Dolore post chirurgico immediato, indice di dolore futuro

Dolore
Quanto più un paziente prova dolore severo durante le prime 24 ore dopo l'intervento chirurgico, più è probabile che soffrirà di qualche forma di dolore post-chirurgico cronico un anno più tardi. Questo è quanto mostrato da uno studio presentato a Euroanaesthesia 2015.
Questo studio prospettico, osservazionale è stato disegnato per investigare l'incidenza, le caratteristiche e i fattori di rischio del dolore post-chirurgico cronico in Europa e ha valutato pazienti sottoposti a procedure elettive in 21 ospedali in 11 paesi.
Il dolore è stato misurato durante le prime 24 ore dopo l'intervento utilizzando un questionario standardizzato, e le valutazioni di follow-up sono state eseguite a sei e 12 mesi dopo l'intervento, utilizzando il Brief Pain Inventory (BPI) e DN4 (Douleur Neuropathique en 4 questions).
In tutto, più di 3.000 pazienti sono stati valutati il giorno 1 dopo l'intervento, e il follow-up sei e 12 mesi dopo, è stato eseguito su 889 di questi pazienti. Gli autori hanno trovato che l'incidenza di dolore postoperatorio cronico almeno moderato (definito come punteggio sulla Numeric Rating Scale ≥3) era del 16% al giorno 1 e dell’ 11,8% a sei e 12 mesi.
Dolore grave (definito come punteggio sulla Numeric Rating Scale ≥6) è stato riportato dal 2,9% e 2,2% dei pazienti a sei e 12 mesi, rispettivamente. Inoltre, a 12 mesi, i segni di dolore neuropatico sono stati registrati nel 39,2% dei pazienti con dolore moderato e nel 57,1% dei pazienti con dolore postoperatorio cronico grave. Non a caso, l'effetto funzionale del dolore sulle attività è stato visto aumentare con la gravità del dolore postoperatorio cronico (p<0,001).
L' analisi multivariata ha identificato la chirurgia ortopedica, il dolore cronico preoperatorio e la percentuale di tempo passato con dolore grave 24 ore dopo l'intervento chirurgico, come fattori predittivi per il dolore postoperatorio cronico.
Inoltre, un aumento del 10% della percentuale di tempo passata con dolore grave il giorno 1 è stato associato ad un aumento del 30% di incidenza del dolore post-chirurgico cronico a un anno dopo l'intervento chirurgico.
"L'ultima variabile non è stata già descritta come fattore di rischio per il dolore post-chirurgico cronico", ha dichiarato Ulrike Stamer, professore presso il Dipartimento di Anestesia e Terapia del Dolore dell'Università di Berna Hospital, Svizzera, e uno dei co-autori dello studio Euroanaesthesia. "In contrasto con precedenti inchieste però, non abbiamo potuto confermare che i punteggi elevati del dolore dopo l'intervento erano associati con il dolore post-chirurgico cronico."
Stamer e i suoi colleghi hanno anche fatto osservare il design unico del loro studio, che a differenza di precedenti studi di popolazioni simili ha utilizzato questionari dei pazienti Web-based per le valutazioni a sei e 12 mesi di follow-up e dei dati perioperatori documentati nel registro "Pain Out" .
Jonathan S. Gal, assistente professore di anestesiologia presso Icahn School of Medicine/The Mount Sinai Medical Center, a New York City, ha evidenziato: "Il dolore postoperatorio cronico è una grave complicanza della chirurgia che può compromettere in modo significativo la qualità della vita del paziente, rendendolo così un tema cruciale. Spesso, tuttavia, non è sempre considerato".
In conclusione, è necessario valutare bene il dolore nell’immediato post operatorio soprattutto a 24 ore dall’intervento. Questa misura aiuterà a capire se quell’individuo potrà sviluppare peggioramento e cronicizzazione del dolore dopo 1 anno dall’intervento chirurgico.
Emilia Vaccaro
Stamer U.M.1 et al, euCPSP Study Group. European study on chronic post-surgical pain. abstract ESAPC1-2

leggi

SEZIONE DOWNLOAD