Dolore

Lombalgia acuta, antinfiammatori non steroidei leggermente più efficaci del placebo

E' statp pubblicato qualche giorno fa l'aggiornamento di una review Cochrane sull'efficacia dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) nel trattamento della lombalgia acuta (LBP). L'update evidenzia che i FANS sono leggermente più efficaci del placebo per la riduzione del dolore a breve termine, nel miglioramento della disabilità e del benessere globale. Gli autori sottolineano che tale efficacia maggiore potrebbe non avere una rilevanza clinica.

E’ stato pubblicato qualche giorno fa l’aggiornamento di una review Cochrane sull’efficacia dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) nel trattamento della lombalgia acuta (LBP).

L’update evidenzia che i FANS sono leggermente più efficaci del placebo per la riduzione del dolore a breve termine, nel miglioramento della disabilità e del benessere globale. Gli autori sottolineano che tale maggiore efficacia potrebbe non avere una rilevanza clinica.

La lombalgia acuta (LBP) è un problema di salute comune per la cui gestione vengono spesso usati i FANS.

La prima versione della revisione Cochrane risale al 2008 e contiene evidenze sull'efficacia dei FANS per la LBP (acuta, cronica e sciatica). Tale revisione identificava un piccolo ma significativo effetto a favore dei FANS rispetto al placebo nella riduzione del dolore a breve termine e il miglioramento globale dei partecipanti con tale problematica.

Ricercatori olandesi e danesi hanno pensato a un aggiornamento, cercando nuove evidenze sugli effetti dei FANS rispetto al placebo e ad altri trattamenti comparativi per la LBP acuta.

A tal fine hanno utilizzato motori di ricerca quali CENTRAL, MEDLINE, Embase, PubMed e due registri di studi randomizzati controllati (RCT) cercando trial pubblicati fino al 7 gennaio 2020.

Nell’analisi sono stati inclusi RCT che hanno valutato l'uso di uno o più tipi di FANS rispetto al placebo (il confronto principale) o trattamenti alternativi per LBP acuta negli adulti (≥ 18 anni). Sono stati valutati gli effetti del trattamento sulla riduzione del dolore, sulla disabilità, sul miglioramento globale, sugli eventi avversi e sul ritorno al lavoro.

Due autori hanno selezionato in modo indipendente studi da includere in questa revisione, valutato il rischio di parzialità ed estratto i dati. E’ stata eseguita una meta-analisi, utilizzando un modello ad effetti casuali, a causa della variabilità attesa tra gli studi. E’ stata valutata la qualità delle prove utilizzando l'approccio GRADE e le procedure metodologiche standard raccomandate da Cochrane.

Sono state inclusi 32 studi, per un totale di 5356 partecipanti (fascia di età da 16 a 78 anni). Il follow-up è durato da un giorno a sei mesi. Gli studi inclusi, sono stati condotti in tutto il mondo, la maggior parte in Europa e Nord America. L'Africa e le regioni del Mediterraneo orientale non erano rappresentate.

Sono stati considerati sette studi a basso rischio di parzialità. Spesso mancavano informazioni sulle procedure di randomizzazione e occultamento delle allocazioni (distorsione di selezione); gli studi erano inclini a distorsioni di segnalazione selettiva, poiché la maggior parte degli studi non veniva registrata. Quasi la metà degli studi era finanziata dall'industria.

Gli autori hanno evidenziato che esistono prove di qualità moderata che i FANS sono leggermente più efficaci nella riduzione a breve termine (≤ 3 settimane) dell'intensità del dolore (scala analogica visiva (VAS), da 0 a 100) rispetto al placebo (differenza media (MD) -7,29 (confidenza al 95% intervallo (CI) da -10,98 a -3,61; 4 RCT, N=815).

Esistono prove di alta qualità che i FANS sono leggermente più efficaci per il miglioramento a breve termine della disabilità (Roland Morris Disability Questionnaire (RMDQ), da 0 a 24) rispetto a placebo (MD -2,02, IC al 95% da -2,89 a -1,15; 2 RCT, N=471). L'entità di questi effetti è piccola e probabilmente non clinicamente rilevante.

Esistono prove di bassa qualità che i FANS sono leggermente più efficaci per il miglioramento globale a breve termine rispetto al placebo (rapporto di rischio (RR)=1,40, IC 95% da 1,12 a 1,75; 5 RCT, N=1201), ma tra gli studi si è verificata una sostanziale eterogeneità (I² 52%).

Esistono prove di qualità molto bassa per quanto concerne le differenze nei gruppi tra partecipanti che manifestano eventi avversi durante l'utilizzo di FANS rispetto al placebo (RR=0.86, IC al 95% da 0,63 a 1,18; 6 RCT, N=1394).

Esistono prove di qualità molto bassa con nessuna chiara differenza tra la percentuale di partecipanti che potrebbero tornare a lavorare dopo sette giorni tra coloro che hanno usato i FANS e quelli che hanno usato il placebo (RR=1,48, IC 95% da 0,98 a 2,23; 1 RCT, N=266 ).

Esistono prove di bassa qualità di nessuna chiara differenza nella riduzione a breve termine dell'intensità del dolore tra coloro che hanno assunto FANS inibitori selettivi della COX-2 rispetto ai FANS non selettivi (variazione media dal basale -2,60, IC al 95% da -9,23 a 4,03; 2 RCT, N=437).

Esistono prove di qualità moderata, con risultati contrastanti, per il miglioramento della disabilità a breve termine tra i gruppi (2 RCT, N=437). Prove di bassa qualità da uno studio (N=333) non hanno riportato alcuna chiara differenza tra i gruppi nella proporzione di partecipanti che hanno riscontrato miglioramenti globali.

Esistono prove di qualità molto bassa di nessuna chiara differenza nella percentuale di partecipanti che hanno manifestato eventi avversi tra coloro che hanno assunto inibitori della COX-2 e FANS non selettivi (RR 0,97, IC al 95% da 0,63 a 1,50; 2 RCT, N=444). Non sono stati riportati dati per il ritorno al lavoro.

Gli autori concludono sottolineando che questo aggiornamento della revisione Cochrane ha incluso 32 studi per valutare l'efficacia dei FANS nelle persone con LBP acuto. La qualità delle prove variava da molto alta a molto bassa, quindi è probabile che ulteriori ricerche potrebbero modificarle. I FANS sembravano leggermente più efficaci del placebo per la riduzione del dolore a breve termine (moderata certezza), la disabilità (alta certezza) e il miglioramento globale (bassa certezza), ma l'entità degli effetti resta comunque piccola e senza rilevanza clinica.

Non vi era alcuna chiara differenza nella riduzione del dolore a breve termine (bassa certezza) quando si confrontano gli inibitori selettivi della COX-2 con i FANS non selettivi. Sono state evidenziate prove di qualità molto bassa di nessuna chiara differenza nella percentuale di partecipanti che hanno manifestato eventi avversi sia nel confronto tra FANS rispetto al placebo sia in inibitori selettivi della COX-2 rispetto a FANS non selettivi. Gli autori sottolineano che non sono in grado di trarre conclusioni su eventi avversi e la sicurezza dei FANS per un uso a lungo termine, poiché la revisione ha incluso solo RCT con un focus primario sull'uso a breve termine dei FANS e un breve follow-up. Questi dati non sono ottimali per rispondere a domande su eventi avversi a lungo termine o rari.

van der Gaag WH et al., Non-steroidal anti-inflammatory drugs for acute low back pain. Cochrane Database Syst Rev. 2020 Apr 16;4:CD013581. doi: 10.1002/14651858.CD013581.

leggi


SEZIONE DOWNLOAD