Dolore postoperatorio, paracetamolo orale efficace quanto quello per via endovenosa.

Il paracetamolo somministrato per via orale prima di un intervento di artroplastica all'anca o al ginocchio, nelle 24 ore successive all'operazione consente un controllo del dolore sovrapponibile al paracetamolo endovenoso somministrato durante l'intervento chirurgico, secondo i risultati di uno studio pubblicato sull'American Society of Health-System Pharmacists.

Il paracetamolo somministrato per via orale prima di un intervento di artroplastica all’anca o al ginocchio, nelle 24 ore successive all’operazione consente un controllo del dolore sovrapponibile al paracetamolo endovenoso somministrato durante l’intervento chirurgico, secondo i risultati di uno studio pubblicato sull’American Society of Health-System Pharmacists.

Nel paziente ospedalizzato il dolore è stato storicamente gestito attraverso la monoterapia con oppioidi, ma negli ultimi dieci anni l'analgesia multimodale ha ottenuto il riconoscimento come strategia efficace per la gestione del dolore. Combinando diverse classi di analgesici che si rivolgono a diversi percorsi e recettori neuronali, il controllo del dolore può essere ottimizzato e gli effetti avversi limitati utilizzando dosi più piccole di ciascun agente.

Un agente comunemente usato nel controllo del dolore multimodale è il paracetamolo endovenoso ma, dato il costo 400 volte superiore rispetto a quello delle compresse (negli USA, ndr), è meno attraente per gli operatori sanitari attenti al budget.

Precedenti studi hanno dimostrato che l'uso di paracetamolo endovenoso, rispetto a dosi orali equivalenti, si traduce in picchi di concentrazione più elevati e più rapidi sia nel plasma che nel liquido cerebro-spinale. Tuttavia, due ore dopo la somministrazione di dosi orali ed endovenose equivalenti, i livelli plasmatici di farmaco risultano identici. Non ci sono prove che il raggiungimento di una concentrazione più elevata di farmaco a un ritmo più veloce, come accade con la somministrazione endovenosa, comporti migliori esiti clinici nei pazienti sottoposti a chirurgia.

Obiettivo dei ricercatori era valutare l’efficacia nel controllo del dolore postoperatorio delle due modalità di somministrazione del paracetamolo sopracitate, e la loro capacità di minimizzare il ricorso a farmaci oppioidi.

Nessuna differenza nelle 24 ore dopo l’intervento
È stato condotto uno studio di equivalenza a centro singolo, randomizzato, controllato con placebo. I pazienti sono stati assegnati (1: 1) a ricevere 2 capsule da 500 mg di paracetamolo prima dell'intervento, con un infusione endovenosa di placebo durante l'intervento chirurgico (il gruppo orale) o 2 capsule di placebo orali seguite da una infusione di paracetamolo 1000 mg/100 ml (il gruppo endovenoso). Una volta ammessi all'unità di cura post-anestesia (PACU), i pazienti sono stati seguiti fino a 24 ore dopo l'intervento.

Tra 486 pazienti inclusi in un'analisi intention-to-treat modificata (età media di 66,3 anni), non vi sono state differenze significative nell'uso preoperatorio e intraoperatorio di paracetamolo tra il gruppo orale e quello endovenoso. L'uso di oppioidi postoperatori in milligrammi equivalenti di morfina (MME) era lo stesso in entrambi i gruppi. Non sono state evidenziate differenze significative tra i gruppi nei punteggi medi del dolore nell'arco di 24 ore.

«Nei pazienti sottoposti ad artroplastica dell'anca o del ginocchio, il paracetamolo orale somministrato prima dell'intervento, nell’immediato periodo postoperatorio ha dimostrato un controllo del dolore equivalente al paracetamolo endovena somministrato in sala operatoria», concludono gli autori. «Inoltre non sono emerse differenze nella riduzione di nausea e vomito postoperatori, tempo di deambulazione, tempo necessario alla necessità della prima dose di antidolorifico, durata della permanenza del PACU o durata totale della degenza ospedaliera».


Hickman SR et al. Randomized trial of oral versus intravenous acetaminophen for postoperative pain control. Am J Health Syst Pharm. 2018 Mar 15;75(6):367-375.
leggi