Dolore

Ketamina, efficace sul dolore post chirurgico persistente

Una nuova meta-analisi, presentata lo scorso maggio al congresso Euroanaesthesia 2016, mostra l'efficacia della ketamina nel trattare il dolore post-chirurgico persistente (PPSP). La ketamina, hanno precisato gli autori dell'analisi, ha il potenziale per salvare miliardi di dollari nei sistemi sanitari a livello globale utilizzandola al posto di altri farmaci per prevenire il PPSP.

Una nuova meta-analisi, presentata lo scorso maggio al congresso Euroanaesthesia 2016, mostra l’efficacia della ketamina nel trattare il dolore post-chirurgico persistente (PPSP). La ketamina, hanno precisato gli autori dell’analisi, ha il potenziale per salvare miliardi di dollari nei sistemi sanitari a livello globale utilizzandola al posto di altri farmaci per prevenire il PPSP.
Il dolore cronico post operatorio è definito come un dolore che persiste per oltre tre mesi dopo l’intervento chirurgico. Più nel dettaglio, è l’evenienza di un dolore che si sviluppa dopo un intervento chirurgico in un paziente in cui siano state escluse tutte le possibili cause di dolore preoperatorio (radioterapia, infezioni croniche etc). La qualità del dolore, che persiste per oltre tre mesi dall’intervento, ha caratteristiche molto simili a quelle di un dolore neuropatico.
E’ un problema che colpisce 1 pazienti su 8 dopo l'intervento chirurgico, e un terzo di questi riferisce dolore grave.
Un certo numero di farmaci e interventi sono stati studiati per ridurre il rischio di inasprire il dolore, incluso il trattamento con antagonisti del recettore dell’N-metil D-aspartato (NMDA) (come la chetamina), lidocaina e gabapentinoidi (per esempio pregabalin.
Tuttavia, una recente revisione Cochrane ha concluso che la ketamina è l'unico agente con evidenza di un potenziale beneficio nel prevenire il PPSP. 
La ketamina è un potente antagonista del recettore NMDA, non selettivo, comunemente usato come agente di seconda o terza linea per trattare il dolore postoperatorio refrattario acuto.
In questo nuovo studio, il dottor Philip Peyton dell’Austin Hospital e della Melbourne University, e i suoi colleghi hanno valutato gli studi effettuati sulla ketamina per la prevenzione della PPSP. 
Gli stessi autori hanno recentemente terminato uno studio pilota su 80 pazienti per una proposta di un più grande studio di fase ¾, multicentrico, randomizzato sulla ketamina per il PPSP.
E’ nata poi l’idea di eseguire un aggiornamento sotto forma di meta-analisi includendo anche i dati derivanti da questi 80 pazienti.
E’ stata effettuata una revisione sistematica della letteratura su PubMed su documenti che riportassero studi clinici randomizzati con controllo verso placebo, che indagassero l'effetto della ketamina per via endovenosa a dosi analgesiche standard. E’ stato considerato sia il caso dell’assunzione della ketamina durante l'intervento chirurgico che durante e dopo, sull'incidenza del dolore post-chirurgico a lungo termine, sia come processo primario che come endpoint secondario.
L'incidenza di PPSP è stata confermata se il dolore era ancora presente 3-6 mesi dopo l'intervento chirurgico. Il dolore è stato valutato pari a 3 o superiore su una scala di 10 punti, ed è stato anche registrata l’uso  continuo di antidolorifici.
Alla fine sono stati considerati 8 studi per un totale di 563 partecipanti e incorporati in una meta-analisi ad effetti casuali. I risultati hanno mostrato che i pazienti trattati con ketamina avevano la metà delle probabilità di andare incontro a PPSP rispetto a quelli trattati con placebo (rapporto di rischio effettivo 0,49 per ketamina rispetto al placebo).
Il dr. Peyton ha precisato: "E’ consigliata l’effettuazione di un ampio studio multicentrico randomizzato sull'efficacia della ketamina perioperatoria per via endovenosa. La dimostrazione dell’efficacia clinica promuoverebbe un diffuso cambiamento nella pratica clinica di anestesia e apporterebbe importanti vantaggi per i pazienti e la comunità.".
In conclusione, come ha sottolineato il dr. Peyton: "I paesi sviluppati spendono miliardi di dollari per il trattamento del dolore post-chirurgico persistente. Sono necessari ulteriori studi per confermano i nostri risultati sulla ketamina, in modo che i sistemi sanitari abbiano un mezzo economico ed efficace per il trattamento di questa condizione, consentendo enormi risparmi sui costi."
EV


ESA (European Society of Anaesthesiology) London, May 27-30. "New meta-analysis shows ketamine effective against persistent post-surgical pain and could provide major cost-savings globally." 


SEZIONE DOWNLOAD