Dolore

Ketamina, efficace nel dolore pediatrico acuto e in ambito di cure palliative

Una revisione della letteratura tutta italiana condotta da ricercatori di Padova e di Milano ha mostrato l'efficacia della ketamina in pazienti pediatrici sottoposti a cure palliative (PPC). Tale farmaco risultato efficace anche in altre tipologie di dolore acuto e su altre condizioni sempre nel bambino. La revisione stata pubblicata su Drugs in context.

Una revisione della letteratura tutta italiana condotta da ricercatori di Padova e di Milano ha mostrato l’efficacia della ketamina in pazienti pediatrici sottoposti a cure palliative (PPC). Tale farmaco è risultato efficace anche in altre tipologie di dolore acuto e su altre condizioni sempre nel bambino. La revisione è stata pubblicata su Drugs in context.

Il focus delle PPC è garantire la migliore "qualità di vita" possibile per il bambino e la sua famiglia per l'intera durata della vita del paziente.
Una delle principali sfide per gli specialisti di PPC è la gestione di molteplici sintomi e condizioni gravi, inclusi dolore cronico, convulsioni e alterazioni dell'umore, che spesso influiscono sulla qualità della vita di questi pazienti.

Sfortunatamente, questi sintomi a volte sono refrattari ai trattamenti farmacologici di uso comune e la maggior parte dei farmaci utilizzati per la loro gestione sono prescritti off-label.
Di conseguenza, sono ancora necessari molti sforzi per trovare le migliori opzioni terapeutiche per gestire queste condizioni.

Dalla prima sintesi di ketamina negli anni '60, le sue proprietà farmacocinetiche e farmacodinamiche sono state ampiamente studiate e il suo potenziale è diventato chiara a un'ampia gamma di applicazioni cliniche. Tuttavia, questa molecola riceve ancora scarsa attenzione in alcune aree, anche nei bambini e nelle PPC.

La ketamina ha effetti nocicettivi ed agisce con effetto prolungato sul dolore neuropatico; già una singola somministrazione a bassa dose riduce i sintomi di dolore neuropatico attraverso l’inibizione dei recettori NMDA e probabilmente anche tramite meccanismi di tolleranza agli oppioidi.
Queste proprietà farmacologiche della ketamina sono utili per indurre analgesia in ambito pediatrico, in particolare nei bambini con cancro avanzato che spesso sperimentano sintomi stressanti come dolore neuropatico o misto, che è segnalato come il tipo più comune di dolore (fino all'80%).

Non sono stati eseguiti studi clinici randomizzati in merito al controllo del dolore da cancro refrattario ma altri studi ne hanno mostrato la validità.
Questa revisione narrativa analizza l'uso della ketamina nei bambini e la potenziale estensione delle sue applicazioni nella PPC al fine di fornire nuove opzioni per il trattamento in tale ambito.

A tal fine sono stati presi in considerazione articoli scientifici pubblicati prima di ottobre 2020 su MEDLINE, EMBASE e la Cochrane Library. Per la ricerca sono stati utilizzati i termini “cure palliative”, “ketamina”, “dolore neuropatico”, “dolore procedurale”, “stato epilettico”, “dolore refrattario” e “bambino”, “età: nascita–18 anni”.

Dall’analisi dei dati raccolti è stato evidenziato che l’uso della ketamina nella PPC dovrebbe essere maggiore considerato per il suo profilo di sicurezza complessivamente favorevole e la sua efficacia, supportate da una crescente numero di studi, anche se in contesti diversi da PPC e di qualità mista.
Un altro vantaggio della ketamina è la possibilità di utilizzare una via di somministrazione alternativa (intranasale e transmucosa). In effetti, molti pazienti con PPC hanno un accesso vascolare difficile e possono beneficiare di un'altra via di somministrazione.

Secondo gli autori della revisione, la ketamina dovrebbe essere proposta secondo una valutazione caso per caso e a seconda della specifica diagnosi dovrebbero essere adattati dosaggio e via di somministrazione considerando le esigenze specifiche dei pazienti.
Grazie al suo potenziale sedativo e analgesico potrebbe essere usata dopo un trauma o un intervento chirurgico.

Nei pronto soccorso pediatrici negli Stati Uniti Stati ed in Europa, l'uso della ketamina per la sedo-analgesia procedurale è una procedura comune, anche se meno utilizzata in Italia.

Inoltre, ci sono prove che suggeriscono che la ketamina è sicura e efficace nel dolore acuto.

Questi risultati possono spingere ulteriormente la ricerca sull'uso della ketamina per il trattamento del dolore acuto in PPC.

In conclusione, la ketamina potrebbe essere un'opzione adatta dopo il fallimento dei farmaci convenzionali nel trattamento di diverse condizioni refrattarie nelle cure palliative pediatriche.

Franca Benini et al., Refractory symptoms in paediatric palliative care: can ketamine help? Drugs Context . 2021 May 19;10:2021-2-5. doi: 10.7573/dic.2021-2-5. eCollection 2021

leggi


SEZIONE DOWNLOAD