Dolore

Fibromialgia, i sintomi persistono anche dopo 26 anni

Un lavoro pubblicato sulla rivista Clinical Rheumatology ha evidenziato che il dolore diffuso associato alla fibromialgia e gli altri sintomi persistono per lungo periodo nei pazienti, oltre i 20 anni. Lo studio effettuato da ricercatori finlandesi evidenzia come i pazienti sottoposti a questionari sul dolore dopo 26 anni rispondessero in maniera analoga alla prima indagine.

Un lavoro pubblicato sulla rivista Clinical Rheumatology ha evidenziato che il dolore diffuso associato alla fibromialgia e gli altri sintomi persistono per lungo periodo nei pazienti, oltre i 20 anni. Lo studio effettuato da ricercatori finlandesi evidenzia come i pazienti sottoposti a questionari sul dolore dopo 26 anni rispondessero in maniera analoga alla prima indagine.

Nella fibromialgia gioco un ruolo fondamentale la sensibilizzazione centrale che è responsabile della persistenza dei sintomi anche se possono verificarsi periodi di remissione. Pochi studi ad oggi hanno guardato a tale patologia considerando un periodo di follow up lungo, rari quelli che hanno superato i 6 anni di osservazione.

Molti studi riportano come la situazione di questi pazienti spesso peggiori negli anni.
Lo scopo di questo studio era di analizzare e descrivere l’andamento della malattia in 28 pazienti con diagnosi di fibromialgia primaria che avevano ottenuto la diagnosi di fibromialgia primaria (pFM) 26 anni prima.

Nel 1986, 56 pazienti con dolore diffuso sono stati esaminati e hanno compilati in un questionario di base (BQ). Di loro, 42 soddisfacevano i criteri ACR del 1990 di Yunus et al per la pFM.
Ventisei anni dopo, i ricercatori sono riusciti a rintracciare 38 pazienti che sono stati sottoposti ad un ampio questionario di follow-up (FupQ)direttamente a casa.

Di questi, 28 (74%) hanno risposto al FupQ che includeva nove domande identiche al precedente BQ e altre riguardo a cambiamenti nei loro sintomi e nella qualità della vita (Qol).

Tre pazienti (11%) risultavano guariti dalla fibromialgia (FM); il 23% ha riferito di avere uno o più periodi asintomatici della durata di almeno 1 anno. Altri 25 soggetti mostravano lieve deterioramento.
Nonostante l'invecchiamento e la FM, il livello di abilità funzionale valutato dal questionario Stanford Health Assessment (HAQ) era rimasto allo stesso livello (BQ 0,41 vs Fup 0,44, p=0,82).

La somma dei sintomi riportati (n=21) non era cambiata in modo significativo (10.8 (DS 2.9) vs 11.1 (SD 4.1), p=0.75). L'insonnia era aumentata in modo significativo (27 vs 65%, p=0,0034). L'esercizio fisico non mostrava influenza significativa sui cambiamenti dei parametri misurati. Tuttavia, i tre pazienti guariti si esercitavano regolarmente.

In conclusione, da quanto emerge da questi dati, i sintomi di FM sono persistiti nella maggior parte dei pazienti per decenni senza significativo deterioramento delle capacità funzionali auto-riportate. Circa un quarto dei pazienti aveva avuto lunghi periodi senza sintomi durante la loro malattia; solo tre pazienti (11%) hanno riferito di essere guariti dalla fibromialgia.

I pazienti dovrebbero essere incoraggiati ad impegnarsi in attività fisica, per mantenere le capacità fisiche per svolgere le attività di vita quotidiana anche se l'esercizio fisico probabilmente non farà sparire i sintomi.

Isomeri R. et al., Severity of symptoms persists for decades in fibromyalgia-a 26-year follow-up study. Clin Rheumatol. 2018 Jan 9. doi: 10.1007/s10067-017-3967-0.

leggi


SEZIONE DOWNLOAD