Dolore

Farmaci antinfiammatori non steroidei, efficaci e sicuri nel dolore cronico da lombalgia?

I farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) sono ampiamente utilizzati per il trattamento di persone con mal di schiena, soprattutto nei casi di mal di schiena acuto. L'uso di Fans a breve termine Ŕ consigliato anche per alleviare il dolore nelle persone con mal di schiena cronico, ma quanto sono efficaci e sicuri contro questo dolore? E' la domanda che si sono posti gli esperti che hanno aggiornato una reviews Cochrane pubblicata nel 2008 incentrata sulle persone con lombalgia cronica. Da questa analisi viene fuori che i Fans apportano miglioramenti nel dolore e nella disabilitÓ ma non possono essere tratte conclusioni definitive circa il verificarsi di eventi avversi soprattutto nel lungo termine.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) sono ampiamente utilizzati per il trattamento di persone con mal di schiena, soprattutto nei casi di mal di schiena acuto. L'uso di Fans a breve termine è consigliato anche per alleviare il dolore nelle persone con mal di schiena cronico, ma quanto sono efficaci e sicuri contro questo dolore?

E’ la domanda che si sono posti gli esperti che hanno aggiornato una reviews Cochrane pubblicata nel 2008 incentrata sulle persone con lombalgia cronica. Da questa analisi viene fuori che i Fans apportano miglioramenti nel dolore e nella disabilità ma non possono essere tratte conclusioni definitive circa il verificarsi di eventi avversi soprattutto nel lungo termine.
Il mal di schiena cronico è un importante problema di salute.Due tipologie di Fans sono disponibili e usati per trattare il mal di schiena: i Fans non selettivi e selettivi della COX-2. 
Nel 2008, una revisione Cochrane ha identificato un piccolo ma significativo effetto da Fans rispetto al placebo in persone con mal di schiena cronico. In questa review è stato fatto un aggiornamento della revisione.
L’obiettivo è stato, quindi, quello di determinare se i Fans siano o meno più efficaci di vari trattamenti di confronto per la lombalgia cronica non specifica e, in caso affermativo, quale tipo di Fans è più efficace.
A tal fine è stata effettuata una ricerca nelle banche dati CENTRAL, MEDLINE, EMBASE, PubMed e in due database di registro di studi clinici fino al 24 giugno 2015 per studi randomizzati e controllati (RCT) pubblicati in inglese, tedesco o olandese.
Sono stati inclusi gli RCT (in doppio cieco e in singolo cieco) su Fans usati per trattare le persone con lombalgia cronica.
Due autori hanno selezionato gli studi in modo indipendente per l'inclusione in questa revisione Cochrane secondo i criteri di inclusione. Due autori hanno valutato in modo indipendente il rischio di bias di tutti gli studi inclusi. Se i dati erano clinicamente omogenei, veniva eseguita la meta-analisi e valutata la qualità delle prove utilizzando l'approccio GRADE.
I risultati hanno mostrato che sono stati inclusi 13 studi; dieci studi erano a rischio 'basso' di bias. Sei studi hanno confrontato i Fans con il placebo, e comprendeva 1354 partecipanti in totale. 
Gli autori hanno evidenziato che ci sono prove di bassa qualità che i Fans siano più efficaci del placebo, con una differenza media nel punteggio dell'intensità del dolore al basale di -3.30 (95% CI -5,33 a -1,27) su una scala analogica visiva da 0 a 100 (VAS) con una mediana al follow-up di 56 giorni (range inter quartile (IQR) da 13 a 91 giorni).
Quattro studi hanno misurato la disabilità utilizzando il Roland Morris Disability Questionnaire. Ci sono prove di bassa qualità che i Fans siano più efficaci del placebo sulla disabilità, con una differenza media rispetto al basale di -0.85 (95% CI -1,30 a -0,40) su una scala da 0 a 24 con un follow-up mediano di 84 giorni (IQR 42 a 105 giorni). 
Tutti e sei gli studi controllati con placebo hanno, inoltre, riferito eventi avversi, e hanno suggerito che gli eventi avversi non sono statisticamente più frequenti nei partecipanti che utilizzano i Fans rispetto al placebo (RR 1.04, 95% CI 0,92-1,17). 
A causa della dimensione del campione relativamente piccolo e del relativamente breve follow-up delle prove incluse, è probabile che la percentuale di pazienti che hanno manifestato eventi avversi è stata sottostimata.
Due studi hanno confrontato diversi tipi di Fans non selettivi, in particolare ibuprofene rispetto a diclofenac e piroxicam contro indometacina. Le prove non hanno trovato alcuna differenza tra questi tipi di Fans, ma entrambi gli studi erano formati da campioni di piccole dimensioni.
Uno studio non ha riportato differenze di intensità del dolore tra i gruppi di trattamento che hanno usato Fans selettivi o non selettivi. Un altro studio ha confrontato diflunisal con paracetamolo e non ha mostrato alcuna differenza nel miglioramento del punteggio dell'intensità del dolore rispetto al basale. 
Uno studio ha mostrato un miglioramento globale a favore di celecoxib rispetto tramadolo.
Uno studio incluso ha confrontato i Fans rispetto all’esercizio “home-based'. Ricordiamo che l'home based è un strumento di cura e prevenzione non farmacologico per prevenire o contribuire alla cura di diabete, ipertensione, obesità, mal di schiena ed in generale tutte le malattie croniche.
In questo caso la disabilità è migliorata di più nei partecipanti che hanno fatto esercizi rispetto ai partecipanti che hanno ricevuto Fans, ma i punteggi del dolore erano simili.
In conclusione, sei dei 13 RCT inclusi hanno mostrato che i Fans sono più efficaci del placebo per quanto riguarda l'intensità del dolore. Gli antinfiammatori non steroidei sono leggermente più efficaci del placebo per quanto riguarda la disabilità. Tuttavia, l'entità degli effetti era piccola, e il livello di evidenza basso. Quando sono stati inclusi solo RCT a basso rischio di bias, le differenze di effetto tra Fans e placebo si sono ridotte.  Inoltre, non è stata identificata alcuna differenza di efficacia tra i diversi tipi di Fans, anche tra selettivi rispetto a non selettivi. Le relativamente piccole dimensioni del campione e il relativamente breve follow-up degli studi, non rende possibile affermazioni definitive circa il verificarsi di eventi avversi o se tali farmaci sono sicuri per l'uso a lungo termine.
EV


Enthoven WT et al. Non-steroidal anti-inflammatory drugs for chronic low back pain. Cochrane Database Syst Rev. 2016 Feb 10;2:CD012087.
leggi


SEZIONE DOWNLOAD