Dolore

Fratture omerali pediatriche: analgesia non oppioide equiparata a quella oppioide 

I pazienti trattati con analgesia non oppioide mostrano punteggi del dolore simili rispetto a quelli trattati con analgesia oppioide dopo frattura omerale pediatrica. È quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato sul The Journal of Bone and Joint Surgery.

I pazienti trattati con analgesia non oppioide mostrano punteggi del dolore simili rispetto a quelli trattati con analgesia oppioide dopo frattura omerale pediatrica. È quanto evidenziano i risultati di uno studio pubblicato sul The Journal of Bone and Joint Surgery.

Studi precedenti hanno descritto il dolore minimo e l'uso di oppioidi dopo il trattamento chirurgico per le fratture pediatriche sopracondiloidee dell'omero; tuttavia, le pratiche di prescrizione di oppioidi rimangono variabili.

Gli autori del presente studio hanno ipotizzato che i bambini senza prescrizione di oppioidi avrebbero riportato un dolore postoperatorio simile rispetto ai bambini a cui erano stati prescritti oppioidi in seguito a riduzione chiusa e pinning percutaneo (CRPP) di fratture sopracondiloidee omerali.

La riduzione chiusa e pinning percutaneo (CRPP) è un metodo minimamente invasivo per ottenere una fissazione stabile che consente una distruzione minima dei tessuti molli e preserva l'ambiente biologico che facilita la guarigione della frattura.

I risultati pubblicati hanno mostrato che i pazienti pediatrici sottoposti a tale metodico per una frattura omerale sopracondiloidea e un protocollo di analgesia non oppioide hanno mostrato punteggi del dolore simili rispetto a quelli che avevano ricevuto analgesia oppioide.
Lo studio comparativo multicentrico è stato condotto dai ricercatori del Children’s Hospital di Philadelphia per analizzare i punteggi del dolore postoperatorio di 157 pazienti pediatrici (età media di 6,2 anni) sottoposti a CRPP di una frattura omerale sovracondiloidea.

Secondo lo studio, 81 pazienti hanno ricevuto un protocollo oppioide standard di ossicodone, ibuprofene e paracetamolo, mentre 76 pazienti hanno ricevuto un protocollo non oppioide di ibuprofene e paracetamolo da soli.
Le misure di risultato includevano l'uso di farmaci e i punteggi del dolore sulla scala FACES di Wong-Baker, registrati tramite messaggio di testo nei giorni postoperatori da 1 a 7, 10, 14 e 21.

Nel complesso, i ricercatori hanno riscontrato bassi punteggi del dolore sia nel gruppo degli oppioidi che in quello dei non oppioidi, con miglioramenti simili nei punteggi del dolore dal giorno 1 postoperatorio al giorno 21 postoperatorio.
I punteggi del dolore sono diminuiti da 3,6 al giorno 1 postoperatorio a 0,2 al giorno 21 postoperatorio tra i pazienti dello studio nella coorte degli oppioidi, mentre i punteggi del dolore sono diminuiti da 3,3 al giorno postoperatorio 1 a 0,2 al giorno postoperatorio 21 tra i pazienti nella coorte non oppioidi.

Secondo lo studio, il 75,7% degli oppioidi prescritti non sono stati utilizzati. I ricercatori hanno notato che 28 pazienti nella coorte degli oppioidi (34,6%) non hanno assunto ossicodone e 40 pazienti (49,4%) hanno assunto da una a tre dosi totali durante il periodo postoperatorio.

I ricercatori hanno segnalato che i pazienti raramente assumevano oppioidi dopo il secondo giorno postoperatorio. Un paziente nella coorte non oppioidi ha ricevuto oppioidi di salvataggio dopo essersi presentato al pronto soccorso.
In conclusione, secondo i ricercatori: "Per migliorare la gestione degli oppioidi, i medici e le istituzioni possono prendere in considerazione l'interruzione della prescrizione di routine di oppioidi seguendo questa procedura".

Belardo ZE, et al.Opioid Analgesia Compared with Non-Opioid Analgesia After Operative Treatment for Pediatric Supracondylar Humeral Fractures.  Results from a Prospective Multicenter Trial. J Bone Joint Surg. 2023;doi:10.2106/JBJS.23.00223.

leggi