Ipovitaminosi D, associata a dolore e altri sintomi della fibromialgia?

Dolore

Molti studi mostrano che l'ipovitaminosi D svolge un ruolo nel dolore cronico; uno studio recente della Mayo Clinic, pubblicato su Pain Medicine, evidenzia che la carenza di vitamina D può essere associata alla gravità dei sintomi della fibromialgia e dei disturbi dell'umore.

Molti studi mostrano che l’ipovitaminosi D svolge un ruolo nel dolore cronico; uno studio recente della Mayo Clinic, pubblicato su Pain Medicine, evidenzia che la carenza di vitamina D può essere associata alla gravità dei sintomi della fibromialgia e dei disturbi dell'umore.

Nello studio, i pazienti che soddisfacevano i criteri per l'ipovitaminosi D presentavano livelli più elevati di punteggi di gravità dei sintomi della fibromialgia rispetto ai controlli con livelli normali di vitamina.

I pazienti con livelli più bassi di vitamina D hanno anche riportato tassi più elevati di ansia e depressione, sebbene la gravità delle condizioni non sia statisticamente diversa.

“Sebbene gli effetti dell'ipovitaminosi D in relazione al dolore cronico continuino ad essere esplorati e la ricerca procede sull’analisi delle cause alla base della fibromialgia, manca un incrocio tra le due linee di ricerca, ha affermato l'autore principale” Ryan S. D'Souza, del Dipartimento di Anestesiologia e Medicina perioperatoria presso la Mayo Clinic di Rochester, Minn.

“La letteratura recente dimostra che la vitamina D può effettivamente essere implicata nel dolore cronico. A volte le persone sono alla ricerca di marker diagnostici sul motivo per cui il dolore si sta verificando in un paziente, in particolare nei pazienti con fibromialgia nei quali non esiste una causa nota di malattia. Ho deciso pertanto di approfondire questo aspetto perché ho pensato alla vitamina D come potenziale trattamento e marker della fibromialgia ", ha detto il dott. D’Souza.

“Questa non è un'area di ricerca completamente nuova. Gli studi che sono stati pubblicati su FM e ipovitaminosi D non sono robusti e spesso non hanno tenuto conto di fattori confondenti, erano retrospettivi e avevano campioni di piccole dimensioni” ha aggiunto il dott. D’Souza.

Nonostante la loro natura limitata, questi trial hanno evidenziato che l'ipovitaminosi D è frequentemente osservata in pazienti con fibromialgia. Una revisione di circa una dozzina di studi osservazionali e di integrazione (Nutrients 2016; 8 [6]: 343) ha concluso che “future sperimentazioni progettate in modo appropriato, adattate alle popolazioni specifiche e mirate a valori di cutoff specifici, potrebbero offrire un nuovo approccio terapeutico sul campo“.
I ricercatori hanno esaminato e raccolto prospetticamente campioni di sangue da pazienti con fibromialgia (N=593) tra maggio 2012 e novembre 2013.

Oltre il 21% (n=122) dei pazienti soddisfaceva i criteri per l'ipovitaminosi D. Di questi, quasi il 91% erano donne, l'84% era bianco, oltre il 30% riferiva l’utilizzo di oppioidi e circa il 16% fumava.

I ricercatori hanno esaminato il loro obiettivo primario somministrando il questionario di impatto sulla fibromialgia rivisto (FIQ-R). I risultati secondari includevano la qualità della vita, determinata attraverso un questionario specifico (36-Item Short Form Survey); la fatica, valutata attraverso il Multidimensional Fatigue Inventory; l’ansia, attraverso la scala Generalized Anxiety Disorder seven-item scale e la depressione, attraverso il Patient Health Questionnaire-9.

I risultati dell'analisi di regressione hanno rilevato che i punteggi totali FIQ-R nei pazienti che soddisfacevano i criteri per l'ipovitaminosi D erano più alti rispetto ai controlli con livelli normali di vitamine (57,85 ± 18,09 contro 62,79 ± 18,10; p=0,04), aggiustamento per età, sesso, indice di massa corporea (BMI), etnia e stagione.
L'analisi ha anche rivelato punteggi più alti di ansia e depressione nei pazienti con ipovitaminosi D (p=0,01 e p=0,04, rispettivamente), sebbene non sia stata riscontrata alcuna differenza di gravità tra i gruppi.

"Siamo rimasti semplicemente sorpresi dal fatto che la carenza di vitamina D non fosse solo associata a peggioramento dei punteggi di gravità del dolore, ma anche associata a peggioramento di umore, ansia, depressione", ha evidenziato il dott. D’Souza.
Con questi risultati, un'analisi post hoc non rettificata ha rilevato che all'aumentare della vitamina D sono stati osservati punteggi FIQ-R totali inferiori (coefficiente beta, -0,11; p=0,02).

Tuttavia, non sono state osservate differenze nella fatica o nella qualità della vita tra i gruppi.
Secondo Andrea Furlan, professore associato presso il Dipartimento di Medicina presso l'Università di Toronto, ad esempio, i livelli sierici di vitamina D possono essere ulteriormente esplorati: “Questo studio ha considerato ipovitaminosi D un livello di vitamina D inferiore a 25 ng/mL. Il limite di 25 è ancora molto basso. Se il" gruppo normale "in questo studio avesse tra 25 e 50 ng/mL, direi comunque che sono bassi livelli di vitamina D."

Furlan ha anche sottolineato che i dati sul livello sierico non sono stati riportati per il gruppo di studio etichettato "normale".
Quello riportato è uno dei primi studi prospettici sulla fibromialgia e la vitamina D, c'è ancora molto da studiare e possibilmente in campioni più ampi di popolazione.

D'Souza RS et al., Fibromyalgia Symptom Severity and Psychosocial Outcomes in Fibromyalgia Patients with Hypovitaminosis D: A Prospective Questionnaire Study. Pain Med. 2020 Feb 5. pii: pnz377. doi: 10.1093/pm/pnz377.

leggi