Dolore post operatorio nei bambini, meglio l'ibuprofene della morfina

Per i bambini che sono stati sottoposti a intervento chirurgico, il personale medico dovrebbe incoraggiare i genitori a usare ibuprofene (insieme al paracetamolo) come trattamento di prima linea per il dolore postoperatorio. E' quanto evidenzia uno studio pubblicato su Evidece Based Nursing. Dallo studio emerge anche che la morfina in termini di riduzione del dolore produce gli stessi effetti dell'ibuprofene ma il suo utilizzo è accompagnato da molti più effetti collaterali.

Per i bambini che sono stati sottoposti a intervento chirurgico, il personale medico dovrebbe incoraggiare i genitori a usare ibuprofene (insieme al paracetamolo) come trattamento di prima linea per il dolore postoperatorio. E’ quanto evidenzia uno studio pubblicato su Evidece Based Nursing. Dallo studio emerge anche che la morfina in termini di riduzione del dolore produce gli stessi effetti dell’ibuprofene ma il suo utilizzo è accompagnato da molti più effetti collaterali.

La morfina e altri oppioidi come l'ossicodone e l'idrocodone rappresentano sempre più la pietra angolare del trattamento del dolore postoperatorio dei bambini. Tuttavia, l'uso di oppiacei può causare numerose complicazioni, tra cui depressione respiratoria, nausea, costipazione e un aumentato rischio di abuso di oppioidi in età avanzata.
Dati i rischi associati, è importante che le prove supportino l'uso di oppioidi rispetto ad altri analgesici affidabili come l'ibuprofene e il paracetamolo. Tuttavia, tale evidenza è carente nella chirurgia ambulatoriale pediatrica. Per colmare questa lacuna nella conoscenza, Poonai et al hanno deciso di determinare se la morfina orale fosse più efficace dell'ibuprofene nel controllare il dolore dei bambini una volta dimessi dall’ospedale dopo un intervento chirurgico.

L'obiettivo principale era determinare se la morfina orale fosse superiore all'ibuprofene orale per il controllo del dolore postoperatorio dei bambini una volta che avessero raggiunto la loro casa e fossero affidati alle cure dei genitori.
I partecipanti erano 154 bambini di età compresa tra 5 e 17 anni (età media=12,4 anni) sottoposti a chirurgia ortopedica ambulatoriale. I ricercatori hanno eseguito uno studio randomizzato controllato intention-to treat, il che significava che ogni soggetto è stato analizzato in base al proprio trattamento randomizzato.

L'analisi intention-to-treat riduce il bias introdotto dai partecipanti che abbandonano lo studio o non sono conformi al trattamento assegnatogli (cioè, hanno preso sia ibuprofene che morfina).
In totale, 77 pazienti sono stati randomizzati a ciascun farmaco. I partecipanti hanno valutato il dolore utilizzando la scala del dolore di Faces rivista. La Faces Pain Scale-Revised è divisa in sei item ed è una misura validata del dolore postoperatorio dei bambini ed è valutato da 0 (nessun dolore) a 10 (massimo dolore).

L'outcome primario era la diminuzione del punteggio del dolore auto-riportato dopo la prima dose di farmaci antidolorifici a casa.
I risultati hanno mostrato che in media, sia la morfina che l'ibuprofene hanno fornito una riduzione clinicamente significativa dei punteggi del dolore di un punto (da 3 a 2, p=0,2) sulla scala del dolore utilizzata. Pertanto, i ricercatori hanno concluso che la morfina orale non era superiore all'ibuprofene orale per il controllo del dolore postoperatorio dei bambini a casa.

Un importante risultato secondario ha evidenziato che la morfina è associata a un maggior numero di effetti collaterali rispetto all'ibuprofene.
Gli autori suggeriscono l'ibuprofene come analgesico di prima linea dopo la chirurgia ambulatoriale dei bambini. Lo studio è stato appropriatamente progettato per fare questa forte conclusione: i partecipanti sono stati randomizzati, sia gli osservatori che i pazienti sono stati adeguatamente tenuti in cieco, i dati sono stati analizzati in un'analisi intention-to-treat e l'outcome primario è stato misurato utilizzando uno strumento validato.

“Tuttavia-precisano gli autori- dovremmo considerare anche altre due importanti limitazioni. Innanzitutto, l'analgesia multimodale è superiore all'uso della modalità singola per l'analgesia postoperatoria. Pertanto, studi futuri dovrebbero determinare se la morfina in combinazione con l'ibuprofene fornisce un sollievo dal dolore superiore rispetto all'ibuprofene da solo. In secondo luogo, una limitazione di tutti gli studi randomizzati è che i partecipanti allo studio sono scelti utilizzando criteri ristretti che limitano la generalizzabilità dei risultati alla popolazione infantile più grande”.

In conclusione, lo studio ha evidenziato che la morfina non è superiore all'ibuprofene per alleviare il dolore dei bambini dopo un intervento chirurgico ortopedico minore. Secondo gli autori, i genitori dovrebbero usare ibuprofene e paracetamolo come trattamento di prima linea per il dolore postoperatorio dei loro figli dopo dimissioni dall’ospedale.

Groenewald CB. Morphine is not superior to ibuprofen for managing children's pain following minor orthopedic surgery.Evid Based Nurs. 2018 Mar 7. pii: ebnurs-2017-102855. doi: 10.1136/eb-2017-102855.

leggi