Dolore post chirurgia per cancro al seno, l'insorgenza dipende da diversi fattori

Dolore

Dopo chirurgia per cancro al seno, la maggior parte delle pazienti prova dolore. Da cosa dipende questo dolore? E' la domanda che si sono posti ricercatori americani in una revisione sistematica della letteratura pubblicata sul giornale della "Canadian medical association". Da questa analisi emerge che lo sviluppo di dolore persistente, dopo l'intervento chirurgico del cancro al seno, sembra essere associato a etą pił giovane, radioterapia, dissezione dei linfonodi ascellari, maggior dolore acuto postoperatorio e dolore preoperatorio.

Dopo chirurgia per cancro al seno, la maggior parte delle pazienti prova dolore. Da cosa dipende questo dolore? E’ la domanda che si sono posti ricercatori americani in una revisione sistematica della letteratura pubblicata sul giornale della “Canadian medical association”. Da questa analisi emerge che lo sviluppo di dolore persistente, dopo l'intervento chirurgico del cancro al seno, sembra essere associato a età più giovane, radioterapia, dissezione dei linfonodi ascellari, maggior dolore acuto postoperatorio e dolore preoperatorio.
Il dolore persistente dopo l'intervento chirurgico del cancro al seno colpisce fino al 60% delle pazienti. L'identificazione precoce dei soggetti a rischio più elevato potrebbe contribuire ad informare la gestione ottimale.
A tal fine, in questo studio è stata compiuta una revisione sistematica e una meta-analisi di studi osservazionali per esplorare i fattori associati al dolore persistente tra le donne che avevano subito un intervento chirurgico per il tumore al seno.
Sono stati, dunque, analizzati i database MEDLINE, EMBASE, CINAHL e PsycINFO, per identificare studi di coorte o caso-controllo che avessero esplorato l'associazione tra fattori di rischio e dolore persistente (della durata di almeno 2 mesi) dopo l'intervento chirurgico del cancro al seno. 
Le stime di associazione con modelli ad effetti casuali sono state messe insieme, quando possibile, per tutte le variabili indipendenti riportate da più di 1 studio. Le misure relative di associazione sono state riportate come rapporti pooled odds (OR) e sono state anche riportate le misure assolute di associazione, come aumento del rischio assoluto.
Andando a guardare i risultati, è stato evidenziato che su trenta studi, per un totale di 19.813 pazienti, è stata riferita l'associazione di 77 variabili indipendenti collegate a dolore persistente.
Prove di alta qualità hanno mostrato un aumento della probabilità di dolore persistente con l'età più giovane (OR 1.36, per ogni 10-anni meno, 95% intervallo di confidenza [CI] 1,24-1,48), radioterapia (OR 1.35, 95% CI 1,16-1,57), dissezione dei linfonodi ascellari (OR 2,41, 95% CI 1,73-3,35) e una maggiore dolore postoperatorio acuto (OR 1.16, per ogni cm su una scala di 10 cm (visual analogue scale), 95% CI 1,03-1,30).
E’ stata, inoltre, osservata una moderata evidenza di qualità che ha suggerito un’associazione con la presenza di dolore preoperatorio (OR 1.29, 95% CI 1,01-1,64). Dato il rischio del 30% del dolore in assenza di fattori di rischio, l'aumento del rischio assoluto corrispondente a queste OR variava dal 3% (dolore postoperatorio acuto) al 21% (dissezione linfonodale ascellare).
Prove di alta qualità non hanno mostrato alcuna associazione con indice di massa corporea, tipo di chirurgia del seno, chemioterapia o terapia endocrina.
Interpretando questi risultati i ricercatori hanno sottolineato che lo sviluppo di dolore persistente dopo l'intervento chirurgico del cancro al seno è stato associato con l'età più giovane, la radioterapia, la dissezione dei linfonodi ascellari, un maggiore dolore acuto postoperatorio e dolore preoperatorio. Tra tutti, la dissezione ascellare linfonodale fornisce l'unico bersaglio ad alto rendimento, come fattore di rischio modificabile, per prevenire lo sviluppo di dolore persistente dopo chirurgia del cancro al seno.
Emilia Vaccaro


Wang L, et al. Predictors of persistent pain after breast cancer surgery: a systematic review and meta-analysis of observational studies. CMAJ 2016. DOI:10.1503/cmaj.151276
leggi


SEZIONE DOWNLOAD