Fibromialgia e dolore, un aiuto in più dalla stimolazione nervosa elettrica transcutanea 

Dolore

Quattro settimane di stimolazione nervosa elettrica transcutanea, o TENS, possono migliorare significativamente il dolore innescato dal movimento e altri esiti clinici tra le donne con fibromialgia. E' quanto evidenzia uno studio pubblicato su Arthritis & Rheumatology.

Quattro settimane di stimolazione nervosa elettrica transcutanea, o TENS, possono migliorare significativamente il dolore innescato dal movimento e altri esiti clinici tra le donne con fibromialgia. E’ quanto evidenzia uno studio pubblicato su Arthritis & Rheumatology.

"Il dolore e l'affaticamento sono due sintomi in questa popolazione che interferiscono con la loro capacità di partecipare alle attività quotidiane e all'esercizio fisico, un trattamento efficace in questa popolazione", ha evidenziato Kathleen A. Sluka, del Carver College of Medicine presso l’Università dell'Iowa. "Questo studio mostra che l'uso della TENS a casa durante l'attività ha migliorato sia il dolore che l'affaticamento nelle persone con fibromialgia rispetto al placebo o nessuna TENS."

"Il trattamento TENS è stato somministrato in aggiunta ai trattamenti standard per la fibromialgia", ha aggiunto Sluka. "Pertanto, questo trattamento può fornire alle persone uno strumento aggiuntivo per aiutare a gestire il dolore e la fatica senza assumere ulteriori farmaci antidolorifici."

Per analizzare se l'uso della TENS migliora il dolore innescato dal movimento tra le donne con fibromialgia, Sluka e colleghi hanno condotto uno studio di fase 2, in doppio cieco, su pazienti presso l'Università dello Iowa e il Vanderbilt University Medical Center. Le donne di età compresa tra i 18 e i 70 anni con fibromialgia confermata e in trattamento farmacologico stabile sono state randomizzate a ricevere uno dei tre trattamenti, con 103 partecipanti trattati con TENS attiva, 99 trattati con TENS placebo e altri 99 senza TENS.

Ai partecipanti è stato chiesto di utilizzare il proprio sistema TENS a casa per 2 ore al giorno durante l'attività, per 4 settimane. Nel gruppo TENS attivo, il sistema è stato applicato alle regioni lombare e cervico-toracica utilizzando una frequenza modulata da 2 a 125 Hz alla massima intensità tollerabile. Quelli del gruppo placebo TENS hanno ricevuto un'unità identica al sistema attivo e hanno erogato corrente per 45 secondi, diminuendo fino a 0 in 15 secondi. I partecipanti al gruppo no-TENS hanno ricevuto un'unità simulata con elettrodi che non hanno fornito intensità di corrente.

L'outcome primario era il dolore e la fatica innescati dal movimento segnalati dal paziente, basati su una scala di 11 punti, prima e durante l'uso della TENS. I risultati riportati sono stati valutati alla randomizzazione a 4 settimane.

Secondo i ricercatori, il gruppo TENS attivo ha riportato una maggiore riduzione del dolore innescato dal movimento (differenza media di gruppo=–1; IC al 95%, da –1,8 a –0,2), nonché affaticamento (differenza media di gruppo=–1,4; IC al 95%, da –2,4 a –0,4), rispetto a quelli del gruppo placebo, dopo 4 settimane.
I soggetti trattati con TENS attiva hanno anche riportato una maggiore riduzione del dolore (differenza media di gruppo=-1,8; IC 95%, da -2,6 a -1) e affaticamento (differenza media di gruppo=1,9; IC 95%, da –2,9 a –0,9) rispetto ai partecipanti che hanno ricevuto il dispositivo finto, senza TENS.

Inoltre, il 70% di quelli nel gruppo attivo-TENS ha riferito un miglioramento dell'impressione globale di cambiamento, rispetto al 31% dei partecipanti nel gruppo placebo (p<0.0001) e al 9% di quelli nel gruppo no-TENS (p<0.0001). Non sono stati segnalati eventi avversi gravi correlati alla TENS e meno del 5% dei partecipanti che hanno utilizzato la TENS ha manifestato eventi avversi minori.

"È importante sottolineare che abbiamo un effetto sul dolore al movimento, che è particolarmente problematico in questa popolazione e interferisce con la partecipazione alle attività", ha detto Sluka.

“La TENS è sicura con pochi effetti collaterali e quelli che si verificano sono minori. Clinicamente, TENS è disponibile al banco, economico, sicuro e facile da usare. Può fornire un'opzione di autogestione per le persone con dolore cronico, in particolare la fibromialgia, per fornire un ulteriore livello di sollievo dal dolore. "

Dailey DL et al., A Randomized Controlled Trial of TENS for Movement-Evoked Pain in Women with Fibromyalgia. Arthritis Rheumatol. 2019 Nov 18. doi: 10.1002/art.41170.

leggi

SEZIONE DOWNLOAD