Mal di schiena frequente per troppa sedentarietÓ, bisogna prendersi cura della colonna vertebrale

Secondo un recente sondaggio statunitense, l'incidenza del mal di schiena dopo i 30 anni Ŕ superiore al 90% e il 35% degli intervistati ha dichiarato di soffrirne quotidianamente. Le stime del Georgetown's Health Policy Institute lo considerano il sesto disturbo pi¨ costoso negli Stati Uniti e una delle principali cause di limitazioni sul lavoro o di giorni di assenza.

Secondo un recente sondaggio statunitense, l'incidenza del mal di schiena dopo i 30 anni è superiore al 90% e il 35% degli intervistati ha dichiarato di soffrirne quotidianamente. Le stime del Georgetown’s Health Policy Institute lo considerano il sesto disturbo più costoso negli Stati Uniti e una delle principali cause di limitazioni sul lavoro o di giorni di assenza.

Il sondaggio sul mal di schiena e sulla salute della colonna vertebrale effettuato dalla della Kelsey-Seybold Clinic, un centro medico specialistico di Houston, in Texas, è stato distribuito in tutto il paese a circa 300 persone di entrambi i sessi e di almeno 30 anni di età. Una volta analizzati i risultati, i medici hanno rilevato che la maggior parte dei partecipanti ha dichiarato di soffrire costantemente di mal di schiena.

Sorprendentemente il 70% degli intervistati ha dichiarato di non lavorare in condizioni che richiedono sforzi elevati, ma nonostante questo il 75% ha ammesso di soffrire di frequenti dolori alla schiena: il 35% giornalmente e il 40% su base mensile.

«In clinica dobbiamo spesso spiegare ai pazienti che il mal di schiena non è necessariamente legato a lavori che richiedono sforzi intensi. È una condizione di fatto associata al vivere e al lavorare in condizioni di sedentarietà, nelle quali le persone restano sedute per lunghi periodi di tempo», ha detto Ayse Dural della Kelsey-Seybold Clinic - The Woodlands. «Se i muscoli non vengono utilizzati, viene meno il tono muscolare che protegge dal soffrire di mal di schiena» ha aggiunto. «Il nostro corpo è pensato per il movimento e nessuna struttura ergonomica in ufficio può compensare il fatto che restiamo seduti anche per più di nove ore al giorno».

Le condizioni meteo peggiorano il dolore
Da notare che il 47% degli intervistati ha concordato sul fatto che il cambiamento delle condizioni meteorologiche o della pressione barometrica aumentava l’intensità dei loro dolori. In effetti per coloro che vivono per esempio nell’area intorno a Houston, il fatto di risiedere vicino al Golfo del Messico potrebbe comportare un livello di variabilità del tempo atmosferico non presente in altre aree. Le variazioni di temperatura di venti/trenta gradi nei mesi invernali e i forti temporali in primavera e in autunno potrebbero contribuire alla maggiore incidenza delle riacutizzazioni di mal di schiena durante quei mesi.

«Tutti conosciamo qualcuno che afferma di poter prevedere i cambiamenti climatici perché li “sente nelle ossa”, e potrebbe esserci del vero», ha commentato Ahmed Sewielam. «Riscontriamo un aumento significativo del numero di persone che chiedono iniezioni antidolorifiche o un consulto in autunno, in inverno e all'inizio della primavera. La variabilità delle condizioni meteo, il dolore che queste persone devono sopportare e la mancanza di luce solare nei mesi più freddi sembrano anche aumentare l'incidenza di alcuni disturbi della salute mentale, il più delle volte la depressione».

Il 41% degli intervistati ha infatti dichiarato di provare ansia o depressione legati al mal di schiena.

Esercizio fisico per mantenere il tono muscolare
Così come le persone si prendono cura di sé cercando di adottare buone abitudini, come fare scelte alimentari sane e mantenersi in esercizio, dovrebbero dedicare attenzioni quotidiane anche alla salute della loro colonna vertebrale. Agli intervistati è stato chiesto quali esercizi funzionano meglio per rinforzare i muscoli della schiena e il 30 percento ha indicato gli esercizi aerobici vigorosi. Tuttavia, attività come la corsa o lo jogging possono avere un impatto negativo sulla colonna vertebrale come su altre articolazioni. Invece l'allenamento di resistenza, come yoga, Pilates e nuoto, così come gli esercizi con i pesi, sono probabilmente le opzioni migliori quando l'obiettivo è rinforzare questa muscolatura.

«Quando un paziente viene a trovarmi per un problema acuto alla schiena, l'esercizio fisico non può far parte del programma di cure iniziale. L'obiettivo principale della visita è capire come ripristinare al meglio un livello funzionale di attività», ha affermato Steve Kim. «Tuttavia, per mantenere la colonna vertebrale in salute e prevenire un episodio acuto, il programma di allenamento dovrà poi includere degli esercizi di rinforzo per la schiena, l’allenamento di resistenza ed esercizi con i pesi».