Dolore

Lombalgia cronica da discopatia, Grünenthal sviluppa terapia cellulare allogenica 

Grünenthal ha stipulato un accordo del valore potenziale di $1 miliardo con la societą biotech australiana Mesoblast per sviluppare e commercializzare la terapia cellulare allogenica nota con la sigla MPC-06-06-ID attualmente in studio per il trattamento della lombalgia cronica causata da discopatia degenerativa.

Grünenthal ha stipulato un accordo del valore potenziale di $1 miliardo con la società biotech australiana Mesoblast per sviluppare e commercializzare la terapia cellulare allogenica nota con la sigla MPC-06-06-ID attualmente in studio per il trattamento della lombalgia cronica causata da discopatia degenerativa.

In base all'accordo, Grünenthal otterrà i diritti esclusivi di commercializzazione dell'MPC-06-ID per l'Europa e l'America Latina. Le azioni di Mesoblast sono balzate fino al 18% dopo la diffusione della notizia.

Il farmaco è in fase di sviluppo per i pazienti che hanno esaurito le opzioni di trattamento conservativo, possono aver fallito iniezioni epidurali di steroidi e non hanno ulteriori opzioni di trattamento se non interventi chirurgici invasivi e costosi.

Secondo i termini concordati, Mesoblast riceverà fino a 150 milioni di dollari in pagamenti anticipati e milestone successive, nonché ulteriori pagamenti dopo la commercializzazione. Le società hanno osservato che questi pagamenti comprendono impegni fino a 45 milioni di dollari entro il primo anno, di cui 15 milioni di dollari alla firma, 20 milioni di dollari al ricevimento dell'approvazione regolamentare per l'avvio di uno studio di conferma di fase III in Europa e 10 milioni di dollari su alcuni risultati clinici e di produzione. Inoltre, Mesoblast riceverà royalties a due cifre sulle vendite del farmaco.

Mesoblast Limited è una società di medicina rigenerativa con sede in Australia. Sta sviluppando trattamenti per disturbi infiammatori, malattie cardiovascolari e mal di schiena. La società è guidata da Silviu Itescu, che ha l’fondata nel 2004.

Cosa è il farmaco
Si tratta di cellule staminali adulte della linea mesenchimale (cellule staminali adulte (cellule rare trovate in prossimità dei vasi sanguigni che promuovono la riparazione dei tessuti e modulano le risposte immunitarie). Vengono attualmente testate in clinica in una varietà di condizioni come GVHD, insufficienza cardiaca, dolore, artrite reumatoide e malattia di Crohn e la lombalgia cronica causata da discopatia degenerativa.

MPC-06-ID è progettato come iniezione intra-discale per i dischi intervertebrali degenerati per consentire alle cellule staminali adulte (MLC) del lignaggio mesenchimale di secernere biomolecole coinvolte in una maggiore migrazione e proliferazione delle cellule progenitrici del disco intervertebrale, nel tentativo di rafforzare la funzione portante del disco migliorandone la stabilità e migliorandone il contenuto d'acqua, riducendo al contempo l'infiammazione e il dolore.

Studi preclinici approfonditi hanno stabilito che le cellule mesenchimali hanno effetti antinfiammatori e secernono fattori paracrini multipli che stimolano la sintesi di nuovi proteoglicani e collagene da parte dei condrociti in vitro e delle cellule residenti nel nucleo e dell'anulus in vivo. È stato inoltre dimostrato che esse producono fattori antinfiammatori.

Dati clinici a supporto
In uno studio di fase II, una singola iniezione del farmaco di Mesoblast, costituita da 6 milioni di cellule progenitrici mesenchimali allogeniche, ha portato a un aumento di oltre tre volte, rispetto al placebo, di un end point composito in uno studio su 100 pazienti. L'endpoint consisteva in un miglioramento del 50% del dolore lombare e di 15 punti di miglioramento della funzione sia a 12 che a 24 mesi, senza alcun trattamento o intervento chirurgico per 24 mesi. Complessivamente, il 37% dei pazienti trattati con MPC-06-ID rispetto al 10% del gruppo di controllo ha raggiunto l'endpoint composito a due anni.

Negli Stati Uniti, Mesoblast sta attualmente conducendo uno studio di Fase III con il candidato farmaco MPC-06-ID. Il trial, che ha arruolato 404 pazienti, dovrebbe essere completato nel 2020.

Le due aziende hanno concordato un piano di sviluppo globale per la terapia per soddisfare anche i requisiti normativi europei. Nell'ambito di tale piano, le case farmaceutiche collaboreranno alla progettazione di uno studio di Fase III di conferma in Europa, con i risultati dei due studi in fase avanzata che dovrebbero supportare la presentazione alla Fda e all’Ema per il trattamento del mal di schiena cronico lombare dovuto a malattia degenerativa del disco intervertebrale.

Silviu Itescu, CEO di Mesoblast, ha suggerito che l'MPC-06-ID ha il potenziale per diventare una "terapia di prima linea" per pazienti con mal di schiena cronico da moderato a grave causato da una degenerazione dei dischi intervertebrali.

Lombalgia cronica da discopatia degenerativa
A fronte di una perdita del loro contenuto idrico a causa della malattia o dell'avanzamento dell'età, la distanza tra i corpi vertebrali si riduce e, di conseguenza, si verifica una compressione delle strutture nervose presenti nella colonna vertebrale. I dischi intervertebrali, quindi, non sono più in grado di assorbire gli urti in modo adeguato, soprattutto quando si cammina, si corre o si salta.

Anche la postura scorretta e i movimenti errati del corpo possono indebolire il disco, causandone la degenerazione.

Si ritiene che oltre 7 milioni di pazienti in Europa soffrano di lombalgia cronica causata da una discopatia degenerativa. Si tratta di una patologia che comporta infiammazione e degenerazione dei dischi intervertebrali a causa di vari fattori come l'età, un trauma o una predisposizione genetica. La mancanza di "ammortizzazione",  una delle principali funzioni fisiologiche del disco, può a sua volta provocare instabilità spinale, stress meccanico e alterazioni ossee della colonna vertebrale che causano dolori significativi e perdita di funzionalità. Inoltre, l'infiammazione del disco può causare dolore grave, che è scarsamente reattivo al trattamento sistemico del dolore.

La maggior parte delle terapie esistenti non affrontano i meccanismi alla base di questi cambiamenti e forniscono un limitato sollievo sintomatico. I pazienti soffrono tipicamente per diversi anni già in età relativamente giovane, senza essere in grado di affrontare in modo adeguato il loro dolore. Le terapie invasive, compresi gli interventi chirurgici come la fusione spinale, sono a volte l'ultima risorsa per questi pazienti- Tuttavia vi è limitata evidenza nel loro lungo termine della loro efficacia, senza considerarne i costi.


SEZIONE DOWNLOAD