Lidocaina ev efficace su dolore e qualitą della vita dopo chirurgia spinale

Dolore
Uno studio recentemente pubblicato online ahead-of-print sulla rivista Anesthesiology ha dimostrato come l’infusione endovena di lidocaina sia stata in grado di ridurre il dolore post-operatorio associato a chirurgia spinale. Il trattamento, tuttavia, non è stato in grado di ridurre il fabbisogno di oppioidi nelle prime fasi post-operatorie.

“La chirurgia spinale è una pratica chirurgica dolorosa, caratterizzata da dolore post-operatorio, spesso di difficile controllo – scrivono gli autori nell’introduzione al lavoro. - Gli oppioidi, che rappresentano l’opzione analgesica più comune nella gestione del dolore post-operatorio, sono noti d’altro canto per provocare nausea ed emesi post-operatoria. I pazienti sottoposti ad estesa chirurgia spinale sono suscettibili ad andare incontro a complicanze potenzialmente letali. Inoltre, il recupero funzionale di questi pazienti tende a prolungarsi nel tempo.”

Un probabile meccanismo comune che può essere causa di outcomes sfavorevoli è quello della risposta infiammatoria sistemica al trauma tissutale provocato dalla chirurgia.

La lidocaina sistemica è un agente farmacologico di cui sono note l’azione anti-infiammatoria, analgesica e anti-iperalgesica. Il suo impiego dopo la chirurgia addominale riduce, come documentato in alcuni studi, il dolore, la nausea post-operatoria e l’emesi nonché le principali complicanze post-operatorie.

Scopo dello studio, pertanto, è stato quello di sondare l’ipotesi di un’efficacia della somministrazione perioperatoria endovena di lidocaina nel ridurre i punteggi associati all’intensità del dolore percepito nonché il fabbisogno di sostanze oppioidi durante le prime 48 ore dall’esecuzione di un intervento di chirurgia spinale (outcomes primari).

Outcomes secondari considerati nello studio sono stati, invece,
•    un endpoint composito di tutte le complicanze post-operatorie occorse entro il primo mese dall’intervento (cardiovascolari, gastrointestinali, polmonari, neurologiche ed infettive)
•    l’incidenza di nausea ed emesi post-operatoria a 24 ore dall’intervento
•    il tempo di degenza ospedaliera
•    la qualità della vita post-operatoria a un mese e a 3 mesi dall’intervento.

A tal scopo, 116 pazienti sottoposti ad intervento di chirurgia spinale sono stati randomizzati al trattamento peri-operatorio con infusione di lidocaina ev (2 mg・kg−1・h−1) o a placebo durante l’intervento chirurgico e nell’unità di cura post-anestesiologica.
L’intensità del dolore percepito è stata valutata mediante scala basata su risposta verbale, mentre la qualità della vita post-operatoria è stata valutata utilizzando come strumento validato il questionario SF-12 (Acute Short-form (SF) 12 health survey).

I risultati dello studio hanno mostrato un punteggio medio relativo all’intensità di dolore percepito significativamente più basso nel gruppo trattato con lidocaina (4,4) rispetto al placebo (5,3) (p<0,001). La media degli equivalenti di morfina somministrati non si è ridotta, invece, in modo statisticamente significativo nel gruppo lidocaina vs placebo (mg 55 vs mg 74; p=0,12).

Anche la nausea e l’emesi post-operatoria nonché la durata della degenza ospedaliera non si sono differenziate in modo significativo tra i 2 gruppi.

Le complicanze post-operatorie a 30 giorni sono state leggermente inferiori nel gruppo trattato con lidocaina rispetto al placebo (-9%; p=0,049), mentre la qualità della vita è sensibilmente migliorata rispetto al gruppo di controllo sia ad un mese (punteggi medi SF-12= 38 vs 33; p=0,002) che a 3 mesi dall’intervento (punteggi medi SF-12= 39 vs 34; p=0,04).

Nella discussione dei risultati, gli autori riconoscono alcuni limiti intrinseci dello studio. Uno di questi è, senza dubbio, l’insufficiente potenza statistica per valutare correttamente gli outcomes secondari come incidenza di nausea e vomito, complicanze e qualità della vita (pur essendo il trial in questione tra quelli meglio dimensionati per valutare l’efficacia di lidocaina iv peri-operatoria). Un altro limite intrinseco dello trial deriva dal non aver misurato la qualità della vita all’inizio dello studio, ragion per cui i risultati molto positivi ottenuti alla fine del periodo di osservazione non sono aggiustati per la condizione di partenza.

Saranno pertanto necessari nuovi studi di dimensioni e durata appropriati in grado di valutare gli effetti di lidocaina dopo chirurgia spinale sia sugli outcomes funzionali che su quelli a lungo termine.

Farag E et al. Effect of Perioperative Intravenous Lidocaine Administration on Pain, Opioid Consumption, and Quality of Life after Complex Spine Surgery. Anesthesiology. 2013 May 15. [Epub ahead of print]
Leggi

SEZIONE DOWNLOAD