Dolore

Dolore pelvico cronico, individuazione del paziente che risponde alla palmitoiletanolamide co-micronizzata con transpolidatina

La palmitoiletanolamide (PEA) sembra efficace sul dolore e sulla neuroinfiammazione in diversi modelli di malattie croniche e neurodegenerative. Uno studio pubblicato su BioMed Research International ha valutato quali pazienti con dolore cronico rispondono al trattamento con PEA cromicronizzata con un derivato del resveratrolo, la transpolidatina.

La palmitoiletanolamide (PEA) sembra efficace sul dolore e sulla neuroinfiammazione in diversi modelli di malattie croniche e neurodegenerative. Uno studio pubblicato su BioMed Research International ha valutato quali pazienti con dolore cronico rispondono al trattamento con PEA cromicronizzata con un derivato del resveratrolo, la transpolidatina.

La PEA è in grado di bloccare l'attivazione persistente dei mastociti e delle cellule gliali, svolgendo così un ruolo importante nella risoluzione del dolore e della neuroinfiammazione in diversi modelli di malattie croniche e neurodegenerative.
La palmitoiletanolamide micronizzata e ultramicronizzata (m-PEA e um-PEA) è stata utilizzata per studi preclinici e clinici per superare la preoccupazione della biodisponibilità della PEA. Sia m-PEA che um-PEA sono costituiti da una forma cristallina con una granulometria compresa tra 100 e 700 μm caratterizzata da un elevato rapporto superficie-volume che consente una migliore diffusione, distribuzione e maggiore efficacia biologica rispetto al PEA non micronizzato.

In una precedente meta-analisi di dati aggregati su pazienti di sesso femminile con dolore pelvico, gli autori hanno dimostrato che la m-PEA co-micronizzata con transpolidatina (Pol) consente una significativa riduzione dei punteggi del dolore in pazienti di sesso femminile con endometriosi che soffrono di dolore pelvico cronico.

La transpolidatina (Pol) è un glucoside naturale del resveratrolo, una molecola antiossidante e antinfiammatoria. Pol è stato combinato con m-PEA in forma comicronizzata (9 mg di m-PEA e 1 mg di Pol) [m(PEA/Pol)]. Oltre all'endometriosi, m-PEA/Pol è stato utilizzato nel trattamento della cistite interstiziale/sindrome vescicale e della colite indotta da acido dinitrobenzensolfonico (DNBS-).
Mancano prove sull’effetto della palmitoiletanolamide sul dolore pelvico cronico femminile. Le preoccupazioni saranno risolte al meglio da studi randomizzati.

Il presente studio mirava a trovare i migliori responder alla palmitoiletanolamide micronizzata in pazienti di sesso femminile con dolore pelvico cronico, utilizzando la letteratura esistente a livello di singolo paziente, per aiutare ulteriormente la pianificazione dello studio randomizzato.
Dopo una ricerca sistematica, gli studi ammissibili (quelli che hanno arruolato pazienti di sesso femminile trattati per dolore pelvico cronico o per dispareunia, disuria, dischezia e dismenorrea con o senza dolore pelvico cronico) sono stati valutati a livello di dati dei singoli pazienti.

Le probabilità condizionali sono state calcolate per valutare le variabili che condizionano i tassi di risposta positiva (punteggio del dolore ridotto di almeno 3 punti), risposta scarsa (riduzione del punteggio del dolore di 2) e non responder a un follow-up di tre mesi.
Sono stati valutati solo i casi trattati con palmitoiletanolamide co-micronizzato con polidatina per un breve periodo.

Nel dolore pelvico cronico, c'è una probabilità condizionata del 19,0% di trovare buoni responder tra i pazienti con punteggio del dolore all'arruolamento da 6 a 8; c'è una probabilità condizionata del 6,8% di trovare pazienti che rispondono male tra i pazienti con un punteggio del dolore all'arruolamento da 6 a 8. I pazienti che rispondono male hanno una probabilità condizionata del 41,8% di usare analgesici.

Inoltre, il tipo di malattia dolorosa non ha importanza sui tassi di risposta.

Nel gruppo dismenorrea e disuria, i soggetti che rispondono bene, quelli che rispondono male e quelli che non rispondono non sono associati a nessuna delle variabili valutate. Nel gruppo dispareunia, i buoni responder hanno una probabilità condizionata del 20,6% di sottoporsi a TENS, mentre nel gruppo dischezia, i buoni responder hanno una probabilità condizionata del 5,7% di essere trovati tra i pazienti con punteggio del dolore all'arruolamento di 6 a 8 e del 13,0% di essere tra i pazienti con punteggio del dolore all'arruolamento superiore a 8. Anche in questo caso, il tipo di malattia dolorosa non ha importanza sui tassi di risposta.

In conclusione, trattamenti di breve durata con m-(PEA/Pol) permetterebbero un miglioramento del punteggio del dolore nei pazienti con dolore pelvico cronico nei 3/4 dei casi. La metà dei pazienti trattati migliorerebbe di almeno 3 punti del punteggio del dolore, mentre 1/4 migliorerebbe di 2 punti del punteggio del dolore.

Il miglioramento non è condizionato da alcuna malattia dolorosa. I migliori responder al dolore pelvico cronico sono i pazienti con punteggio del dolore all'arruolamento compreso tra 6 e 8. Altri dolori pelvici acuti (dispareunia, dischezia, disuria e dismenorrea) trarrebbero beneficio dal trattamento del dolore pelvico cronico. Queste evidenze provenivano da studi di bassa qualità e da database di casi aggregati di qualità intermedia. Suggeriscono fortemente che l'efficacia dei trattamenti a breve termine m-(PEA/Pol) per il dolore pelvico cronico nelle pazienti di sesso femminile devono essere provate contro placebo e senza trattamento in uno studio randomizzato.

Indraccolo U. et al., Looking for Responders among Women with Chronic Pelvic Pain Treated with a Comicronized Formulation of Micronized Palmitoylethanolamide and PolydatinBiomed Res Int. 2022; 2022: 8620077.Published online 2022 May 7. doi: 10.1155/2022/8620077

leggi