Dolore pelvico cronico da endometriosi, sollievo grazie alla tossina botulinica

Dolore

Le donne con dolore pelvico cronico associato all'endometriosi possono trarre beneficio da un'iniezione di tossina botulinica A, senza incorrere in spiacevoli effetti collaterali. Sono gli esiti di un nuovo studio presentato all'American Academy of Neurology (AAN) 2020 Science Highlights.

Le donne con dolore pelvico cronico associato all'endometriosi possono trarre beneficio da un'iniezione di tossina botulinica A, senza incorrere in spiacevoli effetti collaterali. Sono gli esiti di un nuovo studio presentato all'American Academy of Neurology (AAN) 2020 Science Highlights.

Il trattamento standard dell'endometriosi prevede un intervento chirurgico per rimuovere le lesioni e la somministrazione di ormoni per impedirne la crescita, ha detto uno degli autori dello studio, Pamela Stratton, ginecologa del National Institute of Neurological Disorders and Stroke (NINDS), National Institutes of Health (NIH). «Per questa nuova ricerca stavamo cercando le persone con dolore persistente nonostante la terapia».

Il dolore pelvico cronico (CPP) associato all'endometriosi è ancora poco compreso. Alcune donne che ne soffrono hanno spasmi dei muscoli pelvici, che possono contribuire in modo significativo al dolore in diverse tipologie di dolore pelvico cronico.

La tossina botulinica è stata utilizzata con successo per trattare il mal di schiena, l'emicrania e altre condizioni neurologiche, tra cui distonia e spasticità. «Potrebbe fornire un sollievo simile nel dolore pelvico cronico associato all'endometriosi», ha spiegato Barbara Illowsky Karp neurologa del NINDS.

Iniezione trans-vaginale di botulino
Il nuovo studio randomizzato e controllato con placebo ha coinvolto 29 donne in premenopausa di età compresa tra 18 e 50 anni (età media 30 anni) con CPP e endometriosi documentata. Le partecipanti non dovevano avere altre condizioni che potessero spiegare il loro dolore pelvico.

I ricercatori hanno effettuato valutazioni al basale e dopo un mese, inclusi esami pelvici per identificare le aree degli spasmi del pavimento pelvico e un controllo sull'utilizzo dei farmaci. Hanno quindi iniettato per via trans-vaginale 100 unità di tossina botulinica A o placebo a livello dei muscoli del pavimento pelvico, nella zona in cui la paziente provava dolore e spasmi.

«La dose di 100 unità è bassa rispetto alle 300 unità normalmente impiegate per trattare la distonia o la spasticità», ha detto Karp. «L’utilizzo del botulino a fini estetici per ridurre le rughe prevede un'iniezione generalmente di 20-50 unità».

Le partecipanti allo studio hanno misurato il loro dolore tramite la scala analogica visiva (VAS) e valutato la loro risposta all'iniezione come nessuna, minima, lieve, moderata o eccellente. Hanno anche definito la loro disabilità come lieve, moderata, grave o paralizzante. Avevano facoltà di richiedere una nuova iniezione di tossina botulinica da 100 unità in qualsiasi momento fino a un anno dopo il periodo iniziale di 1 mese.

«La tossina generalmente impiega circa una settimana per fare effetto e dura circa 3 mesi, almeno quando viene utilizzata per indicazioni neurologiche. Entro 1 mese dovrebbe raggiungere il picco dell’efficacia» ha aggiunto Karp. «Non volevamo che le donne sottoposte a placebo dovessero aspettare almeno 3 mesi per ottenere una seconda iniezione, quindi abbiamo considerato questa richiesta dopo il primo mese come un ulteriore indicatore del fatto che avessero o meno un sollievo dal dolore».

Meno dolore e meno spasmi muscolari
Un numero maggiore di donne nel gruppo trattato ha riportato benefici rispetto a quelle del gruppo placebo. Dieci partecipanti nel gruppo placebo non hanno riportato alcun beneficio dopo 1 mese rispetto a 4 nel gruppo botulino (p=0,048). Quante avevano ricevuto il trattamento attivo hanno riportato un maggior grado di beneficio (p=027).

Le pazienti che non hanno riportato alcun beneficio nel gruppo placebo a 1 mese avevano maggiori probabilità di richiedere una seconda iniezione (odds ratio, OR, 7,94 p=0,032).

La disabilità è peggiorata nel gruppo placebo ma non è cambiata nel gruppo di trattamento. I soggetti con disabilità basale più elevata avevano maggiori probabilità di richiedere un'iniezione aggiuntiva (OR 1,11, p=0,217).

Dopo 1 mese solo le donne sottoposte al botulino avevano meno spasmi muscolari. Riguardo ai farmaci antidolorifici, cinque pazienti trattate con tossina botulinica ne hanno ridotto l’uso rispetto a una sola nel gruppo placebo, anche se non è emerso nessun cambiamento nella valutazione del dolore in entrambi i gruppi.

Gli eventi avversi transitori includevano emicrania, lievi sintomi urinari e alcuni dolori, di grado non importante e simili nei due gruppi. «Non abbiamo riscontrato nessuna differenza significativa in ​​termini di eventi avversi tra chi ha assunto placebo e la tossina» ha affermato Stratton.

Possibilità di utilizzo anche a lungo termine
«Anche se non esistono dati diretti a supporto dell'uso a lungo termine della tossina botulinica per la CPP, alcune ricerche dimostrano che per altre indicazioni è possibile utilizzarla per un tempo quasi indefinito», ha dichiarato Karp. «Personalmente ho trattato con il botulino persone con disturbi neurologici come distonia e spasticità per 30 anni, quindi è probabile che possa essere usato a lungo termine mantenendo i benefici con iniezioni ripetute nelle pazienti con CPP».

«Questo potrebbe essere un trattamento promettente per le donne che soffrono di dolore correlato allo spasmo muscolare del pavimento pelvico refrattario ad altri trattamenti, e merita ulteriori indagini» ha commentato Kevin Zacharoff della Stony Brook University di New York. «Questo approccio deve essere utilizzato solo nelle pazienti a cui è stato diagnosticato lo spasmo muscolare del pavimento pelvico e non come una trattamento di tutti i tipi di dolore pelvico».

Bibliografia

2020 American Academy of Neurology Science Highlights: Abstract S52.003.