Fibrofog, peggiore funzione cognitiva nelle persone con fibromialgia 

I pazienti con fibromialgia dimostrano una funzione cognitiva oggettiva e soggettiva peggiore, a volte chiamata "fibrofog", rispetto agli individui senza la malattia, secondo i dati pubblicati su Arthritis Care & Research.

I pazienti con fibromialgia dimostrano una funzione cognitiva oggettiva e soggettiva peggiore, a volte chiamata "fibrofog", rispetto agli individui senza la malattia, secondo i dati pubblicati su Arthritis Care & Research.

"Questo è il primo studio che ha esaminato sia aspetti soggettivi, sia percepiti, sia obiettivi, o prestazioni, della disfunzione cognitiva nella vita quotidiana delle persone con fibromialgia", ha evidenziato Anna L. Kratz, dell'Università del Michigan, ad Ann Arbor, aggiungendo: "Prima di questo studio, il funzionamento cognitivo nella fibromialgia è stato studiato esclusivamente in laboratorio, utilizzando protocolli di test neuropsicologici standard, amministrati da un esaminatore addestrato in un ambiente di test silenzioso e controllato."

"I protocolli sono limitati dall'ambiente di test artificiale, che è molto diverso dall'ambiente naturale in cui le persone vivono la propria vita e in cui si sperimenta il "fibrofog", ha aggiunto.

"L'altra limitazione dei test di laboratorio è che non sono in grado di catturare fluttuazioni naturali nel funzionamento cognitivo. Questo modo di misurare il funzionamento cognitivo è in netto contrasto con il modo in cui le persone sperimentano il fibrofog, riportando tempi buoni, quando il loro pensiero è relativamente veloce e chiaro, e tempi cattivi, quando il loro pensiero è nebbioso e lento. "

Per analizzare la funzione cognitiva, nonché l'associazione tra aspetti soggettivi e oggettivi della cognizione, tra i pazienti con e senza fibromialgia, Kratz e colleghi hanno reclutato 100 adulti presso l'Università del Michigan. Tra i partecipanti, 50 avevano una diagnosi di fibromialgia mentre i restanti 50 erano controlli che erano abbinati in base all'età, al sesso e all'istruzione.

I potenziali partecipanti sono stati esclusi se avevano un disturbo o deterioramento neurologico, dell'apprendimento o cognitivo comorbido, un consumo corrente di alcol o droghe, una storia di dipendenza prolungata da sostanze, disturbi visivi o uditivi, apnea ostruttiva del sonno non trattata o un modello di sonno anormale.

Tutti i partecipanti hanno completato una visita di base di 90 minuti, durante la quale i pazienti e gli individui di controllo hanno risposto a una raccolta di misure di auto-relazione, nonché test utilizzando alcuni strumenti NIH, e quindi è stato dato loro uno smartphone per il successivo periodo di monitoraggio domestico.

Durante questo periodo di monitoraggio domestico e utilizzando un'app per smartphone, i partecipanti hanno completato valutazioni ecologiche momentanee di chiarezza cognitiva, velocità di elaborazione e memoria di lavoro cinque volte al giorno per 8 giorni. I partecipanti hanno restituito i telefoni alla fine di tale periodo.

"Abbiamo spostato i test nell'ambiente naturale e vissuto amministrando i sondaggi e i test cognitivi su un'app di telefonia mobile per comprendere meglio la cognizione dove è più importante per le persone nella loro vita quotidiana", ha detto Kratz.

Secondo i ricercatori, i pazienti con fibromialgia hanno dimostrato un peggioramento del funzionamento cognitivo attraverso tre misure oggettive degli strumenti NIH al basale, rispetto a quelle senza la malattia. Inoltre, non vi erano forti correlazioni tra il funzionamento cognitivo soggettivo e oggettivo in entrambi i gruppi.

Durante il periodo di monitoraggio domiciliare, i pazienti con fibromialgia hanno dimostrato una cognizione soggettiva più scarsa e una memoria di lavoro obiettiva, rispetto a quelli senza fibromialgia. Tuttavia, i due gruppi non differivano sulla velocità di elaborazione. Le valutazioni momentanee di disfunzione cognitiva soggettiva erano significativamente associate a cambiamenti nella velocità di elaborazione obiettiva, ma non alla memoria di lavoro.

"Uno dei risultati critici del nostro studio è che le persone con fibromialgia hanno dimostrato un peggior funzionamento cognitivo soggettivo e oggettivo nella vita quotidiana, rispetto alle persone dello stesso sesso, età e livello di istruzione senza fibromialgia", ha sottolineato Kratz. "Un'altra importante scoperta mette in discussione l'idea che le persone con fibromialgia siano particolarmente sensibili ai cambiamenti nella loro cognizione o stiano esagerando l'entità dei loro problemi cognitivi".

"I dati di questo studio hanno indicato che le persone con fibromialgia sono simili alle persone senza fibromialgia in termini di relazione tra funzione cognitiva oggettiva e soggettiva, quindi i nostri dati non suggeriscono che le persone con fibromialgia stiano esagerando i loro sintomi cognitivi", ha aggiunto. "Stiamo studiando il contributo di vari fattori, tra cui distrazioni ambientali, uso di farmaci e altri sintomi, come dolore e affaticamento, al funzionamento cognitivo nella vita quotidiana delle persone con fibromialgia in una serie di studi di follow-up. Vogliamo capire cosa contribuisce al fibrofog e come aiutare le persone che lottano con esso. "

Kratz AL et al., Fibrofog in daily life: An examination of ambulatory subjective and objective cognitive function in fibromyalgia. Arthritis Care Res (Hoboken). 2019 Oct 14. doi: 10.1002/acr.24089.

leggi