero raffinato, i comuni oli da cucina, i grassi trans, i latticini, la carne lavorata e rossa, i cereali raffinati e l'alcol sono considerati alimenti altamente infiammatori. Si pensa che causino un aumento del rilascio di prostaglandine, che è associato alla dismenorrea a causa di un aumento della vasocostrizione a carico dei vasi sanguigni che alimentano la muscolatura uterina, con conseguente crampi uterini dovuti alla riduzione del flusso sanguigno diretto all'utero» ha commentato Monica Christmas, membro del consiglio di NAMS e direttrice del Center for Women's Integrated Health presso l'Università di Chicago. «Si pensa che aderire a una dieta antinfiammatoria possa mitigare l'aumento delle prostaglandine».

Per alleviare il dolore le donne che soffrono di dolori mestruali dovrebbero evitare cibi come carne rossa e patatine fritte e adottare una dieta più a base vegetale, come quella vegana.

«Questa meta-analisi di adolescenti con dismenorrea ha rilevato che l'adesione a una dieta antinfiammatoria era associata a una diminuzione della dismenorrea, pertanto incoraggiare i giovani ad adottare uno stile di vita sano sarà determinante per mantenere una salute ottimale durante la mezza età e oltre e può aiutare a rallentare il processo di invecchiamento» ha aggiunto Christmas.

«Mi piacerebbe vedere più studi sugli effetti della dieta sul dolore mestruale per valutare in quale momento del ciclo sarebbe meglio adottare questo cambiamento perché dia i maggiori benefici» ha concluso Sannoh. «Inoltre la ricerca su questi cambiamenti dietetici in relazione ai propri livelli ormonali, i benefici a lungo termine di questo cambiamento nella dieta e se questi potrebbero essere potenzialmente raccomandati come opzione di trattamento sono argomenti di ricerca su cui vorrei saperne di più e possibilmente condurne una in futuro».

Referenze

Sannoh S. Abstract P-68. Presented at: North American Menopause Society Annual Meeting; Oct. 12-15, 2022; Atlanta.