Dolore

Dolore pelvico cronico, riduzione dei sintomi con l'uso regolare di tadalafil

In un piccolo gruppo di soggetti maschili, l'uso quotidiano dell'inibitore della fosfodiesterasi 5 (PDE5) tadalafil per una durata media di 1,3 anni ha ridotto in misura significativa i sintomi causati dalla prostatite cronica. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Translational Andrology and Urology.

In un piccolo gruppo di soggetti maschili, l'uso quotidiano dell'inibitore della fosfodiesterasi 5 (PDE5) tadalafil per una durata media di 1,3 anni ha ridotto in misura significativa i sintomi causati dalla prostatite cronica. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Translational Andrology and Urology.

La prostatite cronica/sindrome da dolore pelvico cronico di tipo III (CP/CPPS) è un disturbo associato a disfunzione sessuale e irritazione legata allo svuotamento della prostata. Attraverso l’uso di diverse terapie, come alfa-bloccanti, antibiotici e FANS, oltre alla riabilitazione del pavimento pelvico, gestione dello stress, massaggio prostatico, stimolazione nervosa e terapia comportamentale, il trattamento difficilmente si è rivelato efficace e di lunga durata. Infatti i pazienti in genere soffrono comunque di un decorso fluttuante cronico di sintomi urinari, dolore e disfunzione eiaculatoria, che possono incidere sulla qualità della vita anche più di alcune malattie cardiache e del diabete mellito.

«Per quanto ne sappiamo, questo è uno dei pochi studi che hanno valutato gli effetti del trattamento della CP/CPPS con un inibitore della PDE5 dopo almeno tre mesi», hanno scritto l’autore senior dello studio Amin Herati e colleghi, della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, aggiungendo che la terapia con questi farmaci può essere associata a una riduzione prolungata dei sintomi della malattia dopo 1 anno di follow-up.

Un trial per ora su pochi pazienti
Lo studio ha coinvolto 25 uomini che avevano ricevuto dal 2009 al 2018 una diagnosi di CP/CPPS, tre dei quali (12%) avevano anche una diagnosi di disfunzione erettile. I punteggi dell'indice dei sintomi della prostatite cronica (CPSI, chronic prostatitis symptom index) sono stati determinati prima dell'inizio della terapia off-label con l’inibitore della PDE5 e a ogni successiva visita di follow-up, per valutare l'effetto dell'inibizione enzimatica sui sintomi e sulla qualità della vita.

L’uso continuato di tadalafil alla dose di 5 mg al giorno per almeno 3 mesi ha ridotto il punteggio CPSIx) del National Institute of Health in media di 12,9 punti rispetto al basale (p<0,001). Due pazienti non hanno avuto variazioni nel punteggio CPSI totale dopo aver ricevuto almeno 3 mesi di terapia con inibitori della PDE5.

Lo stesso regime ha anche ridotto il dolore mediamente di 6,1 punti rispetto al basale, i sintomi urinari di una media di 2,4 punti e ha migliorato la qualità della vita in media di 4,6 punti (p<0,001 per tutti gli endpoint).

Tra gli effetti collaterali correlati all’uso di tadalafil vanno menzionati mal di testa, crampi muscolari e congestione nasale, che spesso scompaiono nel tempo. In caso di persistenza dei crampi i pazienti possono utilizzare a un altro farmaco della stessa classe come vardenafil, ha suggerito Herati.

Possibili meccanismi
«Pensiamo che la disfunzione del pavimento pelvico, che causa la CP/CPPS, comprima i vasi sanguigni e riteniamo che gli inibitori della PDE5 possano aiutare a ridurre i sintomi migliorando il flusso sanguigno e rilassando la prostata» ha spiegato. «Ma questi agenti potrebbero anche lavorare a livello della vescica per renderla meno irritabile, oltre a rilassare i muscoli del pavimento pelvico, il che contribuirebbe a ridurre la sintomatologia».

«L'inibizione della PDE5 potrebbe funzionare anche nel trattamento del dolore pelvico cronico nelle donne» ha aggiunto Herati. «La disfunzione del pavimento pelvico è la condizione alla base di molte situazioni di dolore pelvico, sia negli uomini che nelle donne. Dal momento che sildenafil è stato usato per trattare la disfunzione sessuale femminile, non sarei contrario a studiarlo in futuro».

Il team di ricerca sta valutando una prossima sperimentazione clinica per studiare questi farmaci in modo più controllato. «Abbiamo intenzione di proseguire con queste valutazioni -ha aggiunto Herati- ma nel frattempo non posso evitare di suggerire questo trattamento ai pazienti che soffrono di questa condizione».

Alla richiesta di un commento, Robert Moldwin della Zucker School of Medicine alla Hofstra/Northwell di Hempstead, New York, ha definito i risultati promettenti, ma ha ritenuto incomplete le spiegazioni sul potenziale meccanismo d’azione, ancora non così chiaro. «Molti di questi uomini spesso hanno disturbi sessuali di vario tipo, come eiaculazione precoce, disfunzione erettile, dolore durante l'eiaculazione e sintomi di svuotamento ostruttivo, quindi questo farmaco può avere effetti non solo sul dolore ma anche su alcuni di questi problemi, spiegando potenzialmente il miglioramento della qualità di vita. Tuttavia il trattamento merita chiaramente di essere approfondito in ulteriori studi».

Bibliografia

Pineault K et al. Phosphodiesterase type 5 inhibitor therapy provides sustained relief of symptoms among patients with chronic pelvic pain syndrome. Transl Androl Urol. 2020 Apr; 9(2): 391–397.

Leggi