Dolore

La fibromialgia può peggiorare la dipendenza da oppioidi e ritardare la ricerca di aiuto

Ci sono nuove evidenze che la fibromialgia e il dolore cronico associato potrebbero peggiorare il disturbo da uso di oppioidi, oltre che a dissuadere i pazienti dal cercare aiuto per la dipendenza, secondo quanto emerso in uno studio osservazionale pubblicato su PAIN, la rivista ufficiale dell'International Association for the Study of Pain.

Ci sono nuove evidenze che la fibromialgia e il dolore cronico associato potrebbero peggiorare il disturbo da uso di oppioidi, oltre che a dissuadere i pazienti dal cercare aiuto per la dipendenza, secondo quanto emerso in uno studio osservazionale pubblicato su PAIN, la rivista ufficiale dell'International Association for the Study of Pain.

La fibromialgia e il disturbo da uso di oppioidi (OUD) sono malattie croniche altamente gravose con caratteristiche psicosociali, neurobiologiche e cliniche sostanzialmente sovrapposte. Gli eventi avversi dell'infanzia e i traumi durante l'età adulta aumentano il rischio di entrambe le condizioni, che si verificano comunemente insieme a disturbi d'ansia e dell'umore.

Anche se la patogenesi della fibromialgia non è ancora completamente compresa, è stata implicata la sensibilizzazione del sistema nervoso centrale a stimoli nocicettivi normali o sottosoglia, e l'amplificazione del dolore del sistema nervoso centrale osservata nella fibromialgia ha un apparente corollario nell'iperalgesia indotta da oppioidi.

Studi non correlati sulla fibromialgia e sull'iperalgesia tra individui con OUD hanno prodotto modelli notevolmente simili di risposta nocicettiva mediante test sensoriali quantitativi. Inoltre, diversi substrati neurali possono essere comuni alla fibromialgia e al disturbo da uso di oppioidi. Di particolare interesse sono le anomalie strutturali e funzionali della corteccia cingolata anteriore e dell'insula, che sono state implicate nell'elaborazione del dolore affettivo e del desiderio di droga.

Connessione tra fibromialgia e disturbo da uso di oppioidi 
Gli scienziati hanno a lungo sospettato una connessione tra OUD e dolore cronico, che è stato legato al peggioramento dell'OUD e persino alla ricaduta tra quanti si stanno riprendendo dalla dipendenza da oppioidi. Tuttavia i ricercatori non sapevano se tutti i tipi di dolore hanno lo stesso effetto sul disturbo da uso di oppioidi o se alcune diagnosi di dolore potrebbero avere un impatto molto maggiore, hanno premesso gli autori. Impatti diversi potrebbero infatti portare a trattamenti più mirati per le persone con dolore e OUD.

«Molti dei percorsi cerebrali e delle sostanze chimiche che si ritiene siano coinvolti nella fibromialgia sono coinvolti anche nella dipendenza da oppiacei. Questa sovrapposizione ci ha fatto sospettare che la fibromialgia potesse peggiorare il disturbo da uso di oppioidi» ha dichiarato il primo autore Orman Trent Hall, medico di medicina delle dipendenze presso il dipartimento di psichiatria e salute comportamentale dello stato dell'Ohio.

Nella fibromialgia il dolore dissuade dal trattare la dipendenza da oppiacei
Il team di ricerca ha intervistato 125 persone che vivono con dolore e disturbo da uso di oppioidi, 39 (31%) delle quali soddisfacevano i criteri per la fibromialgia. Anche se tutti i partecipanti avevano dolore e OUD, quelli con fibromialgia erano molto più propensi ad affermare che il dolore aveva peggiorato la loro dipendenza.

In particolare i soggetti con fibromialgia hanno concordato più spesso che il dolore li ha portati a continuare e ad aumentare l’uso di oppioidi e che hanno rimandato la ricerca di aiuto per paura che il loro dolore sarebbe stato insopportabile se avessero smesso di utilizzare i farmaci.

«Questi sono risultati importanti. Le preoccupazioni per il dolore possono indurre le persone con fibromialgia e disturbo da uso di oppioidi a ritardare il trattamento della dipendenza. Nella nostra attuale crisi di overdose, ogni giorno in cui una persona rimanda il trattamento dell’OUD potrebbe essere l'ultimo giorno della sua vita» ha affermato Julie Teater, coautrice dello studio e direttore medico della medicina delle dipendenze presso l'Ohio State Wexner Medical Center.

I ricercatori hanno anche scoperto che la fibromialgia era associata a maggiori probabilità di temere che il dolore potesse causare ricadute in futuro.

«Ci sono modi in cui possiamo aiutare le persone che vivono con la fibromialgia. È possibile che la combinazione delle lezioni apprese da anni di studio possa un giorno fornire nuovi trattamenti per il dolore cronico e il disturbo da uso di oppioidi. Sono necessarie ulteriori ricerche. Questo è solo l'inizio» ha fatto presente l'autore senior Daniel Clauw, direttore del Chronic Pain and Fatigue Research Center presso l'Università del Michigan.

Referenze

Trent Hall O et al. Fibromyalgia predicts increased odds of pain-related addiction exacerbation among individuals with pain and opioid use disorder. Pain. 2023 Mar 14.

Leggi