Dolore

Lombalgia cronica, l'anticorpo monoclonale fasinumab migliora dolore e funzione. Qualche attenzione in pi¨ per chi ha osteoartrosi concomitanteá

Secondo i dati pubblicati su Annals of the Rheumatic Diseases, i pazienti trattati con 9 mg di fasinumab, ogni 4 o 8 settimane, hanno avuto miglioramenti nella funzione e nella lombalgia cronica. Questi miglioramenti non sono stati osservati con il dosaggio pi¨ basso di 6 mg.

Secondo i dati pubblicati su Annals of the Rheumatic Diseases, i pazienti trattati con 9 mg di fasinumab, ogni 4 o 8 settimane, hanno avuto miglioramenti nella funzione e nella lombalgia cronica. Questi miglioramenti non sono stati osservati con il dosaggio più basso di 6 mg.

Low-back pain cronico o lombalgia cronica (CLBP) è definito come il dolore che persiste per più di 3 mesi.
Le linee guida internazionali raccomandano il trattamento iniziale con interventi non farmacologici, inclusi l'esercizio e la riabilitazione multidisciplinare. Se questi interventi sono inadeguati o se il dolore persiste, le linee guida raccomandano farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come trattamenti farmacologici di prima linea e duloxetina e tramadolo come trattamenti di seconda linea.

Gli oppioidi più forti sono un'opzione da considerare solo se i pazienti falliscono i trattamenti di cui sopra e se i potenziali benefici superano i rischi.
"L'uso a lungo termine di entrambi, FANS e oppioidi, è limitato da problemi di tollerabilità ed effetti avversi, come sanguinamento gastrointestinale, eventi cardiovascolari e il potenziale di abuso e dipendenza", hanno evidenziato gli autori del lavoro.

"Fasinumab è un anticorpo monoclonale completamente umano che ha dimostrato di ridurre il dolore nell' osteoartrosi (OA)."
Per analizzare l'efficacia e la sicurezza di fasinumab nella lombalgia cronica da moderata a grave, è stato condotto uno studio di fase 2/3, in doppio cieco, controllato con placebo su pazienti di età pari o superiore a 35 anni con una risposta inadeguata o intolleranza a FANS e oppioidi.

I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere 6 mg o 9 mg di fasinumab per via sottocutanea ogni 4 settimane, o 9 mg di fasinumab per via endovenosa ogni 8 settimane, o un placebo.

L'endpoint primario era la variazione del punteggio numerico medio giornaliero dell'intensità della lombalgia (LBPI) dal basale alla settimana 16.
Importanti variabili secondarie di efficacia includevano il Roland-Morris Disability Questionnaire (RMDQ) e il Patient Global Assessment (PGA).

I ricercatori hanno riportato risultati basati su un'analisi intent-to-treat modificata di 563 partecipanti su 800 che avevano inizialmente pianificato di includere.
L'arruolamento è stato interrotto in anticipo a causa di segni emergenti di rischio articolare in altri studi sull'osteoartrosi a dosi simili.

Secondo i ricercatori, ci sono state riduzioni significative dell'LBPI aggiustate per placebo tra i partecipanti in entrambi i gruppi di fasinumab da 9 mg alla settimana 16, con una media dei minimi quadrati di -0,7 (p<0,05), ma non nel gruppo da 6 mg, a -0,3 (p=0.39).
Inoltre, i miglioramenti di RMDQ e PGA alla settimana 16 sono stati maggiori per il gruppo fasinumab da 9 mg. I pazienti con OA periferica hanno dimostrato un'efficacia numericamente maggiore per 16 settimane, rispetto a quelli senza.

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento si sono verificati nel 65,6% dei partecipanti ai gruppi fasinumab combinati e nel 67,1% di quelli che hanno ricevuto un placebo.
Nel frattempo, gli eventi avversi che hanno avuto un impatto sull'articolazione, per lo più OA progressiva rapida di tipo 1, sono stati più frequenti nei gruppi fasinumab combinati, con 19 eventi in 16 pazienti rispetto a un evento in un paziente per il gruppo placebo.

Tutti tranne uno di questi eventi si sono verificati in pazienti con OA periferica.
"Nonostante il dosaggio sia stato interrotto prematuramente, tutte le dosi di fasinumab hanno fornito miglioramenti rispetto al placebo nelle misure del dolore (punteggio medio giornaliero LBPI NRS), della funzione (RMDQ) e della valutazione complessiva del paziente (PGA) nelle prime 8 settimane dello studio", hanno scritto gli autori.

“Un significativo miglioramento del dolore è stato mantenuto per 16 settimane per entrambi i gruppi di fasinumab 9 mg, ma non per 6 mg. Saranno necessari ulteriori studi per determinare se la robusta efficacia mostrata alla settimana 8 è sostenuta per periodi più lunghi a dosi inferiori ".

"Sebbene il beneficio del trattamento in questo studio fosse numericamente maggiore nel sottogruppo pOA, i tassi di artropatie (AA) in questi pazienti erano sostanzialmente più alti", hanno aggiunto. “Questo studio, quindi, ha convalidato le preoccupazioni sull'uso di fasinumab in soggetti con CLBP con OA concomitante, il cui rapporto rischio-beneficio alle dosi più alte era inaccettabile. Per i pazienti senza pOA, sono stati osservati bassi tassi di AA a queste dosi elevate, sebbene l'effetto del trattamento fosse più modesto. In questi pazienti, poiché il loro mal di schiena può essere dominato da meccanismi diversi dall'OA, è meno probabile che fasinumab fornisca benefici ".

Darkin P. et al., Efficacy and safety of fasinumab in patients with chronic low back pain: a phase II/III randomised clinical trial.

leggi


SEZIONE DOWNLOAD