Dolore

Dolore post partum, la stimolazione elettrica è efficace e riduce il consumo di oppioidi

Secondo dati recentemente pubblicati, la stimolazione elettrica può essere utilizzata per trattare il dolore delle madri dopo il parto cesareo, contribuendo così a ridurre l'uso di oppioidi. I risultati di questo studio sono stati pubblicati su Jama Network Open.

Secondo dati recentemente pubblicati, la stimolazione elettrica può essere utilizzata per trattare il dolore delle madri dopo il parto cesareo, contribuendo così a ridurre l’uso di oppioidi. I risultati di questo studio sono stati pubblicati su Jama Network Open.

Sono necessarie strategie migliori per ridurre l’uso di oppioidi dopo un parto cesareo, ma allo stesso tempo è importante controllare adeguatamente il dolore postoperatorio.

Sebbene i dispositivi di stimolazione elettrica transcutanea si siano dimostrati efficaci per il controllo del dolore dopo altre procedure chirurgiche, non sono stati valutati come parte di un protocollo analgesico multimodale dopo il parto cesareo, la procedura chirurgica più comune negli Stati Uniti.
Nello studio in triplo cieco, i ricercatori dell’Ohio State University Wexner Medical Center, hanno randomizzato 134 donne che hanno dato alla luce un unico figlio o due gemelli tramite parto cesareo tra la 22a e la 42a settimana.

Un gruppo è stato trattato con stimolazione elettrica ad alta frequenza e confrontato con il gruppo di controllo, a cui è stata somministrata una stimolazione simulata con un dispositivo identico nell'aspetto a un altro utilizzato per trattare il primo gruppo di pazienti.
Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale in un rapporto 1:1 a un gruppo di dispositivi di stimolazione elettrica ad alta frequenza (20.000 Hz) o a un gruppo di dispositivi fittizi dall'aspetto identico e hanno ricevuto 3 applicazioni nel sito di incisione nelle prime 20-30 ore dopo l'intervento.
L'outcome primario era l'uso di oppioidi postoperatori in regime ospedaliero, misurato in equivalenti di milligrammi di morfina (MME). Gli esiti secondari includevano i punteggi del dolore, misurati con il questionario Brief Pain Inventory (scala 0-10, dove 0 rappresenta l'assenza di dolore), l'MME prescritto alla dimissione e la ricezione di ulteriori prescrizioni di oppioidi nel periodo postpartum.

I dati distribuiti normalmente sono stati valutati utilizzando il test t; altrimenti tramite test di Mann-Whitney o χ2, a seconda dei casi. Le analisi sono state completate seguendo i principi dell’intention to treat.
Delle 134 donne post partum sottoposte a parto cesareo (età media [SD], 30,5 [4,6] anni; età gestazionale media [SD] al parto, 38 settimane 6 giorni [8 giorni]), 67 sono state assegnate in modo casuale al gruppo del dispositivo funzionale e 67 al gruppo di dispositivi fittizi.
La maggior parte erano multipare, avevano un indice di massa corporea pre-gravidanza (calcolato come peso in chilogrammi diviso per l'altezza in metri quadrati) superiore a 30 e avevano ricevuto anestesia spinale.

Una partecipante nel gruppo del dispositivo fittizio ha ritirato il consenso prima del trattamento. Le partecipanti assegnati al dispositivo funzionale utilizzavano significativamente meno farmaci oppioidi prima della dimissione (mediana [IQR], 19,75 [0-52,50] MME) rispetto ai pazienti nel gruppo del dispositivo fittizio (mediana [IQR], 37,50 [7,50-67,50] MME; p=0.046) e hanno riportato tassi simili di dolore da moderato a grave (85% vs 91%; rischio relativo [RR], 0,77 [IC 95%, 0,55-1,29]; p=0,43) e punteggi medi del dolore (3,59 [95 % IC, 3,21-3,98] vs 4,46 [IC 95%, 4,01-4,92]; p=0,004).

Alle partecipanti nel gruppo dei dispositivi funzionali è stato prescritto un minor numero di MME alla dimissione (mediana [IQR], 82,50 [0-90,00] MME vs 90,00 [75,00-90,00] MME; p<0,001). Avevano anche maggiori probabilità di essere dimesse senza prescrizione di oppioidi (25% vs 10%; RR, 1,58 [IC 95%, 1,08-2,13]; p=0,03) rispetto al gruppo con dispositivo fittizio. In nessuno dei due gruppi si sono verificati eventi avversi correlati al trattamento.

In sintesi, alle pazienti che hanno ricevuto la stimolazione ad alta frequenza hanno utilizzato il 47% in meno di farmaci oppioidi in ambito ospedaliero e sono stati prescritti meno oppioidi alla dimissione rispetto a quelli che hanno ricevuto il trattamento con il dispositivo fittizio. In nessuno dei due gruppi sono stati segnalati eventi avversi correlati al trattamento.

"Quasi tutte le pazienti che hanno un parto cesareo assumono farmaci antidolorifici oppioidi per il dolore postoperatorio, ma sappiamo che gli oppioidi hanno molti effetti collaterali a breve e lungo termine", ha affermato la ricercatrice Jennifer L. Grasch, ostetrica-ginecologa della Divisione. di Medicina materno-fetale presso il Wexner Medical Center della Ohio State University, Columbus.

"Il nostro studio suggerisce che l'aggiunta del trattamento transcutaneo con un dispositivo di stimolazione elettrica ad alta frequenza (20.000 Hz) diminuisce l'uso di oppioidi dopo un parto cesareo senza compromettere il controllo del dolore."

I ricercatori hanno concluso che questi risultati indicano che la stimolazione elettrica può essere un utile complemento per ridurre l’uso di oppioidi senza aumentare il rischio di disagio nei pazienti dopo il parto cesareo. Inoltre, questa strategia potrebbe quindi essere utile per ridurre il rischio di abuso e diversione di oppioidi. I ricercatori hanno sottolineato che intendono continuare questa ricerca integrando il dispositivo.

Jennifer L Grasch et al., Noninvasive Bioelectronic Treatment of Postcesarean Pain: A Randomized Clinical Trial JAMA Netw Open. 2023 Oct 2;6(10):e2338188.
leggi