Dolore post intervento chirurgico, quando bastano gli antidolorifici non oppioidi?

Dolore

Un recente studio pubblicato sul Journal of the American College of Surgeon ha evidenziato che pazienti sottoposti a chirurgia a cui è stato insegnato a gestire il dolore con paracetamolo e ibuprofene ricorrono poco o per nulla agli oppioidi.

Un recente studio pubblicato sul Journal of the American College of Surgeon ha evidenziato che pazienti sottoposti a chirurgia a cui è stato insegnato a gestire il dolore con paracetamolo e ibuprofene ricorrono poco o per nulla agli oppioidi.

Nel 2017 negli Stati Uniti, circa 11,4 milioni di persone di età pari o superiore a 12 anni ha abusato di oppioidi nell'ultimo anno, secondo i dati del National Survey on Drug Use and Health.

Fino al 10% dei pazienti che assumono oppioidi per la prima volta dopo un'operazione sviluppa una dipendenza a lungo termine e questo rischio di dipendenza è stato trovato associato alla dimensione della prescrizione iniziale.

Diviene perciò importante capire se, per lenire il dolore in seguito a interventi chirurgici minori, è possibile utilizzare in misura maggiore analgesici non oppioidi.

In questo studio, i pazienti reclutati sono stati sottoposti a un intervento chirurgico minore: rimozione laparoscopica della cistifellea, riparazione laparoscopica di un'ernia inguinale, rimozione della tiroide o della ghiandola paratiroidea, rimozione assistita da robot della prostata, chirurgia endoscopica del seno e un tipo di chirurgia per la perdita di peso chiamato gastrectomia a manica per via laparoscopica.

Prima dell'intervento, i 190 volontari hanno ricevuto una consulenza sulla gestione del dolore e sono stati invitati a prendere un antidolorifico non oppioide ogni tre ore, alternando tra 600 milligrammi di ibuprofene e 650 mg di acetaminofene.

I ricercatori hanno anche dato ai pazienti una piccola prescrizione di pillole da 5 mg contenenti l’oppioide ossicodone, consigliandoli di assumere il narcotico solo se il loro dolore era ingestibile.

Quando i ricercatori hanno contattato i pazienti da uno a tre mesi dopo gli interventi chirurgici, hanno appreso che il 52% non aveva usato alcun oppioide.
Tra coloro che hanno fatto uso di oppioidi, il 98% ha usato non più di 10 pillole e quasi tutti concordavano sul fatto che il loro dolore era gestibile con questo regime.

“Nel corso degli anni, i chirurghi hanno spesso prescritto da 20 a 40 compresse di ossicodone dopo molte procedure. Questo studio e altri simili suggeriscono che tali quantità non erano necessarie in molti casi ", ha affermato il dott. Kevin Hill della Harvard Medical School di Boston, che non è stato coinvolto nello studio.

"L'efficacia di questo protocollo riguarda soprattutto l'impostazione delle aspettative, l'educazione e l'uso di antidolorifici non oppioidi che sono molto potenti", ha commentato il dott. Chad Brummett della facoltà di medicina dell'Università del Michigan ad Ann Arbor.

"Il concetto fondamentale è che noi chirurghi e dentisti siamo portinai all'esposizione agli oppiacei", ha affermato il coautore Dr. Michael Englesbe, anch'esso dell'Università del Michigan. Ha notato che la maggior parte dei consumatori di eroina e le persone a rischio di sovradosaggio hanno avuto il primo contatto con gli oppioidi a seguito di prescrizione medica.

Precedenti studi hanno anche scoperto che i pazienti tendono a consumare meno analgesico non oppioide lasciando una media di 19 pillole di antinfiammatorio prescritto ancora intatte alla fine della cura. Nel presente studio, metà dei pazienti non aveva più di due pillole rimaste dalla piccola scorta che avevano ricevuto.

L'eccessiva prescrizione di oppioidi aumenta il rischio di un uso prolungato e provoca la deviazione delle pillole rimanenti e l'abuso dell’oppiaceo, in particolare negli adolescenti.

In conclusione, come sottolineato dai ricercatori, i risultati dello studio dimostrano che molti pazienti sottoposti a chirurgia non hanno bisogno di oppioidi per gestire il dolore e che l'uso di questi antidolorifici deve essere de-enfatizzato ove possibile. Ovviamente ogni paziente e diverso dagli altri e potrebbe avere necessità di utilizzo degli oppiacei pertanto bisogna tener conto anche di questa variabilità.
Inoltre questo approccio potrebbe non essere appropriato per procedure più complesse.

Hallway A et al., Patient Satisfaction and Pain Control Using an Opioid-Sparing Postoperative Pathway. J Am Coll Surg. 2019 Apr 26. pii: S1072-7515(19)30295-9. doi: 10.1016/j.jamcollsurg.2019.04.020.

leggi

SEZIONE DOWNLOAD