Malattie muscoloscheletriche, aumento dei ricoveri ospedalieri correlati all'uso di oppioidi

Dolore

L'incidenza di ricoveri ospedalieri correlati agli oppiacei tra i pazienti con patologie muscoloscheletriche Ŕ aumentata notevolmente negli ultimi 2 decenni, con una crescita continua tra i pazienti con osteoartrosi, artrite reumatoide e fibromialgia, secondo quanto mostra un lavoro presentato al Meeting annuale ACR/ARP del 2019.

L'incidenza di ricoveri ospedalieri correlati agli oppiacei tra i pazienti con patologie muscoloscheletriche è aumentata notevolmente negli ultimi 2 decenni, con una crescita continua tra i pazienti con osteoartrosi, artrite reumatoide e fibromialgia, secondo quanto mostra un lavoro presentato al Meeting annuale ACR/ARP del 2019.

"Eravamo interessati a esaminare il disturbo da uso di oppioidi [OUD] nei cinque comuni disturbi muscoloscheletrici, data l'epidemia di oppioidi negli Stati Uniti", ha sottolineato Jasvinder Singh, della divisione di reumatologia e immunologia clinica presso l'Università dell'Alabama a Birmingham.
“Tra tutte le condizioni, i disturbi del dolore muscoloscheletrico sono uno dei motivi più comuni per cui i pazienti ricevono oppioidi, al di fuori del cancro. Con questo in mente, eravamo interessati a un aspetto del disturbo da uso di oppiacei, vale a dire i ricoveri associati negli Stati Uniti "

Per determinare il tasso di ricoveri ospedalieri correlati a OUD tra pazienti con malattie muscoloscheletriche, Singh e colleghi hanno esaminato i dati del National Inpatient Sample (NIS) degli Stati Uniti dal 1998 al 2014 per pazienti con gotta, osteoartrosi (OA), artrite reumatoide (AR), fibromialgia e lombalgia.

I ricercatori hanno basato la loro revisione retrospettiva sui codici diagnostici ICD-9-CM per la dipendenza o l'abuso di oppioidi nella posizione di diagnosi primaria: 304.0x, 304.7x, 305.5x, 965.0x, E850.0 o E935.05. L'incidenza dei reclami OUD è stata valutata per 100.000 reclami NIS totali.

Secondo i risultati dello studio, sebbene l'incidenza delle ospedalizzazioni correlate all'OUD fosse bassa all'inizio del periodo di studio, ci sono stati aumenti significativi in tutte e cinque le condizioni nell'arco di 19 anni, con un aumento di 24 volte dei ricoveri tra i pazienti con gotta, aumento di nove volte nell'OA, un aumento di otto volte della fibromialgia, un aumento di sei volte nell'AR e un aumento di quasi quattro volte nei pazienti con lombalgia.

"Abbiamo anche scoperto che nei pazienti con gotta, le spese ospedaliere erano superiori di circa 3000 dollari e la probabilità di essere ricoverati in ospedale per più di 3 giorni era superiore di circa il 25%. Non abbiamo osservato tassi simili nelle altre quattro condizioni", ha precisato Singh.

"Un altro aspetto interessante è che se si confronta ciascuna delle cinque coorti di malattie muscoloscheletriche con le persone senza queste condizioni, la mortalità per ricovero OUD era molto più bassa tra i pazienti con malattie muscoloscheletriche rispetto a quelli senza di essa, e non siamo sicuri di quale potrebbe essere la causa” ha aggiunto Singh.

Secondo i ricercatori, i tassi di OUD per 100.000 reclami NIS hanno dimostrato complessivamente aumenti significativi dell'ospedalizzazione; tra i pazienti con lombalgia, i tassi di ricovero sono aumentati del 554%, mentre i pazienti con gotta hanno mostrato un aumento del 3,568% di ricovero.

Singh ha anche osservato che, sebbene sembrasse esserci un plateau di richieste OUD per la lombalgia e la gotta, "l'aumento sembra continuare per OA, fibromialgia e AR".

In conclusione, come hanno sottolineato gli autori del lavoro: "Riteniamo che il nostro studio possa aiutare i nostri colleghi a ottenere informazioni sui tassi e sulle tendenze temporali nell'ospedalizzazione per disturbo da uso di oppioidi e consentire il confronto in varie condizioni", ha affermato Singh. "Speriamo che negli anni a venire, possiamo accumulare più dati e speriamo di osservare un declino del ricovero OUD in tutte queste condizioni”.

Singh J. Abstract #2047. Time-trends in opioid use hospitalizations in common musculoskeletal conditions: Gout, osteoarthritis, rheumatoid arthritis, fibromyalgia, and low back pain. Presented at ACR/ARP Annual Meeting, Nov. 8-13, 2019; Atlanta.

SEZIONE DOWNLOAD