Dolore

Emicrania cronica, un campanello d'allarme puo' essere l'asma

Una storia di asma pu˛ far prevedere lo sviluppo di emicrania cronica in individui che hanno emicrania episodica. Questo Ŕ quanto mostrato da uno studio secondo uno studio pubblicato su Headache.

Una storia di asma può far prevedere lo sviluppo di emicrania cronica in individui che hanno emicrania episodica. Questo è quanto mostrato da uno studio secondo uno studio pubblicato su Headache.

Poiché entrambe le condizioni sono prevalenti, circa l’11,6% della popolazione degli Stati Uniti ha l'emicrania e il 7,5% ha l'asma; è probabile la comorbidità, ma non è mai stato stabilito un rapporto di rischio.

"I collegamenti tra l'asma e l'emicrania erano stati segnalati e i medici che curano il mal di testa hanno notato che un sacco di pazienti con emicrania hanno anche asma", ha dichiarato Richard Lipton, direttore del Montefiore Headache Center e presidente Edwin S. Lowe in Neurologia , Albert Einstein College of Medicine, Bronx, New York.
In un primo momento, il dottor Lipton, che è autore dello studio, credeva infatti di avere un campione distorto di pazienti con entrambi i disturbi che erano stati seguiti da medici di medicina generale incerti sul prescrivere propranololo per prevenire l'emicrania nei pazienti con asma.

Ma poi hanno notato altri indizi: "Gli inibitori dei leucotrieni avevano effetto sull’asma e l’emicrania, e entrambi i disturbi comportano cambiamenti infiammatori e cambiamenti nella muscolatura liscia Nell’ asma, la broncocostrizione è causata da contrattilità della muscolatura liscia delle vie aeree e infiammazione dei rivestimenti delle vie aeree.

Nell’emicrania c'è infiammazione e dilatazione e costrizione dei vasi sanguigni. Questi collegamenti meccanicistici suggeriscono che le due condizioni possono essere associate ".
Il dr Lipton sta conducendo lo studio “American Migraine Prevalence and Prevention (AMPP) study”,per tale motivo si è posto la seguente domanda: “L’ asma puo’ prevedere un peggioramento dell'emicrania nel tempo?' E la risposta pare sia positiva”.

Per questo studio, l'autore principale Vincent T. Martin, co-direttore dell’Headache and Facial Pain Program at the University of Cincinnati Neuroscience Institute in Ohio e colleghi hanno ipotizzato che l'asma sia un fattore di rischio per il passaggio dell’emicrania da episodica a cronica (15 o più mal di testa al mese).
L’emicrania cronica si verifica raramente senza emicrania episodica prima.

I ricercatori hanno utilizzato i dati del AMPP per il 2008 e il 2009. Lo strumento comprendeva un questionario della Comunità europea sull’asma “Respiratory Health Survey” in sei punti.

Inoltre, per verificare se asma più grave aumentasse la probabilità di progressione verso emicrania cronica, i ricercatori hanno sviluppato un punteggio sulla severità dei sintomi respiratori, che va da nessuna gravità (pari a zero risposte positive), a bassa severità (da uno a due risposte positive), moderata gravità ( tre o quattro risposte positive) e alta gravità (da cinque a sei risposte positive).

L’ AMPP indaga su durata e frequenza del mal di testa.
Di 4446 partecipanti che avevano emicrania episodica, 746 (16,8%) soffrivano di asma e 3700 (83,2%) invece no.
Nel 2009, emicrania cronica di nuova insorgenza si è sviluppata nel 2,9% (131/4446) della coorte, che era l'endpoint primario.
Questo gruppo comprendeva 5,4% (40/746) del sottogruppo asma e 2,5% (91/3700) del sottogruppo non-asma.

I partecipanti con asma avevano un rischio più alto di due volte di progressione verso l'emicrania cronica rispetto a quelli senza asma, dopo aggiustamento per fattori sociodemografici (tra cui l'età, indice di massa corporea, sesso e reddito), frequenza della cefalea e uso di farmaci preventivi per l'emicrania (odds ratio [aOR], 2.1; 95% intervallo di confidenza [IC], 1,4-3,1).

Inoltre, il rischio sembra aumentare con l’aumento del numero di sintomi di asma, ma solo i soggetti del gruppo asma di gravità alta hanno mostrato un aumento statisticamente significativo delle probabilità di insorgenza dell'emicrania cronica rispetto a quelli senza asma (AOR, 3,3; 95% CI, 1,7-6,2).
"Se l’aumento della severità dei sintomi dell’ asma aumenta il rischio di progressione a emicrania cronica, allora è più probabile che i sintomi respiratori giocano un ruolo causale", ha evidenziato il dottor Lipton.

"Anche se abbiamo scoperto che la presenza complessiva di asma raddoppia circa il rischio, il gruppo con più gravi sintomi respiratori aveva una probabilità tre volte più elevata di sviluppare emicrania cronica rispetto ai soggetti senza asma."
La dose-risposta apparente è simile a quanto osservato per la depressione, ha aggiunto. "In generale, la depressione lieve raddoppia il rischio di emicrania cronica, ma la depressione forte triplica questo rischio".

Le altre covariate, tra cui l’uso eccessivo di farmaci, frequenza della cefalea, e l'uso di farmaci di prevenzione, non sono stati associati con nuova insorgenza di emicrania cronica. Altri fattori di rischio per l'emicrania cronica sono l'obesità, allodinia, altri disturbi del dolore, e l'abuso di barbiturici e narcotici.

La decisione di utilizzare farmaci preventivi per l’ emicrania nei pazienti con asma con emicrania episodica è complesso, ha sottolineato il dottor Lipton: "I medici dovrebbero valutare i profili globali di fattori di rischio per la progressione dell’ emicrania e tenerne conto nelle decisioni terapeutiche. Ma io non credo che tutti gli studi hanno dimostrato che se si identificano le persone ad alto rischio di progressione di emicrania che il trattamento preventivo possa impedire la progressione."

Il dr. Lipton ipotizza anche che il trattamento farmacologico dell’ asma con farmaci che riducono l'infiammazione può avere un effetto protettivo contro la progressione dell’ emicrania, se l'infiammazione è il link.

Gli autori hanno fatto notare diversi limiti di studio, tra cui fattori confondenti sconosciuti, il fatto che il 90% dei partecipanti era di razza caucasica, questionari fatti su auto-segnalazione e durata di 1 anno.

EV

SEZIONE DOWNLOAD