Dolore

Idrocodone-bitartrato a rilascio prolungato abuso deterrente, efficace e sicuro sollievo dal dolore nel lungo periodo

Al meeting annuale dell'American Academy of Pain Management (AAPM) 2016 sono stati presentati derivanti da una estensione dello studio di fase 3 sulla formulazione a rilascio prolungato (ER) dell'idrocodone bitartrato. Tale formulazione Ŕ abuso-deterrente e i dati hanno anche confermato la sua sicurezza.
Una estensione di 6 mesi di uno studio randomizzato di fase 3 mostra che il farmaco fornisce un adeguato sollievo dal dolore ed Ŕ accompagnato da eventi avversi accettabili (AES), senza alcun tasso di diversione.

Al meeting annuale dell'American Academy of Pain Management (AAPM) 2016 sono stati presentati derivanti da una estensione dello studio di fase 3 sulla formulazione a rilascio prolungato (ER) dell’idrocodone bitartrato. Tale formulazione è abuso-deterrente e i dati hanno anche confermato la sua sicurezza.
Una estensione di 6 mesi di uno studio randomizzato di fase 3 mostra che il farmaco fornisce un adeguato sollievo dal dolore ed è accompagnato da eventi avversi accettabili (AES), senza alcun tasso di diversione.
La nuova formulazione è stata pensata con una tecnologia abuso-deterrente, chiamata CIMA. Il prodotto ha tre strati separati che aiutano a resistere all'estrazione del farmaco attraverso le vie più comuni.
Lo studio della durata di 12 settimane, in doppio cieco, di fase 3 ha incluso 370 pazienti che avevano storia di dolore lombare moderato-grave da almeno 3 mesi.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere questo farmaco (da 30 a 90 mg ogni 12 ore) o placebo.
I risultati mostrano che l’idrocodone ER è significativamente più efficace del placebo nell’alleviare il mal di schiena cronico che richiede un trattamento con oppioidi.
Il profilo di sicurezza è stato coerente con il profilo di sicurezza noto per l’idrocodone e per altri analgesici oppiacei.
I pazienti hanno avuto la possibilità di essere inclusi nella parte di estensione dello studio. Sono stati arruolati 182 pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza; sono stati considerati anche 78 pazienti che avevano ricevuto il placebo nello studio precedente.
L'età media dei pazienti arruolati era di 52,1 anni, e il 69% erano bianchi.
I pazienti che avevano ricevuto idrocodone ER hanno continuato la loro dose analgesica identificata a meno di eventuali e necessari aggiustamenti. 
I pazienti che avevano ricevuto placebo hanno ricevuto subito la titolazione della dose regolata sulla dose analgesica (da 30 a 90 mg ogni 12 ore).
Dei 182 pazienti, 170 hanno raggiunto una dose analgesica con idrocodone ER (in modo da raggiungere un adeguato livello di analgesia senza problemi di sicurezza indesiderati) e sono stati inclusi nella fase di estensione dello studio di 22 settimane, in aperto. Di questi, 136 hanno completato lo studio.
"In un piccolo numero di pazienti non siamo stati in grado di individuare una dose analgesica, che non è una cosa inaspettata", ha detto Richard Malamut, vice presidente dello sviluppo clinico globale e area terapeutica e capo della divisione dolore in Teva Pharmaceuticals USA.
Lo studio di estensione ha fornito importanti informazioni sulla sicurezza. 
Eventi avversi sono stati segnalati nel 36% dei pazienti durante la fase di titolazione/regolazione della dose e il 52% durante il trattamento in aperto.
Gli eventi avversi più comuni durante il trattamento in aperto sono stati stitichezza (7%) e nausea (6%). La maggior parte degli eventi avversi sono stati lievi a moderati.
Un grave evento avverso è stato la sordità neurosensoriale che è stata considerata correlata al trattamento. Poiché la perdita dell'udito può essere un rischio generato dall’ idrocodone, tutti i pazienti erano stati sottoposti a test audiometrico.
I ricercatori hanno definito il sollievo dal dolore stabile come un punteggio dell'intensità del dolore di 4 o meno, un dolore peggiore con un punteggio di intensità al massimo di 6 nel corso delle ultime 24 ore, e l'uso di farmaci di salvataggio al massimo del 20% della dose giornaliera di idrocodone ER per 3 consecutivi giorni.
Questo studio di estensione ha trovato che la maggior parte dei pazienti hanno mantenuto l’analgesia conquistato col prima trattamento. Solo circa il 4% dei pazienti ha avuto necessità di aumentare la dose durante il trattamento in aperto.
La dose stabile più comune è stata di 30 mg ogni 12 ore tra i pazienti che erano naive agli oppioidi prima dello studio precedente e 90 mg ogni 12 ore per coloro che erano già stati trattati con oppioidi.
Per quanto riguarda la diversione, i ricercatori hanno scoperto che il 3% ha riferito diversione e il 3% ha riferito di "perdita" del farmaco.
Il tasso di diversione è determinato attraverso la conta delle pillole e  la richiesta di spiegazioni al paziente delle pillole mancanti. Anche se questo metodo è "purtroppo soggettivo," i pazienti sembrano rispondere  con informazioni pertinenti.
Il dr. Malamut ha evidenziato che: "Abbiamo dimostrato che quando abusano del nostro prodotto, non ottengono l'euforia che stanno cercando, il farmaco non piace in tal senso e la farmacocinetica non risulta aumentata, in modo da non ottenere il picco.."
In studi in vitro è stato dimostrato che questo farmaco, quando schiacciato e messo in varie soluzioni, non è iniettabile; è difficile ottenere una forma in cui è possibile iniettare ".
Un altro "deterrente fondamentale" del prodotto è che quantità eccessive del farmaco non vengono rilasciate quando disciolto nell’ alcool.
L'azienda ha presentato una nuova domanda di approvazione (new drug application) per il prodotto.
Esperti a livello internazionale durante il congresso hanno commentato molto positivamente i dati e la necessità di una opzione di idrocodone ER abuso-deterrente funzionante visto che recentemente altri farmaci erano stati proposti con queste caratteristiche ma all’atto pratico non funzionavano realmente.
EV


American Academy of Pain Management (AAPM) 2016 Annual Meeting. Poster 11. Presented September 23, 2016.


SEZIONE DOWNLOAD