Ibuprofene a rilascio prolungato e immediato, ko al dolore cronico

Dolore

La formulazione di ibuprofene a rilascio prolungato e immediato consente un controllo rapido del dolore e che si prolunga nel tempo. Tale sollievo Ŕ maggiore rispetto a quanto consentito dal placebo e dalla somministrazione di naprossene. E' quanto emerge dai risultati di due studi clinici pubblicati su Clinical Pharmacology in Drug Development.

La formulazione di ibuprofene a rilascio prolungato e immediato consente un controllo rapido del dolore e che si prolunga nel tempo. Tale sollievo è maggiore rispetto a quanto consentito dal placebo e dalla somministrazione di naprossene. E’ quanto emerge dai risultati di due studi clinici pubblicati su Clinical Pharmacology in Drug Development.
Nei casi di dolore prolungato nel tempo, come nell’ osteoartrite, mal di schiena, dismenorrea, o nel post-operatorio risulta di efficacia migliore la somministrazione di analgesici che riescono a garantire sostenuti livelli plasmatici del farmaco per una maggiore durata. Infatti, farmaci a lunga durata d'azione possono fornire un miglior controllo del dolore accompagnato da meno dolore episodico intenso e riduzione della necessità di ricorso a farmaci di salvataggio.
Ha tal fine è stata sviluppata una nuova formulazione di ibuprofene a rilascio prolungato/immediato (IR / ER) contenente 200 mg di ibuprofene IR e 400 mg di ibuprofene ER (totale 600 mg di ibuprofene per compressa), con un regime di dosaggio proposto di 1 compressa ogni 12 ore.
L’effetto analgesico di queste nuove compresse è stato valutato in 2 studi randomizzati sul dolore dentale (in seguito all’estrazione del terzo molare), condotti in doppio cieco, controllati con placebo.
Il modello di dolore dentale con estrazione del terzo molare è considerato il "gold standard" di modelli di dolore acuto ed è stato utilizzato per valutare l'efficacia e la sicurezza di un certo numero di analgesici.
In questo caso,  pazienti di età compresa tra i 16 e i 40 anni con dolore moderato-severo avevano ricevuto una singola dose di ibuprofene 600 mg IR/ER (formulazione A o B), naprossene sodico 220 mg, o placebo (2: 2: 2: 1) (Studio 1) o 4 dosi di ibuprofene 600 mg IR/ER (formulazione A) o placebo (1: 1) (Studio 2).
L'intensità del dolore è stata valutata con la domanda "Quanto dolore hai in questo momento?"
E’ stata utilizzata una scala del dolore con classificazione di intensità a 4 punti (con le risposte di 0=nessuno, 1=lieve, 2=moderato e 3=grave) al basale e 0.25, 0.5, 0.75, 1, 1,5, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13,14, 16, e 24 ore dopo la somministrazione del farmaco di studio nello Studio 1 e al basale e 0,5, 1, 1,5, 2, 4, 6, 8, 10, 12, 16, 20, 24, 28, 32, 36, 40, 44, e 48 ore dopo la prima dose nello Studio 2.
Nello Studio 1 (n=196), la media ( deviazione standard [SD]) ponderata nel tempo come somma della differenza nei punteggi di intensità del dolore per il placebo, ibuprofene IR/ER (gruppo A), ibuprofene IR/ER (gruppo B), e naprossene, rispettivamente, sono risultati essere 0,05 (9.2), 16.87 (9.4), 17.34 (10.5) e 12.66 (10.0) su 0-12 ore e -0.03 (4.1), 6.57 (4.4), 7.14 (5.2), e 5.14 (5.0) su 8-12 ore (tutti p Nello Studio 2 (n=106), la media (SD) ponderata è risultata di 18,2 (20,0) rispetto a 41,5 (21,0) a 0-12 ore e 10.3 (12.0) rispetto a 18.4 (12.1) a 8-12 ore per placebo nei confronti di ibuprofene IR/ER, rispettivamente (p
Negli suddetti studi, ibuprofene 600 mg IR/ER ha fornito un rapido sollievo dal mal di denti postoperatorio, a partire dalla prima valutazione dopo la prima dose in entrambi gli studi (15 minuti nello studio 1; 30 minuti nello studio 2). I tempi fino al primo dolore percepibile (mediana: 29.4 minuti nello studio 1 e 25.0 minuti nello studio 2) e i tempi per il sollievo significativo dal dolore (mediana: 59.7 minuti nello studio 1-per la formulazione definitiva scelto per lo sviluppo clinico- e 54,2 minuti nello studio 2), con ibuprofene IR / ER erano statisticamente superiori al placebo.
Questo indica una rapida insorgenza d'azione con questa nuova formulazione di ibuprofene, un attributo importante per qualsiasi farmaco analgesico acuto. Inoltre, il momento di sollievo dal dolore significativo si è verificato circa 25 minuti prima con ibuprofene IR/ER che con naprossene sodico.
L'effetto analgesico di ibuprofene IR/ER è stato mantenuto per almeno 12 ore dopo la somministrazione. Nello Studio 1, la percentuale di pazienti che avevano assunto ibuprofene IR/ER formulazione A o B, e hanno richiesto i farmaci di salvataggio erano il 20,8% e 17,9%, rispettivamente, significativamente inferiori al placebo (82,8%).
L’efficacia è stata sostenuta su ciascuno dei quattro intervalli di dosaggio nelle 12 ore con ibuprofene.
Gli eventi avversi gastrointestinali predominavano nel placebo, sia dopo la somministrazione del farmaco in studio, sia dopo l'uso di farmaci di salvataggio, se applicabile.
In conclusione, l’ibuprofene 600 mg IR/ER ha fornito sia una rapida insorgenza dell’analgesia che una durata di 12 ore di effetto ed è risultato sicuro e ben tollerato, con il dosaggio della durata massima di 2 giorni.
Emilia Vaccaro


Christensen S. et al. Analgesic Efficacy of a New, Immediate-Release/Extended-Release Formulation of Ibuprofen: Results from Single- and Multiple-Dose Postsurgical Dental Pain Studies. Clin Pharmacol Drug Dev. 2016 Aug 22. doi: 10.1002/cpdd.297.
leggi