Dolore

Mal di schiena acuto, efficacia e buona tollerabilitÓ dei miorilassanti

I farmaci miorilassanti sono efficaci e ben tollerati nel paziente con lombalgia acuta. E' quanto mostrato da una revisione sistematica della letteratura pubblicata sulla rivista European Journal of Pain, in cui gli autori evidenziano come invece le benzodiazepine non apportino la stessa efficacia.

I farmaci miorilassanti sono efficaci e ben tollerati nel paziente con lombalgia acuta. E’ quanto mostrato da una revisione sistematica della letteratura pubblicata sulla rivista European Journal of Pain, in cui gli autori evidenziano come invece le benzodiazepine non apportino la stessa efficacia.
La lombalgia (low back pain-LBP) è la principale causa di disabilità in tutto il mondo, con una prevalenza stimata del 23%. Per il suo trattamento in genere, vengono prescritti farmaci rilassanti muscolari e benzodiazepine come riportato anche in alcune linee guida internazionali.
Le linee guida raccomandano di considerare i miorilassanti o le benzodiazepine  quando i semplici analgesici (ad esempio il paracetamolo o FANS) o combinazione di analgesici anche oppioidi fornire insufficiente sollievo dal dolore.
Nonostante l’uso diffuso dei rilassanti muscolari per LBP, vi è incertezza intorno ai loro benefici clinici mentre le preoccupazioni per gli eventi avversi erano stati risolti con l'aumento dell'uso di questi farmaci.
L'ultima revisione sui miorilassanti per il mal di schiena non specifico risale a più di un decennio fa.
Lo scopo di questa recensione sistematica era quello di valutare l'efficacia e la tollerabilità dei miorilassanti nella gestione delle persone con mal di schiena.
Gli autori hanno cercato risultati in banche dati online tra cui Medline, EMBASE, Centro e PsyclNFO (fino a ottobre 2015) selezionando studi clinici controllati randomizzati (RCT).
Due autori hanno estratto in modo indipendente i dati e valutato il rischio di bias degli studi sui miorilassanti.  I risultati relativi al parametro dolore sono stati convertiti in una scala numerica da 0 a 100. 
I dati sono stati raggruppati utilizzando un modello a effetti casuali e la forza delle prove è stata valutata utilizzando il GRADE. 
Alla fine sono stati inclusi nell’analisi quindici studi su 3362 partecipanti.
Gli studi sui miorilassanti avevano considerato i seguenti farmaci: eperisone, carisoprodol, tiocolchicoside, tizanidina, flupirtina, pridonolo  e ciclobenzaprine.
Undici studi sui miorilassanti hanno considerato partecipanti con LBP acuta e altri tre hanno preso in considerazione soggetti con mal di schiena cronico.
Un totale di cinque studi (496 partecipanti) hanno fornito la prova di alta qualità che i miorilassanti apportano un sollievo dal dolore nel breve termine per LBP acuta, clinicamente significativo; MD - 21.3, (- 29.0, -. 13.5]. Non sono state annotate dai ricercatori informazioni nel lungo periodo. 
Il tasso mediano di eventi avversi negli studi clinici sui miorilassanti è stato simile al placebo 14.1%  IQR (7,0-28,7%) e 16,0% (4,1-31,2%); p=0, 05 rispettivamente.
Gli eventi avversi più comuni sono stati nausea, vertigini e mal di testa.
Non sono state trovate prove che evidenziassero l'efficacia delle benzodiazepine nella lombalgia. 
Gli autori a questo punto fanno una differenza tra ciò che agisce nei casi di mal di schiena acuto e i farmaci che agiscono in situazioni croniche.
Quello che traggono dagli studi è che per le persone con LBP acuto, i miorilassanti forniscono sollievo dal dolore clinicamente significativo nel breve periodo., tranne per pochi casi come la tizanidina.
Per il mal di schiena cronico, l’ efficacia dei miorilassanti è in gran parte sconosciuta.  Non sono state trovate evidenze (tra gli RCT analizzati) per sostenere l'efficacia delle  benzodiazepine nell’ LBP e quindi l'uso prolungato di questi farmaci nella lombalgia non è guidato da dati scientifici provati.
Gli autori nelle conclusioni e interpretazioni del lavoro sottolineano che questa revisione della letteratura mostra come i rilassanti muscolari forniscono sollievo dal dolore clinicamente significativo nei casi di lombalgia ma che allo stesso tempo bisogna usare cautela nell'interpretare i risultati visto che i dati vengono da prove su specifici miorilassanti.
Inoltre, la review sistematica evidenzia anche che i miorilassanti sono efficaci nel LBP acuto e suggerisce che è appropriato considerare un breve trattamento con miorilassanti prima del trattamento con oppioidi.
Abdel Shaheed C et al. Efficacy and tolerability of muscle relaxants for low back pain: Systematic review and meta-analysis. Eur J Pain. 2016 Jun 22. doi: 10.1002/ejp.907.
leggi


SEZIONE DOWNLOAD