Dolore

Dolore neuropatico, quale futuro per gli anticorpi monoclonali?

Un nuovo approccio per trattare efficacemente il dolore neuropatico. Si tratta dell'uso di anticorpi monoclonali che bloccano il peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP). I risultati promettenti, che hanno mostrato una diminuzione di quasi il 42% sulla Neuropathy Pain Scale (NPS) a 12 mesi dopo il trattamento, potenzialmente aprono la strada a futuri studi randomizzati controllati per determinare l'efficacia degli anticorpi monoclonali anti-CGRP come trattamento per la neuropatia periferica. Lo studio è stato presentato come poster al meeting annuale virtuale del 2021 dell'American Academy of Neurology.

Un nuovo approccio per trattare efficacemente il dolore neuropatico. Si tratta dell’uso di anticorpi monoclonali che bloccano il peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP). I risultati promettenti, che hanno mostrato una diminuzione di quasi il 42% sulla Neuropathy Pain Scale (NPS) a 12 mesi dopo il trattamento, potenzialmente aprono la strada a futuri studi randomizzati controllati per determinare l'efficacia degli anticorpi monoclonali anti-CGRP come trattamento per la neuropatia periferica. Lo studio è stato presentato come poster al meeting annuale virtuale del 2021 dell'American Academy of Neurology.

Gli anticorpi monoclonali anti-CGRP sono utilizzati in ambito clinico come profilassi altamente efficace per emicranie croniche ed episodiche. Eppure, gli anticorpi monoclonali non sono stati testati nella neuropatia periferica, anche se la CGRP è stata collegata al dolore neuropatico.

"Molti pazienti che hanno emicrania hanno anche neuropatia, quindi ci siamo chiesti se un trattamento mirato per CGRP avrebbe trattato entrambe le condizioni", ha detto Raghav Govindarajan, professore associato e neurologo presso l'Università del Missouri Health Care, in Colombia, e autore dello studio (abstract P19.072). Il poster è una versione condensata dello studio pubblicato su Muscle and Nerve (2021;63[4]:563-567).

"Se un giorno gli anticorpi monoclonali anti-CGRP si dimostreranno un trattamento efficace, allora potremo potenzialmente ridurre la necessità di dosi così elevate di farmaci profilattici e trattamenti farmaceutici per la gestione del dolore che spesso hanno gravi effetti collaterali o proprietà di dipendenza", ha sottolineato Govindarajan.

Per testare l'efficacia degli anticorpi monoclonali, Govindarajan e il suo gruppo hanno condotto un'analisi osservazionale retrospettiva nel 2019 di 14 pazienti di età compresa tra 38 e 60 anni, con emicrania cronica e neuropatia periferica, trattati con anticorpi monoclonali anti-CGRP presso l'Università del Missouri, Clinica Neurologica.
I pazienti sono stati trattati con erenumab che mira al recettore CGRP, o con un cocktail di galcanezumab e fremanezumab, che colpiscono i siti direttamente sul CGRP.

Prima di iniziare le iniezioni sottocutanee mensili di un anticorpo, i pazienti sono stati valutati per alcuni parametri: i pazienti avevano un punteggio medio di 90,7 punti sull'NPS e avevano una media di 21 giorni di emicrania al mese.

Nello studio, un fattore di confusione era che i pazienti stavano assumendo anche altri trattamenti per l'emicrania e il dolore neuropatico, che includevano gabapentin, duloxetina, tramadolo, amitriptilina, nortriptilina, pregabalin e topiramato.

Durante il periodo di studio, sia l'NPS che il numero di giorni con emicrania sono diminuiti in modo significativo. Dopo un anno, l'NPS medio è sceso di quasi il 42%, mentre il numero di giorni con emicrania è diminuito di un terzo.

"I risultati non sono sconvolgenti, ma hanno contribuito a far sentire meglio il paziente, il che richiede ulteriori indagini", ha detto Govindarajan. "Una delle cose più importanti che abbiamo notato è che i pazienti sono stati in grado di ridurre il dosaggio di tutti gli altri farmaci che stavano assumendo".

Govindarajan ha notato che il dolore neuropatico è un disturbo complicato e sfaccettato che manca di un trattamento chiaro. "Dobbiamo aumentare il nostro arsenale per il dolore neuropatico; anche se non conosciamo il meccanismo d'azione per il trattamento anti-CGRP, sembra esserci una modulazione del dolore a più livelli. Se possiamo ridurre il numero di persone che vanno in terapia con oppioidi, se possiamo somministrare un trattamento con meno effetti collaterali e se possiamo abbassare il dosaggio dei trattamenti convenzionali, allora vedo che il trattamento mirato alla CGRP gioca un ruolo importante".

Mazen Dimachkie, professore del Dipartimento di Neurologia presso l'Università del Kansas Medical Center, a Kansas City, che non è stato coinvolto nel recente studio ma ha commentato che lo studio era un'osservazione preliminare su un campione di piccole dimensioni ed è troppo presto per trarre conclusioni definitive sugli anticorpi monoclonali anti-CGRP.

"Con qualsiasi studio sul dolore, l'effetto placebo è piuttosto grande e quell'effetto cresce drammaticamente con i farmaci somministrati per via endovenosa", ha detto.

Tuttavia, Dimachkie ha anche trovato i risultati promettenti e ha giustificato il lancio di una serie di futuri studi clinici randomizzati controllati di fase 2, e forse di fase 3. "Non abbiamo prove sufficienti per indicare che i monoclonali anti-CGRP siano sicuri ed efficaci nel dolore neuropatico cronico, ma abbiamo visto prove promettenti di efficacia in un modello di dolore animale".

In questi studi, gli antagonisti del recettore CGRP hanno soppresso l'iperalgesia meccanica nei ratti con una lesione dei nervi periferici e hanno ridotto l'iperalgesia meccanica e l'allodinia nei ratti con midollo spinale danneggiato (Brain Res 2002;930[1-2]:67-74).